Passaparola: lasciamo il Tricolore alle finestre

Il Tricolore italiano

Non so se ve ne siete accorti: è successo che, almeno a Milano (ma immagino anche altrove), parte di coloro che avevano esposto il tricolore il 17 marzo lo hanno lasciato esposto anche dopo e fino ad oggi. Altri, che lo avevano ritirato, guardandosi intorno hanno percepito una sorta di passaparola silenzioso e lo hanno esposto di nuovo. L’ho fatto anch’io. Altri ancora, sempre guardandosi attorno, hanno registrato una certa coazione a emulare… e così ne è spuntato fuori uno qui, uno là, uno lì eccetera… Nella mia strada – che è piuttosto corta – ne sono spuntati fuori due in più solo nell’ultima settimana. Io ne ho visto anche uno, che pendeva da un terrazzo a mo’ di bavaglino, con scritto “w la costituzione” sulla fascia bianca.
Evidentemente è stato un segnale. È stato ed è un appello alla difesa della Costituzione della Repubblica e di tutto ciò che essa rappresenta in termini di Stato di diritto e dignità del Paese; è stato ed è il segnale di una volontà precisa di non lasciare solo Giorgio Napolitano nella difesa della legalità repubblicana così spesso ferita. Ed è stato anche una premonizione di quello che sarebbe successo ieri e l’altro ieri.
Proporrei di rendere esplicito questo passaparola. Esponiamo il tricolore come simbolo di questo nuovo patriottismo costituzionale. E lasciamo che rimanga esposto il 29 e 30 maggio, giorni di ballottaggio, il 2 giugno, festa della Repubblica, e poi il 12 e 13 giugno, giorni di votazione dei referendum.

5 commenti

  • la mia bandiera non ha smesso di sventolare dai primi di marzo; condivido volentieri

  • In realtà- io vivo a Lucca- qui le bandiere continuano ad essere esposte dal 17 marzo.

    Solo pochi le hanno levate. Un mese fa ne ho trovato esposte moltissime nelle campagne attorno a firenze dove mi sono trovato per caso.

    il senso mi sembra chiarissimo: gli Italiani stanno dicendo a voce sempre più alta LO STATO SIAMO NOI ! Berlusconi l’ha capito sicuramente almeno oggi. Ma la sua opposizione l’ ha capito?

    E’ comunque questo un fatto interessantissimo, credo di rilievo storico. Mi domando se è mai successo in Italia dopo il 1848. Il tricolore sulle case private! A Torino le coccarde sulle divise dei camerieri d’albergo! L aspetto ancor più rilevante è la CONFERMA che nessun media o nessun giornale ne ha mai parlato. Quindi si tratta di una VERA NOTIZIA!

    Vicino a casa mia una bandiera è stata esposta per lo stretto necessario. Conosco il proprietario della casa, una bravissima persona, un tempo simpatizzante per il MSI.

    Ogni aggiunta mi pare superflua.

    Cordialmente e congratulazioni per aver sottolineato questo fatto.

    Umberto Baldocchi

  • Sono d’accordo con la vostra iniziativa ma aggiungerei un elemento. Come ormai sappiamo i referendum sono pochissimo pubblicizzati e quindi bisogna fare da soli. La mia idea è che la bandiera porti una scritta che ricordi che il 12 e il 13 giugno si vota per i referendum, senza specificare altro. L’idea della bandiera e del semplice richiamo al voto è proprio per sottolineare che questa è pubblicità, come dire, istituzionale, quella che dovrebbe fare la RAI e che la RAI fa solo a notte fonda o in orari comunque impossibili. Dato che ci sono ancora tante bandiere in giro questo potrebbe creare l’associazione bandiera- referendum – cittadini – presidente della repubblica, associazione che mi sembrerebbe favorevole al nostro scopo, cioè raggiungere il quorum.
    Naturalmente la bandiera esposta poi si fotografa e si fa girare con twitter, facebook, email, ecc.
    Se pensate che possa essere un’iniziativa utile vi pregherei di sostenerla.
    Nello spazio per i sito ho inserito il link alla mia bandiera.
    Grazie per l’attenzione

  • Anch’io l’ho lasciato esposto, qualcosa dentro di me mi aveva impedito di toglierlo ………. ora so perché, grazie per aver dato voce al mio sentire!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>