LeG in piazza con le donne

Libertà e Giustizia dopo la grande mobilitazione civile di sabato scorso al Palasharp di Milano sarà presente in tutte le piazze italiane, a fianco delle donne che si mobilitano, domenica 13 febbraio. Una delegazione di LeG raggiungerà i punti di ritrovo in tutto il Paese. Pubblichiamo il testo di Catia Urbinelli amica di LeG, membro del Comitato Direttivo del Consiglio delle Donne di Senigallia, che ci fa comprendere l’importanza della giornata del 13 febbraio:

“Se non ora quando o meglio dire è ora passata. Certo lo stupore è tanto, certo che gli ultimi fatti hanno fatto traboccare come si suol dire l’ultima goccia dal vaso, ma non cadiamo dalle nuvole.

Le ragazze immagine ci sono sempre state, lo sfruttamento del corpo femminile è sempre esistito, e per accorgersi basta accendere la tv, anche la più semplice pubblicità del detersivo ha uno sfondo sessuale e usa la donna come oggetto del desiderio, anche tutti i reality show o l’80 % dei programmi tv utilizza le donne come carne da macello, e non solo ma la stupidità diventa pure cavallo di battaglia, la stupidità diverte, fa audience, e qui purtroppo non parliamo solo di donne ma anche di un bello stuolo di uomini.

Per un minuto di celebrità tutto si fa, anche rendersi ridicoli di fronte a milioni di telespettatori, e se poi c’è la possibilità di guadagnarci un po’ che male c’è? Tanto lo fanno tutti! Ed è da questa frase che partirei. Perchè non è vero che tutti lo fanno, non è vero che chi nella vita si è realizzato è per forza passato nel letto di qualche potente, non è vero che per forza bisogna essere siliconate e portare la quarta per avere successo ed è questa parte di persone che fa la differenza, sono questi gli uomini e le donne che mantengono il decoro di una società e la dignità di un paese.

Un paese come il nostro può davvero perdere dignità per un mucchietto più o meno grande di miseri esseri accecati dal denaro e brama di potere? Io credo di no, non sarebbe giusto pensarlo nel rispetto di tutte quelle donne e tutti quegli uomini che hanno combattuto per la conquista dei diritti, e per tutti coloro che hanno dato e continuano a dare lustro al nostro Paese.

La manifestazione del 13 Febbraio è un momento importante per riaffermare tutto il bello e il buono che ancora c’è nel popolo italiano”.

Gli appuntamenti del 13 febbraio con LeG:
New York: isola pedonale di Times Square – 42esima strada e Broadway, ore 12:30
Milano
: P.zza Castello davanti alla fontana, ore 14.15
Genova: P.zza Caricamento, ore 15.00
Roma: P.zza del Popolo, presso l’obelisco, lato Pincio, ore 13.45
Firenze: corteo in partenza da piazza dei Giudici ore 14, arrivo in P.zza della Repubblica ore 17
Torino: P.zza San Carlo (all’altezza del Caffè Torino), ore 14.30  
Bologna: Piazza XX settembre, (Scalinata della Montagnola via Indipendenza più vicina all’Autostazione), ore 14.15
Belluno
: P.zza dei Martiri, ore 10.00
Bergamo
: via XX settembre (Colonne di Prato), ore 10.00
Brescia: l.go Formentone, ore 15.00
Mantova, p.zza Mantegna, ore 15.00
Pavia: Piazza della Vittoria, ore 15.00
Pescara: Piazza Sacro Cuore, ore 10.30
Ravenna: P.zza del Popolo, ore 15
Rieti: piazza Vittorio Emanuele, ore 16.00
San Vito al Tagliamento (PN): p.zza del Comune , ore 10.30
Senigallia:  Piazza Roma, ore 16.00
Trieste: Piazza Unità d’Italia, davanti alla Prefettura, ore 11.00

68 commenti

  • Pingback: Tweets that mention Se non ora, quando? LeG in piazza con le donne | Libertà e Giustizia -- Topsy.com

  • “SE NON ORA QUANDO?” Poi però dobbiamo IMMEDIATAMENTE METTERCI AL LAVORO, donne e uomini di buon cervello, in tutte le forme che riusciremo a inventare, sul web e fuori dal web, PER FAR COMPRENDERE ALLE CASALINGHE BERLUSCONIANE, E A QUEL 46% DI CATTOLICI CHE, A QUANTO SI DICEVA NELL’ULTIMA PUNTATA DE “L’Infedele” SONO CON QUESTA VERGOGNA.

    PER FAVORE, DISCUTIAMO SUL COME!!!

