Lettera ai soci

Lettera ai soci

Cari soci di Libertà e Giustizia,

la nostra assemblea fiorentina del prossimo 15 aprile sarà un’occasione importante.

Da parte mia, proverò a rendere conto di ciò che ho capito in questo anno di presidenza, attraverso il contatto diretto con molti circoli e con molti di voi. Fermo restando il mio impegno a visitare personalmente tutti i circoli entro i prossimi due anni, vorrei iniziare a farvi alcune proposte sull’organizzazione del nostro lavoro comune, sulla direzione in cui andare, sulle prospettive che ci aspettano. Il Consiglio di presidenza, quello di direzione, i coordinatori dei circoli e ognuno di voi potrà fare altrettanto, in un confronto che è il centro della vita di Libertà e Giustizia.

Le contraddizioni, i pericoli, i dubbi e le incertezze della fase culturale e politica che il nostro Paese sta attraversando rendono se possibile ancora più urgente il bisogno di creare, condividere e diffondere cultura politica.

Nel 1947 Concetto Marchesi diceva, in Assemblea Costituente, che «importa all’Italia che milioni d’Italiani entrino nel circolo della vita nazionale»: egli si riferiva alla cultura e alla scuola come luoghi di costruzione della cittadinanza. Quella sfida, formare cittadini sovrani, è anche la nostra sfida. È di questo che torneremo a parlare a Firenze, tutti insieme.

Col più caro saluto, e ringraziamento

Tomaso Montanari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.