Ardeatine: 24 marzo 1944 – 24 marzo 2014

24 Mar 2014

Il 24 marzo 1944, le truppe tedesche presero prigionieri 335 cittadini italiani come rappresaglia per l’uccisione di 33 soldati del reggimento Bozen nell’attentato di via Rasella. Con una terribile contabilità 1 a 10, i tedeschi falcidiarono i prigionieri, tutti civili, nelle cave vicine alla via Ardeatina.

fosseardeatineIl 24 marzo 1944, le truppe tedesche d’occupazione presero prigionieri 335 cittadini italiani come rappresaglia per l’uccisione di 33 soldati del reggimento Bozen nell’attentato teso dai partigiani in via Rasella. Con una terribile contabilità 1 a 10, i tedeschi falcidiarono i prigionieri, tutti civili, nelle cave vicine alla via Ardeatina, dove oggi c’è un monumento nazionale in ricordo della strage nazista. Erik Priebke, uno degli ufficiali che eseguì l’eccidio, è morto l’11 ottobre scorso a Roma all’età di 100 anni, non avendo mai rinnegato il suo passato. Priebke era sotto il comando del colonnello Kappler, il quale disse che l’ordine di massacrare i 335 civili “veniva direttamente da Hitler”.

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Le scuole di Libertà e Giustizia

L’Unione europea come garante di democrazia, pace, giustizia

In vista della legislatura 2024-2029, l’associazione Libertà e Giustizia propone sette incontri - dal 29 febbraio al 23 aprile - sul ruolo del Parlamento europeo e le possibilità di intervento dei singoli cittadini e delle associazioni.

Approfondisci

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.