La scuola di Pavia: etica, economia, politica e livelli di governo

Leggi i resoconti:

Mercato del lavoro, la riforma possibile

Chiara Saraceno: “La famiglia campo di battaglia delle forze politiche”

Come convivere nell’Europa del 21° Secolo?

Livelli di Governance / Relazioni Internazionali

Promuovere una nuova cultura della politica. Dibattere i temi fondamentali della democrazia e della cittadinanza. Confrontarsi con testimoni privilegiati.
La Scuola di Formazione politica “Giovanni Ferrara” traduce e diffonde la missione civile di Libertà e Giustizia.
Pensata per chi opera nelle istituzioni e nelle amministrazioni, per chi svolge attività politica, ma anche per chi intende la cittadinanza in modo attivo e informato, la Scuola si fonda sulla collaborazione con università e gruppi di ricerca e sul contributo di relatori apprezzati per competenza e profondità di riflessione.
I profili formativi della Scuola riportano ai veri obiettivi della politica: rispettare la dignità delle persone, migliorare le opportunità, accrescere il benessere dei cittadini, occuparsi di tutti, anche di coloro i quali non sono (o non sono ancora) chiamati a esprimere le loro preferenze con il voto, politico e amministrativo.
Il metodo didattico privilegia il coinvolgimento diretto degli studenti, attraverso seminari, testimonianze qualificate, laboratori e dialogo informale.
A partire dalla selezione dei candidati, la Scuola sostiene un reale rinnovamento, privilegiando i giovani, garantendo pari opportunità di accesso alle donne e assicurando un’uniforme rappresentanza delle diverse aree del Paese.
Giunta alla sua quinta edizione, la scuola di Pavia è antesignana di tutte le altre e sviluppa temi di carattere generale, mentre le “sedi locali” sviluppano approfondimenti specifici (le “Politiche di genere” a Modena, la “Storia della democrazia” a Poggibonsi, La “Città” a Genova).
Ripartire dalla formazione per Salvatore Veca, che dirige la rete di scuole dell’associazione, è più che un’urgenza. “In un contesto politico, civile e culturale in cui siamo sottoposti a continui cambiamenti – dice ancora il filosofo della politica – il cittadino sente il bisogno di riflettere, di prendersi il tempo e lo spazio per dedicarsi alla causa civica”.

La scuola è articolata in 3 moduli:
I principi e la politica (5/6 febbraio 2011)
Le politiche pubbliche (26/27 febbraio 2011)
Livelli di governance/Relazioni internazionali (26/27 marzo)

Il programma
I docenti

Sede, orari e modalità d’iscrizione