Per una legge elettorale rispettosa della Costituzione

06 Mar 2014

La Rete per la Costituzione chiede di impegnarsi, se il testo in discussione sulla modifica della legge elettorale dovesse entrare in vigore, alla immediata costituzione di un Comitato Nazionale con l’obiettivo di esperire tutte le possibili iniziative legali per impedire la sua applicazione, sia ricorrendo alla autorità giudiziaria per rimettere alla Consulta la questione di legittimità costituzionale, che promuovendo un referendum abrogativo.

italicumAlla forzatura in atto per l’approvazione immediata di una riforma elettorale indifendibile sul piano della legalità costituzionale e della ragionevolezza, che cerca di presentare alla opinione pubblica le ‘riforme istituzionali’ come un passaggio indispensabile per risolvere i problemi del nostro Paese, è necessario rispondere urgentemente.
Non può essere infatti subita passivamente la implicita accettazione delle tesi espresse a suo tempo dagli analisti di J.P.Morgan, che per non riconoscere l’origine finanziaria della attuale crisi internazionale hanno tentato di attribuirne le responsabilità alla struttura democratica delle Costituzioni europee.
A questo eccesso di ‘movimentismo’ propagandistico del nuovo Presidente del Consiglio, che, forse per superficialità, finisce col riproporre una visione autoritaria e centralista del potere, deve essere opposta una difesa intransigente delle nostre istituzioni, che restituisca ai cittadini il potere di decidere il futuro del Paese.

La Rete per la Costituzione ha pertanto deciso di fare appello al mondo della cultura giuridica e non solo, alle organizzazioni politiche e sindacali, all’associazionismo democratico allo scopo di richiedere al Parlamento la formulazione di una nuova proposta di riforma elettorale rispettosa della Costituzione, e promuovere un confronto aperto e trasparente che consenta la valutazione degli obiettivi dichiarati e delle conseguenze reali delle ‘riforme’ costituzionali con cui si intende stravolgere la struttura del Parlamento, il rapporto Stato-Regioni e perfino l’indipendenza della Magistratura.

I Comitati che compongono la Rete propongono, nel caso in cui la legge elettorale attualmente in discussione dovesse entrare in vigore, la immediata costituzione di un Comitato Nazionale con l’obiettivo di esperire tutte le possibili iniziative legali per impedire la sua applicazione, sia ricorrendo alla autorità giudiziaria per rimettere alla Consulta la questione di legittimità costituzionale, che promuovendo un referendum abrogativo.

Allegato il documento emesso dalla Rete per la Costituzione, aperto alla adesione di quanti ritengono di condividerlo.

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Le scuole di Libertà e Giustizia

L’Unione europea come garante di democrazia, pace, giustizia

In vista della legislatura 2024-2029, l’associazione Libertà e Giustizia propone sette incontri - dal 29 febbraio al 23 aprile - sul ruolo del Parlamento europeo e le possibilità di intervento dei singoli cittadini e delle associazioni.

Approfondisci

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.