Lasciare solo Alemanno con chi la pensa come lui

08 Set 2008

Con le sue dichiarazioni che prendono le distanze non solo dagli antifascisti, ma addirittura da Gianfranco Fini, Gianni Alemanno ha dimostrato che è impossibile distinguere la sua posizione di Sindaco di Roma dalle sue convinzioni ideologiche e dalla sua stessa storia personale, che gli Italiani – e i Romani in particolare – ricordano fin dal suo periodo giovanile.Pertanto, mentre è ovvio che a livello istituzionale anche gli Enti guidati da esponenti democratici non potranno non tenere corretti rapporti formali con il Comune di Roma, sembra doveroso che tutti coloro per i quali l’antifascismo è un valore fondamentale, e perciò una discriminante, rifiutino qualunque forma di attività congiunta con Alemanno.“Libertà e Giustizia” esprime perciò grande apprezzamento per le dimissioni di Walter Veltroni dal Comitato per il Museo della Shoah, ed auspica che Alemanno venga lasciato con la sola compagnia di chi la pensa come lui, affinché sia chiaro che per i democratici vi sono valori non negoziabili.

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Le scuole di Libertà e Giustizia

L’Unione europea come garante di democrazia, pace, giustizia

In vista della legislatura 2024-2029, l’associazione Libertà e Giustizia propone sette incontri - dal 29 febbraio al 23 aprile - sul ruolo del Parlamento europeo e le possibilità di intervento dei singoli cittadini e delle associazioni.

Approfondisci

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.