E’ morto il nostro Paul Ginsborg

E’ morto il nostro Paul Ginsborg

La morte di Paul Ginsborg – avvenuta oggi – colpisce in modo profondo la comunità di Libertà e Giustizia. Nato in Inghilterra nel 1945, Ginsborg si era innamorato dell’Italia, diventando uno dei massimi esperti della sua storia (il volume Storia d’Italia dal dopoguerra a oggi è un libro sul quale si sono formate generazioni di italiani) e contribuendo – contro un certo provincialismo tutto italiano – a inserire la storia del nostro Paese in forma non estemporanea, ma strutturale all’interno di quella europea. Dopo aver insegnato a Cambridge, nel 1992 si era trasferito definitivamente presso l’Università di Firenze.

All’impegno accademico, così importante per il motivo sopra ricordato, ha sempre unito una passione civile che lo ha portato a essere uno degli intellettuali più in vista della sua generazione.

Dalla deriva del berlusconismo alla trasformazione della classe media italiana fino alla crisi della democrazia, Ginsborg ha in questi decenni cercato di contribuire a un’opera di resistenza rispetto al declino avanzante. Il suo sguardo critico nei confronti di ciò che accadeva era sempre accompagnato dall’amore profondo per la bellezza dell’Italia e degli italiani e dall’impegno concreto per cercare i modi più opportuni per salvare questa bellezza dal degrado.

La sua presenza pubblica colpiva per generosità e slancio, sia nella stagione dei Girotondi sia nelle altre occasioni in cui ha prestato la sua lucida intelligenza per impegni civili.

..
Il percorso di Ginsborg s’intreccia con quello di LeG fin dalla nascita dell’Associazione. Abbiamo avuto l’onore di averlo avuto come Presidente nel 2019 e adesso possiamo solo dire che la sua mancanza è un’eredità di cui aver cura: non dimenticare di tenere insieme la passione e la lucidità, e rispondere alla crisi della democrazia con uno sforzo disinteressato e pieno di amore per il nostro paese e per l’Europa.
.
Ma tutti quelli che l’hanno conosciuto ricorderanno che questa rigorosa immagine d’intellettuale pubblico si accompagnava alla mitezza e all’ironia di un uomo che, contrariamente a molti altri intellettuali della sua epoca, non aveva troppo tempo per essere preso da se stesso. Pungente, curioso, sorridente, mite ma sempre in grado di esprimere le proprie ragioni con radicalità e fermezza.  Così ha vissuto Paul Ginsborg: un uomo appassionato e lucido, mite e radicale. Un lascito che contiene in sé ciò che Libertà e Giustizia ha ancora intenzione di essere.

3 commenti

  • Paul Ginsborg, uomo colto, gentile, pacato ed inflessibile nel criticare gli orrendi governi italiani degli ultimi 30-40 anni.
    Condoglianze vivissime.
    A. Castagnini

  • Partecipo con grande dolore al lutto per la scomparsa di Paul Ginsborg. Gran signore, combattente tenace e intransigente, mite e gentile. È davvero una grandissima perdita per la nostra povera democrazia.
    È stato per me un grande onore averlo conosciuto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>