Non si degnano

11 Ott 2011

Abbiamo smontato il palco, avvolto i nostri tricolori, sentito e risentito gli interventi all’Arco della Pace. E come noi le migliaia di cittadini che hanno seguito le dirette o le hanno riviste da casa. Non una voce, finora, dalla politica che dicesse semplicemente: abbiamo ascoltato, stiamo riflettendo su quello che ci avete detto

foto di Stefano Guadagni

Da questa piazza nasce una grande domanda di politica: abbiamo avuto alcuni momenti di pre-liberazione di questa nostra richiesta, le elezioni amministrative, i referendum, la raccolta di firme per il referendum elettorale. Speranza, dunque. Guardate che non c’è niente di peggio delle speranze deluse e questo lo dico a coloro dei partiti politici che si degneranno di ascoltare qualcosa che viene da questa piazza”.

Abbiamo smontato il palco, avvolto i nostri tricolori, sentito e risentito gli interventi all’Arco della Pace. E come noi le migliaia di cittadini che hanno seguito le dirette o le hanno riviste da casa.

Non una voce, finora, dalla politica che dicesse semplicemente: abbiamo ascoltato, stiamo riflettendo su quello che ci avete detto.

Non disperiamo e non serbiamo rancore.

Vediamo però che nelle ore della massima debolezza di Silvio Berlusconi, non c’è ancora un progetto di alternativa a questo governo che metta insieme l’attuale opposizione e chi, nella maggioranza, vorrebbe prenderne le distanze. Il Pd, maggior partito di minoranza, si divincola fra un sindaco che promette un “big bang” e sorprese varie; alcuni giovani volenterosi in cerca di democrazia, tra l’Aquila e Bologna, in un sistema malato, e altri, la segreteria, in attesa di manifestare il 5 novembre. E poi, l’eterna tenzone fra Veltroni e D’Alema.

Figuriamoci se hanno tempo di mandare un segnale a Zagrebelsky, a Saviano, a Travaglio, a Michele Serra , a Libertà e Giustizia e ai 25.000 che sabato scorso hanno deciso di non cedere alla delusione.

Forse non hanno capito; o non sono interessati a capire. Non si degnano. Peccato. Noi ce l’abbiamo messa tutta.

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Le scuole di Libertà e Giustizia

L’Unione europea come garante di democrazia, pace, giustizia

In vista della legislatura 2024-2029, l’associazione Libertà e Giustizia propone sette incontri - dal 29 febbraio al 23 aprile - sul ruolo del Parlamento europeo e le possibilità di intervento dei singoli cittadini e delle associazioni.

Approfondisci

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.