Quando l’On. Mattarella parlò (2005) in aula contro le modifiche alla Costituzione

12 marzo 2015
15:00

MattarellaS ignor Presidente,

tra la metà del 1946 e la fine del 1947, in quest’aula, si è esaminata, predisposta ed approvata la Costituzione della Repubblica. Con l’attuale Costituzione, che vige dal 1948, l’Italia è cresciuta, nella sua democrazia anzitutto, nella sua vita civile, sociale ed economica. In quell’epoca, vi erano forti contrasti, anche in quest’aula. Nell’aprile del 1947 si era formato il primo governo attorno alla Democrazia cristiana, con il Partito comunista e quello socialista all’opposizio – ne. Vi erano contrasti molto forti, contrapposizioni che riguardavano la visione della società, la collocazione internazionale del nostro paese. Vi erano serie questioni di contrasto, un confronto acceso e polemiche molto forti. Eppure, maggioranza e opposizione, insieme, hanno approvato allora la Costituzione. Al banco del governo, quando si trattava di esaminare provvedimenti ordinari o parlare di politica e di confronto tra maggioranza e opposizione, sedevano De Gasperi e i suoi ministri. Ma quando quest’aula si occupava della Costituzione, esaminandone il testo, al banco del governo sedeva la Commissione dei 75, composta da maggioranza e opposizione.

Il governo di allora, il governo De Gasperi, non sedeva ai banchi del governo, per sottolineare la distinzione tra le due dimensioni: quella del confronto tra maggioranza e opposizione e quella che riguarda le regole della Costituzione. Questa lezione di un governo e di una maggioranza che, pur nel forte contrasto che vi era, sapevano mantenere e dimostrare, anche con i gesti formali, la differenza che vi è tra la Costituzione e il confronto normale tra maggioranza e opposizione, in questo momento, è del tutto dimenticata.

L e istituzioni sono comuni: è questo il messaggio costante che in quell’anno e mezzo è venuto da un’Assemblea costituente attraversata – lo ripeto – da forti contrasti politici. Per quanto duro fosse questo contrasto, vi erano la convinzione e la capacità di pensare che dovessero approvare una Costituzione gli uni per gli altri, per sé e per gli altri. Questa lezione e questo esempio sono stati del tutto abbandonati. Oggi, voi del governo e della maggioranza state facendo la “vostra” Costituzione. L’avete preparata e la volete approvare voi, da soli, pensando soltanto alle vostre esigenze, alle vostre opinioni e ai rapporti interni alla vostra maggioranza. Il governo e la maggioranza hanno cercato accordi soltanto al loro interno, nella vicenda che ha accompagnato il formarsi di questa modifica, profonda e radicale, della Costituzione.

Il governo e la maggioranza – ripeto – hanno cercato accordi al loro interno e, ogni volta che hanno modificato il testo e trovato l’accordo tra di loro, hanno blindato tale accordo. Avete sistematicamente escluso ogni disponibilità a esaminare le proposte dell’opposizione o anche soltanto a discutere con l’opposizione. Ciò perché non volevate rischiare di modificare gli accordi al vostro interno, i vostri difficili accordi interni. Il modo di procedere di questo governo e di questa maggioranza – lo sottolineo ancora una volta – è stato il contrario di quello seguito in quest’aula, nell’Assemblea costituente, dal governo, dalla maggioranza e dall’opposizione di allora. Dov’è la moderazione di questa maggioranza? Non ve n’è! Dove sono i moderati? Tranne qualche sporadica eccezione, non se ne trovano, perché la moderazione è il contrario dell’atteggiamento seguito in questa vicenda decisiva, importantissima e fondamentale, dal governo e dalla maggioranza. Siete andati avanti, con questa dissennata riforma, al contrario rispetto all’esempio della Costituente, soltanto per non far cadere il governo. Tante volte la Lega ha proclamato e ha annunziato che avrebbe provocato la crisi e che sarebbe uscita dal governo se questa riforma, con questa profonda modifica della Costituzione, non fosse stata approvata. Ebbene, questa modifica è fatta male e lo sapete anche voi. Con questa modifica dissennata avete previsto che la gran parte delle norme di questa riforma entrino in vigore nel 2011. Altre norme ancora entreranno in vigore nel 2016, ossia tra 11 anni. Per esempio, la norma che abbassa il numero dei parlamentari entrerà in vigore tra 11 anni, nel 2016! Sapete anche voi che è fatta male, ma state barattando la Costituzione vigente del 1948 con qualche mese in più di vita per il governo Berlusconi.

Questo è l’atteggiamento che ha contrassegnato questa vicenda. Ancora una volta, in questa occasione emerge la concezione che è propria di questo governo e di questa maggioranza, secondo la quale chi vince le elezioni possiede le istituzioni, ne è il proprietario. Questo è un errore. È una concezione profondamente sbagliata. Le istituzioni sono di tutti, di chi è al governo e di chi è all’opposizione. La cosa grave è che, questa volta, vittima di questa vostra concezione è la nostra Costituzione.

1 commento

  • Non è impressionante leggere questo documento di dieci anni fa ? Provate a cambiare il nome di Berlusconi con quello di Renzi e ditemi se l’ on. Mattarella non potrebbe, oggi, dire le stesse cose in Parlamento. Prova ulteriore – ove mai ce ne fosse stato bisogno – che ad essere stato rottamato è il ‘ nuovo ‘ ( il ‘ discorso sui fini ‘, la ‘ progettazione ideale della vita collettiva ‘, per usare le parole di Zagrebelsky ) non certo il ‘ vecchio ‘ che si caratterizza, da sempre, per la sua ‘ banalità ‘, per il suo ‘nichilismo politico’ , per il suo stile ‘ antidemocratico e autoritario ‘, sempre per ricorrere a quella miniera di alta ‘cultura politica ‘ che Zagrebelsky ci ha voluto donare a Firenze con quel suo formidabile intervento/manifesto : ‘ Coscienza e responsabilità ‘.
    Nessuna intenzione, per carità, di tirare – come si suol dire – il Capo dello Stato per la giacchetta.
    Noi, quindi, non chiederemo al Presidente Mattarella di assumere la stessa posizione ‘ di parte ‘ che con tanta incisività testimoniò con quello splendido intervento – da comune parlamentare – di 10 anni fa.
    Noi gli chiederemo molto di più perchè, oggi, l’ onorevole Mattarella rappresenta tutta la nazione e non soltanto una parte di essa. Gli chiederemo, appunto, di rappresentare l’ unità nazionale invitando Renzi e i suoi ad una maggiore moderazione e ammonendo il Governo a non proseguire sulla strada, rischiosissima, dello scontro con le opposizioni e della demonizzazione di qualsiasi voce di dissenso si manifesti nel Paese.
    Anche per questo è importante che al Colle arrivino, forti e chiari, i segnali di un dissenso documentato e responsabile, non viziato da pregiudizi ma frutto di quel confronto dialettico tra le diverse opinioni e posizioni e di quel paziente lavoro di mediazione in cui si sostanzia l’ idea di democrazia cara ai nostri padri costituenti.
    Se sapremo evitare sterili polemiche e altrettanto sterili vittimismi, potremo testimoniare nei fatti quanto sia culturalmente più interessante e politicamente più efficace vivere una impegnativa e condivisa ‘ stagione costituzionale ‘ anzichè appiattirci sul grigio ‘ tempo esecutivo ‘, ostaggio di quella che il nostro Presidente onorario ha giustamente chiamato ‘ la dittatura del presente ‘.

    Giovanni De Stefanis, Leg Napoli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>