Democrazia e demagogia, la lezione di Einaudi

24 Mar 2024

Nadia Urbinati Consiglio di Presidenza Libertà e Giustizia

Articolo pubblicato su Domani
Nadia Urbinati, 18 Mar 2024

Titolo originale La lezione di Einaudi sul potere della maggioranza

Si celebrano nel 2024 i centocinquant’anni della nascita di Luigi Einaudi. Nell’introduzione al Saggio sulla libertà di John Stuart Mill, tradotto nel 1925 dalla casa editrice di Piero Gobetti (che sarebbe morto l’anno dopo in seguito alle percosse dei fascisti), Einaudi aveva spiegato come il fascismo fosse «un tentativo di irregimentazione della nazione»

Questo contenuto fa parte di uno speciale Riforme

Il potere del voto, scriveva Einaudi, dispone la minoranza ad accettare il volere della maggioranza senza «inchinarsi ed ubbidire». «Eppure, noi sentiamo di non essere persuasi. Sentiamo che vi può essere una tirannia dei cinquantuno altrettanto dura, altrettanto odiosa, come la tirannia dell’uno e dei pochissimi». 

Il liberale Einaudi era diffidente della massima vox populi vox dei, convinto che la distanza tra democrazia e demagogia fosse labile se non stabilita da una costituzione che mettesse ordine e distinguesse tra il principio di maggioranza dal potere della maggioranza.

Mettere ordine voleva dire svelare l’«artificio» per cui la decantata maggioranza non era che una minoranza. Il problema non sta nel costruire un governo di maggioranza o nel votare direttamente il capo del governo nell’illusione che con lui o lei la maggioranza parli. Il problema sta nel comprendere che «qualunque sia la struttura formale dello stato, il potere spetta sempre ad una piccola minoranza».

Nel contesto del potere statale, che può muovere apparati contro le libertà di parola e di dissenso, occorre diffidare della retorica del governo eletto direttamente dal popolo. È invece al pluralismo partitico e politico, e quindi al parlamento, che dobbiamo guardare come a un’ulteriore sicurezza che ci protegga dal potere della «piccola minoranza» che gestisce lo stato col consenso della maggioranza.

Qui trova posto la tolleranza. La quale, in un governo democratico costituzionale, non è un dono della maggioranza o un peso che questa sopporta non potendo liquidare la minoranza. Tolleranza, come scrisse un altro grande liberaldemocratico che subì la durezza del regime plebiscitario nazista, Hans Kelsen, è una parola importantissima ma ambigua se non retta sulle giuste radici.

Ovvero, sono i diritti civili e politici il fondamento della tolleranza e del pluralismo, non la graziosa concessione della maggioranza. A questo fine, furono redatte le costituzioni del secondo dopo guerra, scritte avendo in mente le maggioranze plebiscitarie del capo del governo. Einaudi era limpido. E specificava che i limiti posti dalle costituzioni sono quelli che le generazioni di ieri impongono su quelle del presente, nel senso che la Costituzione non è una legge che deve aderire alla volontà di chi governa.

Come ha scritto Stephen Holmes alcuni anni fa, essa è come Peter sobrio che scrive le regole pensando a Peter ubriaco. Le costituzioni sono scritte per fermare la sempre possibile ubriacatura plebiscitaria dei pochi, e obbligano a mettere chi governa nella condizione di sentire sempre il fiato sul collo dell’opposizione, parlamentare e d’opinione.

Politologa. Titolare della cattedra di scienze politiche alla Columbia University di New York. Come ricercatrice si occupa del pensiero democratico e liberale contemporaneo e delle teorie della sovranità e della rappresentanza politica. Collabora con i quotidiani L’Unità, La Repubblica, Il Fatto Quotidiano e con Il Sole 24 Ore; dal 2019 collabora con il Corriere della Sera e con il settimanale Left.

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Le scuole di Libertà e Giustizia

L’Unione europea come garante di democrazia, pace, giustizia

In vista della legislatura 2024-2029, l’associazione Libertà e Giustizia propone sette incontri - dal 29 febbraio al 23 aprile - sul ruolo del Parlamento europeo e le possibilità di intervento dei singoli cittadini e delle associazioni.

Approfondisci

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.