Marino bruciato

08 Ott 2015

Massimo Marnetto

E’ iniziato il conto alla rovescia per il primo sindaco grillino di Roma?

Forse, ma una cosa è certa: Marino si è bruciato, nonostante la modesta entità dell’importo in discussione, pari a meno di 20 mila in due anni. Niente se confrontato alle devastante corruzione  dell’era Alemanno. Eppure, anche se ho difeso Marino quando è stato attaccato per le gaffe della Panda, per la sua goffaggine nella comunicazione, ora non sono sopportabili le bugie che stanno emergendo dalla ricostruzione delle cene di famiglia, camuffate – secondo gli accusatori – da convivi istituzionali.

Troppo per chi fa dell’onestà il proprio segno distintivo. Troppo per chi gli ha creduto. Né ritengo appropriato applicare in politica la presunzione di innocenza, perché la fiducia che sta alla base della rappresentanza è sensibile alla credibilità, prima ancora che alle sentenze.
Ora le sue dimissioni sono un atto dovuto, purtroppo nel bel mezzo del Giubileo. Ma questo è l’unico modo per uscire di scena non con onore, ma almeno con pudore. E dare a Roma un’alternativa già dalla prossima primavera. Perché i romani non sono più quelli di Sordi; e vogliono amministratori degni della rinascita civile in atto.
8 Ottobre 2015
(*) Massimo Marnetto  è coordinatore del Circolo LeG di Roma

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Le scuole di Libertà e Giustizia

L’Unione europea come garante di democrazia, pace, giustizia

In vista della legislatura 2024-2029, l’associazione Libertà e Giustizia propone sette incontri - dal 29 febbraio al 23 aprile - sul ruolo del Parlamento europeo e le possibilità di intervento dei singoli cittadini e delle associazioni.

Approfondisci

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.