  • Perdonatemi, a chi pensa che il lurdume si ferma nelle ville del nano morgante, si sbaglia di grosso! Quelli che lo hanno sublimato, votato, si comportano allo stesso modo, donne comprese.
    Guardate la vicenda dei lestofanti della cricca, stesso copione!
    Le donne che vogliono incarichi di consulenze, stesso copione.
    Come faremo?

  • a volte mi sembra di vivere in un incubo. I miei nonni prima, i miei genitori poi, noi genitori ai nostri figli non hanno e non abbiamo insegnato a vivere secondo la logica della disonestà, del denaro, del potere dell’arroganza e del DISGUSTO …… Ma mi domando: riusciremo a vincere questa battaglia? Il berlusconismo deve finire e con lui colui che lo ha generato. SINISTRA? Ci SEI? seci sei batti uno, cento, mille colpi: FATEVI SENTIREEEEE!!!!

  • Mi raccomando, LeG deve essere anche a Varese
    domenica 13 ore 10,30, piazza Monte Grappa.
    Rifiuto l’etichetta di ‘moralista’ e le diciottenni implicate nell’affare Berlusconi mi appaiono vittime. Nessuna crociata. Solo che la vicenda induce a credere che nell’immaginario berlusconiano il parlamento (o consiglio regionale, o provinciale, o comunale…) ideale debba essere composto da sculettanti soubrette inframezzate da compiacenti lacchè, con plauso da un popolo ipnotizzato dalle sue televisioni.
    Ma quello che mi spaventa di più è la frase di oggi “Farò causa allo Stato”, è il telefonare a una Questura per intimidire, è il varare decreti ‘saltando’ le procedure regolamentari (è ammessa l’ignoranza della legge in chi ci governa?). Il tutto sa di ‘narcisismo’ patologico, che è da compatire, ma resta inammissibile in un Capo di Governo.
    Anche per questo sarò in piazza il 13 febbraio.
    nota: ma perchè Ferrara è così invelenito con la splendida manifestazione del palashar, alla quale ho partecipato anch’io? non sarà che si è accorto che davvero un’altra Italia è possibile?

  • Come si fa a far sapere che una delegazione di Libertà e <giustizia partecipa alla manifestazione se le organoizzatrici non ci lasciano portare il nostro striscione?

  • E’ stato sbagliatissimo annullare la manifestazione del 13 in favore dei magistrati.Sfrontatamente,come nel film il Caimano ,i sostenitori del Caimano hanno invece manifestato per lui davanti al tribunale.

    Su questa vicenda farò una causa allo Stato” dice il piduista n.1816.Lui lo Stato italiano l’ha devastato per ridurlo al suo servizio e creare lo Stato parallelo di mafia e servizi deviati.Nondispiaccia al Cavaliere,ma fino a smantellamento totale dello Stato italiano(le brigate rosse non ci sono riuscite),la legge è uguale per tutti

  • Ma essere morali per una persona di sinistra è diventato un peccato?

    Non capisco perchè, se il comportamento del nano e della sua corte di uomini e di donne mi da repulsione, meglio: ci indigna, non capisco perchè devo stare attenta a come/cosa penso di quelle donne, madri o figlie che siano.

    Mi pare che siano tutte -a parte 2- maggiorenni. Mi dispiace, non condivido l’idea che siano vittime.

    Ci sarò senz’altro, per mandarli a casa tutti.

  • intervengo e come se intervengo!!! come si fa ancora a tacere?? Lui vuol fare causa allo stato che é come dire tirarsi una martellata sui coglioni per citare Vergassola! Noi LO MANDEREMO A CASA (UNA DELLE SUE 20 CASE non importa quale!!! Mobilitiamoci donne e uomini che no siamo a Sua disposizione!!!!

  • a Padova ci sarà il corteo e ci sarò anch’io, non se ne può più. Ho visto gli interventi di LeG e ne sono entusiasta.

  • A parte i reati, che sono materia di carattere giuridico e che devono essere esaminati dai magistrati, il comportamento del presidente del consiglio è tale da suscitare l’indignazione di qualsiasi persona soltanto “normale”. Il bigottismo e il moralismo non c’entrano niente: c’entra la dignità di uno stato rappresentato da una persona che, gusti a parte, permette di essere in balia di qualsiasi telefonino con fotocamera, quindi di essere ricattabile in qualsiasi momento. A un personaggio con incarico di quel livello di privato resta ben poco. Ed è giusto che sia così. Quanto alle ragazze che “ci stanno”, che cosa viene sbandierato se non l’importanza dell’immagine, qualunque sia il luogo dove l’”immagine” si mostra? Cerchiamo di ricomporre l’Italia che ha ancora tanto di buono da dire. E da fare.

