Il Presidente che vorrei/E’ parte della ‘squadra’ della Costituzione 

29 Gen 2022

Secondo il dizionario Treccani, divisivo è colui che crea divisioni o contrapposizioni, impedendo di preservare o di raggiungere un’unità di punti di vista e di intenti. Secondo la Costituzione, il Presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l’unità della Nazione.
.
Auspicare un Presidente divisivo può sembrare quindi una grave sgrammaticatura costituzionale. Un’eresia inaccettabile, perché contrasta con un compito che l’art. 87 Cost. espressamente attribuisce al Capo dello Stato: garantire quella coesione nazionale che appare più che mai essenziale, in un momento storico in cui le tentazioni autonomistiche e le pulsioni egoistiche si fanno sempre più spinte e radicali.
.
Ma il Presidente della Repubblica è tenuto a prestare giuramento di fedeltà alla Costituzione, di cui è unanimemente ritenuto garante. E la nostra Costituzione, in fondo, è divisiva. Perché prende esplicita posizione a favore di alcuni valori, tutela specifici principi, traccia gerarchie tra interessi, gradua priorità, sancisce divieti. Traccia una demarcazione fondamentale, quindi, tra chi in quei principi e in quelle priorità si riconosce e chi si colloca, invece, fuori dal quel recinto di valori condivisi.
.
Non è neutrale una Carta costituzionale che si apre con un richiamo alla democrazia e al lavoro, individuando in quest’ultimo il fondamento della Repubblica. E che non solo riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro, ma sancisce l’obbligo per quest’ultima di rendere effettivo tale diritto.
.
Non è neutrale una Carta costituzionale che si impegna a garantire e a riconoscere i diritti fondamentali della persona, come singolo e nelle formazioni sociali cui appartiene, ed esige l’adempimento di doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.
Non è neutrale una Carta costituzionale che non si limita ad affermare l’uguaglianza formale dei cittadini e la loro parità sociale, qualunque ne siano il sesso, la razza, la lingua, la religione, le opinioni politiche, le condizioni personali e sociali, ma si dimostra consapevole che questi ostacoli economici e sociali esistono e vanno superati.
.
Non è neutrale una Carta costituzionale che condanna il fascismo.
Non è neutrale una Carta fondamentale che usa il verbo concorrere quando esorta i cittadini, a offrire, secondo le proprie possibilità, un contributo al “progresso materiale o spirituale della società”. Concorrere significa cooperare, partecipare a un’azione, a un progetto comune. Significa correre insieme, l’uno a fianco dell’altro.
.
Ma per correre davvero insieme è necessario anche partire insieme: avere le stesse opportunità iniziali, disporre degli stessi strumenti.
“Ognuno secondo le sue capacità, a ognuno secondo i suoi bisogni” scrisse Karl Marx nella Critica del programma di Gotha; comunque la si pensi politicamente, l’incontro tra le capacità degli uni e il bisogno degli altri è ciò che tiene unita una Nazione nel segno della solidarietà.
.
Chi concorre sceglie di anteporre la dignità del lavoro alla logica del profitto, crede che tutti debbano aver accesso ai beni essenziali, materiali e immateriali, e abbiano diritto a un livello adeguato di istruzione e di assistenza sanitaria. Chi concorre rifiuta l’idea di lasciare indietro qualcun altro, fermo ai blocchi di partenza.
Chi concorre fa squadra, e di quella squadra mi piacerebbe che il Presidente della Repubblica fosse il capitano o almeno un tifoso. Se la squadra è quella della Costituzione, cioè, vorrei vederlo correre in campo o applaudire sugli spalti, più che fischiare di fronte ai falli più gravi, come farebbe un buon arbitro. MI auguro di avere un Presidente di parte, se la parte è quella della Costituzione.
.
Perché non è vero che “tutti sono uguali, tutti rubano nella stessa maniera. È solo un modo per convincerti a restare chiuso in casa, quando viene la sera (…) la storia non si ferma davvero davanti a un portone. La storia entra dentro le stanze e le brucia, la storia dà torto e dà ragione”. Certo, se fosse anche un Presidente che canticchia le canzoni di Francesco De Gregori sarebbe davvero fantastico.
.
*L’autrice è professoressa associata di Diritto processuale penale all’Università di Urbino Carlo Bo e fa parte del Consiglio di Presidenza di LeG

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.