IL RAPPORTO INTERNO MSF SULL’ATTACCO ALL’OSPEDALE DI KUNDUZ

IL RAPPORTO INTERNO MSF SULL’ATTACCO ALL’OSPEDALE DI KUNDUZ

MSF ha oggi pubblicato un rapporto interno che esamina gli attacchi del 3 ottobre da parte delle forze statunitensi sull’ospedale di MSF nell’Afghanistan settentrionale. L’analisi cronologica dei fatti che si sono susseguiti, durante e immediatamente dopo gli attacchi aerei, dimostra che non c’era alcuna ragione per cui l’ospedale dovesse essere colpito. Non c’erano combattenti armati o combattimenti nell’area dell’ospedale.

Il documento interno di MSF descrive una situazione in cui i pazienti bruciano nei loro letti, il personale medico è decapitato o perde gli arti e altre persone sono prese di mira e colpite dagli aerei mentre fuggono dall’ospedale in fiamme. Alcuni medici di MSF e altro personale medico sono stati uccisi mentre cercavano di raggiungere un’altra zona del compound nel tentativo di mettersi in salvo. Almeno trenta persone sono state uccise, tra loro 13 membri del personale medico, 10 pazienti e 7 corpi irriconoscibili non ancora identificati.

“Da quanto accaduto nell’ospedale emerge che questo attacco è stato condotto allo scopo di uccidere e distruggere”, dichiara Christopher Stokes, direttore generale di MSF. “Ma non sappiamo perché. Non abbiamo visto cosa è successo nella cabina di pilotaggio, né tra le catene di comando statunitense e afghana”.

I primi risultati dell’analisi mostrano chiaramente i fatti all’interno dell’ospedale nei giorni precedenti e durante l’attacco. Il rapporto comprende i dettagli della disposizione delle coordinate GPS e il registro delle telefonate da parte di MSF alle autorità militari nel tentativo di fermare gli attacchi aerei. Sulla base del diritto internazionale umanitario, MSF aveva raggiunto l’accordo di rispettare la neutralità dell’ospedale con tutte le parti in conflitto.

“Noi abbiamo rispettato gli accordi – il centro traumatologico di MSF a Kunduz era un ospedale pienamente funzionante e al momento degli attacchi aerei erano in corso degli interventi chirurgici”, dichiara la dottoressa Joanne Liu, presidente internazionale di MSF. “Il divieto di ingresso alle armi nelle strutture di MSF è stato rispettato e il personale ospedaliero aveva il pieno controllo della struttura prima e durante gli attacchi aerei”.

Tra i 105 pazienti al momento dei bombardamenti, vi erano combattenti feriti di entrambe le parti in conflitto a Kunduz, così come donne e bambini.

“Stanno circolando alcuni resoconti pubblici che affermano che l’attacco al nostro ospedale potrebbe essere giustificato dal fatto che stavamo curando dei talebani,” prosegue Stokes. “Ai sensi del diritto internazionale, i combattenti feriti sono pazienti, non devono subire attacchi e vanno curati senza discriminazioni. Il personale medico non dovrebbe mai essere punito o attaccato perché fornisce cure ai combattenti feriti”.

Il documento, è parte di un’analisi in corso da parte MSF sugli eventi, e si basa su circa sessanta colloqui con i dipendenti nazionali e internazionali di MSF che hanno lavorato presso il centro traumatologico da 140 posti letto, informazioni interne e pubbliche, fotografie dell’ospedale prima e dopo l’attacco, scambio di e-mail e telefonate registrate.

“L’attacco ha annientato la nostra capacità di soccorrere i pazienti nel momento in cui ne hanno più bisogno”, conclude la dottoressa Joanne Liu. “Un ospedale funzionale che cura pazienti non può così facilmente perdere il suo status di protezione ed essere attaccato”.

Leggi il rapporto completo in inglese

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>