  • E’ stato a dir poco entusiasmante sentire le voci fuori dal coro di Eco, Saviano, Camusso e Zagrebelsky. Esiste un’altra Italia, eccome se esiste. A dispetto di quelli che urlano per imporre agli altri le proprie opinioni, a dispetto di quelli che, narcotizzati dalla tv berlusconiana, non sono più capaci di intendere e di volere. Questa onda montante di indignazione, prima o poi, travolgerà e sommergerà questo marciume.

  • Ci sarà una manifestazione anche a Udine, dalle 14,00 alle 16,00 in piazza San Giacomo, ci sarò anch’io che condivido tutti gli interventi di LeG, anzi ne sono entusiasta e non mi sento più una marziana sulla Terra. C’è proprio un’altra Italia e questa deve emergere dal marciume!

  • Da questa situazione ne possiamo uscire solamente in due modi:o ritrovando la libertà e soprattutto la dignità oppure con la dittatura ammesso che non ci siamo già.Non possiamo mollare.

  • X luciana : sai anche dove sfila il corteo di Padova e a che ora? Vorrei esserci anch’io a fare il tifo a tutte le donne che partecipano per dimostrare che non tutti gli uomini sono arroganti e opportunisti come Berlusconi.
    Prima della sua insulsa vita privata viene il decoro nei comportamenti per rispetto dei propri cittadini e del proprio paese, perchè da Presidente del Consiglio ha giurato fedeltà alla Costituzione e ciò si traduce anche nella tutela di tutte le categorie delle donne. Non si può accettare che un premier paghi cifre vergognose a ragazzine che allietano le sue volgari serate e invece non una parola alle milioni di donne che attraverso il sacrificio e nell’umiltà della loro vita quotidiana allevano figli e contribuiscono al bilancio economico delle proprie famiglie. Una scala di valori che il nostro Presidente del Consiglio dà ma che ci condanna il mondo intero……Da vero cittadino italiano a me un presidente così disgusta …Voglio adesso un Premier vero!..Forza donne!

  • Messaggio per GIUSY NICOLI.
    Sul sito del Partito Democratico. Domenica 13 alle ore 14 in Piazza Cittadella.
    Ciao a domenica.

  • Per Giusy Nicoli e altri che vorranno partecipare.
    La manifestazione “Senonoraquando?” si svolgerà in Piazza Isolo .
    Vedi “www.pdverona.it”.
    In Piazza Brà raccolta firme per chiedere le dimissioni del Presidente
    del Consiglio.

  • A Livorno ci sarà un’analoga iniziati alla Terrazza Mascagni alle 10 di mattina. saremo vicini col sentimento

  • …complimenti: se non ora quando recuperare almeno un pò di coscienza di se’ stessi e di gignità !!!
    P&P

  • Anche sabato 12 a Firenze c’è una manifestazione alle 11 da S. Ambrogio.
    Speriamo di non creare confusione

  • Partecipo alla manifestazione perché lo ritengo un dovere ed è superfluo ricordarne i motivi. Vorrei però evidenziare 3 questioni cui tengo molto: 1) basta tirare x la giacca R. Saviano: lui le mani in tasca non le tiene, infatti SCRIVE e quello è il suo compito; 2) promuovere 1 campagna perché lo stipendio dei parlamentari sia diminuito: quando fa a loro comodo citano l’Europa, che si adeguino allo stipendio degli spagnoli; 3) altra campagna x la diminuzione del numero dei suddetti parlamentari. Una volta fatte queste cose si potrà cominciare a parlare di far pagare le tasse non ai soli dipendenti e si avrà una società + giusta. Cari saluti a tutti Chiara Gassi

  • Ho settantaquattro anni, sono giornalista professionista dal 1967, ormai lavoro praticamente solo nel volontariato …salvo qualche piccola e rara collaborazione. Ho sposato un mio compagno di liceo e siamo assieme nel bene e nel male da quasi cinquanta anni…Ho avuto un’appagante vita di lavoro, ho sempre battagliato, anche oggi continuo a battagliare e sono viva, vivissima e per fortuna col cervello in ordine. Ma non mi sono mai arresa e soprattutto mai sbattuta per soldi, solo per cercare fare quel che volevo fare..con le mie forze (testa e cuore). E credo di esserci anche riuscita, per mia grande fortuna e spero anche per buona volontà e abilità. Conquistando tutto senza mai ricorrere ad altre qualità che non fossero morali e lavorative, senza mai abbassare la guardia. Ora lavoro per gli altri e ne sono felice.
    Il mondo ha subito una rivoluzione copernicana, nessuno studia più bene, nessuno educa più i figli, la scuola è misera, troppi cercano di laurearsi sperando solo di far soldi, tutti pensano solo a mettersi soldi in tasca fin da quando sono giovanissimi. E sono infelici. Questa è la grande disgrazia del mondo di oggi, viziato da periodi di benessere e sfrenata voglia di divertirsi in tutti i modi, teso ad avere invece che a essere
    Quindi vado in piazza con le altre donne di qualsiasi provenienza e mondo siano, basta che alla base della loro vita abbiano conservato dignità e valori.
    Se non ora quando? Subito, oggi, è già forse troppo tardi

