La candidatura sbagliata di Albertini in Lombardia

21 Feb 2013

Albertini porterà via voti al candidato del centrosinistra, favorendo Maroni, poi – a danno consumato – s’involerà per Roma dove lo aspetta una seggio senatoriale.

Se, come si prevede ampiamente, Gabriele Albertini uscirà sconfitto dalla competizione per la guida della Regione Lombardia, Mario Monti dovrà seriamente riflettere sulle conseguenze di un’operazione politica imbastita contro ogni ragionevolezza. A cominciare dalla scelta del candidato: un vecchio routier della politica transfuga dal Pdl e per anni connivente con il “sistema Formigoni” in Lombardia, che tuttora difende. D’altra parte, anche per quanto riguarda la Lista civica per Monti al Senato per la Lombardia non si capisce bene chi ne incarni la parte “civica”: a scorrere i primi 6/7 nomi sono tutti politici riciclati da altri partiti. A cominciare dal capolista, sempre lui: Gabriele Albertini. Perché l’aspetto più paradossale è proprio questo: Albertini porterà via voti al candidato del centrosinistra, favorendo Maroni, poi – a danno consumato – s’involerà per Roma dove lo aspetta una seggio senatoriale. Magari per collocarsi, se l’intesa tra Bersani e Monti si dimostrerà ineludibile, nella stessa maggioranza dello schieramento appena affossato in Lombardia. Anzi, un posto nel nuovo governo di centrosinistra potrebbe addirittura essere la ciliegina sulla torta.  A rendere la situazione ancor più grottesca, sia la capolista montiana alla Camera per Lombardia 1, Ilaria Borletti, sia il vicecapolista per il Senato, Pietro Ichino, hanno annunciato che per la presidenza della Regione voteranno il rivale di Albertini, Umberto Ambrosoli. Per aver preso questa posizione la signora Borletti è stata bollata come “salottara” da Albertini: carinerie tra colleghi di lista. E tutto questo avviene in Lombardia, la regione in bilico che potrebbe determinare la sorte della prossima legislatura e del prossimo governo.

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Le scuole di Libertà e Giustizia

L’Unione europea come garante di democrazia, pace, giustizia

In vista della legislatura 2024-2029, l’associazione Libertà e Giustizia propone sette incontri - dal 29 febbraio al 23 aprile - sul ruolo del Parlamento europeo e le possibilità di intervento dei singoli cittadini e delle associazioni.

Approfondisci

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.