Sicilia/Falcone-Montanari: Andiamo avanti con lista unica, civica, di sinistra

Sicilia/Falcone-Montanari: Andiamo avanti con lista unica, civica, di sinistra

Anna Falcone e Tomaso Montanari, promotori di Alleanza popolare per la democrazia e l’uguaglianza, rinnovano l’appello alle forze e ai soggetti della sinistra non Pd a andare avanti in un processo di riaggregazione.

L’appello parte dall’analisi del voto regionale in Sicilia: “La vittoria delle destre e la sconfitta cocente del Pd dimostrano come sia definitivamente tramontata una stagione politica fondata su un centro-sinistra che, avendo imitato la destra, è stato inevitabilmente superato dall’originale. È per questo che il Pd di Renzi non ha più i numeri, né la credibilità, per porsi come interlocutore politico a sinistra”.

“Il risultato della Sinistra e di Claudio Fava è il primo dei ‘Cento passi’ che abbiamo davanti, ma non basta. L’obiettivo che ci siamo prefissi, fin dal 18 Giugno, per le prossime elezioni e per la stagione che si dovrà aprire a partire da esse, è creare uno spazio pubblico in cui confrontarsi tutti, per unire le forze in un progetto politico più grande della somma dei singoli pezzi”, continuano Falcone e Montanari.

 

“Per questo – aggiungono promotori di Alleanza popolare per la democrazia e l’uguaglianza – rilanciamo con forza l’obiettivo di una lista unica, civica e di Sinistra, che trovi solide basi in un programma innovativo e senza compromessi, in un metodo trasparente e condiviso per la scelta di candidati e leadership. Un progetto che parli delle persone, delle loro priorità, delle loro vite, del diritto a costruire insieme un mondo nuovo, più giusto e più uguale”.

L’appello “è solo il punto di partenza per un percorso che dovrà immediatamente allargarsi a tutte le forze che vorranno condividerlo e migliorarlo (a partire dall’Altra Europa e da Rifondazione Comunista), e che dovrà darsi regole chiare per le decisioni assembleari su programma, leadership e candidature”.

“E’ il tempo del coraggio, non della paura. Le persone non aspettano altro: tornare ad essere protagoniste di una nuova stagione politica, di un nuovo ‘umanesimo sociale’ fondato sul primato della dignità e dei diritti sui mercati e sui poteri economici. Il momento è, più che mai, adesso”, concludono.

2 commenti

  • Parlare con tutti? Sì… ragionevolmente. Ma senza amnesie, perché nei confronti di chi si è espresso a favore del disegno democraticamente regressivo Napolitano-Renzi-Boschi-Verdini o di coloro i quali hanno avallato le tesi destrorse che hanno condotto, ad esempio, alla costituzionalizzazione del pareggio di bilancio, al depotenziamento dello Statuto dei Lavoratori e al cosiddetto jobs act non si può fare finta di niente.

  • Attenzione in troppi pensano che l’interlocutore siano le altre forze politiche mentre chi fonda un nuovo partito deve avere per interlocutore il cittadino. Guardate come fecero a suo tempo Forza Italia, la Lega e Cinque stelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.