  • Bello, vero ed efficace il molteplice grido di Suor Rita Giaretta al Berlusconi-Erode: “NON TI E’ LECITO…!”. (il testo della lettera aperta è sul sito “Filomena. La rete delle donne”). Aggiungo senza modificare una parola del grido di Suor Rita (un soldo di cacio di donna con la fermezza, l’amore per l’uomo e la donna e una forza inaudite): “Non ti è lecito, sig. Berlusconi, mentire a tutti publicamente, occupare il potere per tuoi fini personali, picconare le istituzioni per difenderti da accuse gravi quando ti sono date tutte le facoltà di prova per dimostrare la loro insussitenza, non ti è lecito farti pagare dai contribuenti gli avvocati-deputati-difensori, non ti è lecito retribuire le tue favorite con posti di rappresentanza istituzionale nel parlamento europeo, nel consiglio regionale della Lombardia, salvo altri.

  • portiamo una bandiera, una bandierina, una coccarda tricolore, non per nazionalismo, ma per ribadire l’unità del paese, la Costituzione italiana
    e, per conseguenza, la divisione dei poteri, l’uguaglianza davanti alla legge, la solidarietà e la giustizia sociale.

  • Facciamo tutti il passaparola a più non posso. Dobbiamo essere in tanti e continuare ad organiazzare (e a artecipare a) molte iniziative ancora. Oggi davanti al Palazzo di Giustizia c’era un centinaio di manifestanti che chiedevano al “nostro eroe (!) perseguitato dalla giustizia” di “resistere resistere resistere” (COMPLIMENTI VIVISSIMI!!!). Pare anche ci fosse la Santanché: se così è COMPLIMENTI VIVISSIMI anche a lei per il suo impagabile (in – “pagabile” !?!) impegno sociale e per la sua coscenza civile! Facciamo in modo che la nostra mobilitazione risvegli anche chi dorme. Scrivete agli amici, parlate, fate girare mail.
    Arrivederci al 13 febbraio nelle nostre (le nostre) piazze, e a tutte le prossime occasioni di incontro.
    Grazie, sempre dal profondo del cuore e della coscienza, a LeG per quello che sta facendo.
    Cristina

  • Ciao, sono una mamma di 2 ragazze: adulte, indipendenti, che svolgono un lavoro, ma che domenica … non saranno alla manifestazione!
    Io ci sarò sicuramente, anche per loro, ma sono molto dispiaciuta che questo raduno venga letto, da loro come da molti altri, essenzialmente come una “contrapposizione” a Berlusconi, come un manifestare x blocchi contrapposti, l’un contro l’altro armati, senza che ci sia una proposta sufficientemente positiva. I toni si sono alzati troppo e si gioca solo a chi alza di più la voce.

    Seppure siano convinte che c’è un’Italia che la pensa e vive in modo ben differente da quello che continuamente ci viene presentato da TV e giornali, un mondo di cui loro fanno parte, con tante amiche ed amici (hanno imparato il valore dell’onestà, dello studio, del lavoro pulito, dell’impegno, della realizzazione personale anche con sacrificio, ed hanno le “misure”, se questo è un altro degli argomenti penalizzanti e discriminanti!), tuttavia ritengono che sia sufficiente continuare a comportarsi correttamente, onestamente, a impegnarsi nel quotidiano secondo questi principi, per essere stimate e apprezzate.

    Io rispetto certamente le loro idee e la loro opera silenziosa, ma in questo momento sono convinta che anche la visibilità debba avere il suo spazio, proprio per mostrare quante cose positive ci sono, quante persone vivono il loro quotidiano secondo moralità, correttezza, responsabilità ed integrità, e questo proprio per dare un messaggio positivo in assoluto: ci siamo e lavoriamo pulito e sodo!
    Ecco, smettiamola di guardare quello che fanno gli altri, noi siamo qui x mostrare quello che sappiamo fare noi, quello che valiamo … senza doverci confrontare con altri, perché crediamo nel modo in cui viviamo!

  • Tempo di Liberazione… vi piace la Libertà gente? certo che sì…
    Beh,è tempo di Liberarci dal cancro berelusconiano e tornare a respirare aria pura e fresca.
    Per l’Italia Patria nostra e per Roma vittoriosa fratelli miei !!!

  • Manifestazione per la dignità delle donne.

    Se sono donne di sinistra è logico che l’ipocrsia e la menzogna siano le loro note qualificanti. La menzogna, come spesso dico, è già insita nella parola “COMUNISMO” perché dove esso s’è manifestato mai s’è realizzata la COMUNANZA DEI BENI. Anzi: solo MISERIA, FAME, TORTURE, ATROCITA’ E MORTE.

    Detto questo: io mi chiedo come siano proprio le donne di sinistra a parlare di MERCIFICAZIONE DEL LORO CORPO: hanno forse dimenticato cosa combinavano negli anni settanta, negli anni della contestazione, negli anni delle occupazioni scolastiche e universitarie?

    SI MERCIFICAVANO FINO ALL’ULTIMO PELO: giorno e notte, notte e giorno. Ora d’incanto si sono convertite allo spiritualismo di Destra.
    Hanno d’incanto abbandonato le loro idee marterialiste che, in quanto tali, sono MERCIFICANTI PER ESSENZA E PER DEFINIZIONE.

  • Esimio Illustrissimo Signor Enzo,
    negli anni ’70 ero piccolina, ma ricordo perfettamente (e gli eventi successivi lo hanno confermato) che quello che volevano le donne era la libertà di agire come SOGGETTI e non come oggetti sessuali, ne’ più ne’ meno che alla pari degli uomini, con gli stessi diritti.
    Non venga, quindi, per favore, a fare la morale parlando di mercificazione.
    Saremo in piazza e saremo tanti (tanti: id est donne e uomini).

    PS: le donne hanno partecipato attivamente al Risorgimento italiano ed alla costruzione dell’unità d’Italia, al suo mantenimento ed allo sviluppo della struttura sociale, anche quando gli uomini erano in guerra. Altre donne hanno vissuto attivamente e a volte drammaticamente le esperienze della resistenza e hanno contribuito alla stesura della Costituzione e al rilancio della politica, contribuendo alla rinascita dell’Italia.
    CREDO CHE LEI NON SOLO NON ABBIA COMPRESO IL SIGNIFICATO DELL’INIZIATIVA ATTUALE, MA NEANCHE LA STORIA DEL GENERE UMANO DEGLI ULTIMI 150 ANNI!

  • Partecipo per riaffermare la mia dignità di donna di andare a letto con chi mi pare, solamente per dare e prendere piacere. Ovvio che vale per tutti: donne, uomini, transessuali, omosessuali, bisessuali…tutti i cinque generi insomma.

    Certamente, sei una/o prostituta/o solamente se campi vendendo piacere fisico. Se invece ti limiti a qualche “prestazione” ogni tanto, significa semplicemente che ogni tanto fai della prostituzione: insomma, dire delle scemenze ogni tanto non significa essere scemi, ma _ appunto _ incappare ogni tanto in qualche scemenza.

    Comunque il punto mi pare un altro: la concorrenza sleale. Bisogna pur scegliere i mezzi con cui competere per un certo posto di lavoro o riconoscimento o finanziamento o quant’altro. Altrimenti sarebbe come se in una gara fra ciclisti, uno/a applicasse un motorino alla sua biciletta…
    Ornella Rota

  • a sig….. Enzo
    per come scrive ,penso che abbia perso un’altra occasione per stare zitto.
    Se fosse per me, un tipo cosi’ non avrebbe mai saputo cosa si prova a fare all’ampre ne gratis ne a pagamento.

  • Tra le tante località segnate qui sopra dove si terranno le manifestazioni, non ne ho visto nemmeno una che riguarda il sud d’Italia. Come mai?
    Le persone si indignano solo al Nord?

  • Nelle sedi per l’appuntamento del 13 febbraio non vedo nessuna città della Sicilia. Perchè?

  • Sono andata qualche anno fa a due riunioni di Leg a Palermo per costituire un gruppo di lavoro anche qui. Sono ancora in attesa di una mail …. Anche da noi c’è gente che si indigna , che vorrebbe partecipare e dare il proprio contributo. Occorre però qualcuno che coordini gli sforzi con la seria intenzione di fare qualcosa di buono per la propria città .
    Vincenza Piscitello

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>