La questione ucraina e l’uso delle armi

La questione ucraina e l’uso delle armi

La minaccia dell’uso delle armi è ancora una volta usata da Usa e Russia a difesa di interessi economici e strategici e di uno spazio nel mercato dell’energia. Alcuni Paesi europei stanno cercando di svolgere un ruolo diplomatico che non sacrifichi l’aspirazione alla pace sotto gli obiettivi di profitto ed egemonia, mentre l’Italia appare schiacciata in una accondiscendenza verso l’ipotesi del governo Usa, che non tiene in considerazione le comprensibili esigenze di sicurezza della Russia.

La Rete Democratica Fiorentina chiede con apprensione che le Istituzioni locali svolgano appieno il ruolo a cui sono chiamate dalla loro storia, fatta di incontri fra culture e ricerca del dialogo, e dalla contingenza: la costituzione impone il ripudio della guerra per risolvere i conflitti, in piena sintonia con la carta dell’Onu.

Da Firenze deve levarsi una voce chiara verso il governo italiano, affinché rispetti la Costituzione e tuteli i suoi cittadini che ambiscono ad uscire da due anni di pandemia per recuperare libertà e giustizia sociale, e non intendono pagare alcun tributo ai mercanti di armi e di carburanti, qualunque bandiera li distingua.

Rete Democratica Fiorentina:

  • Anpi Firenze
  • Aned Firenze
  • Arci Firenze
  • Arci Gay Firenze
  • Anelli Mancanti
  • Azione Gay e Lesbica Firenze
  • Cgil Firenze
  • Cisl Firenze
  • Cngei Sezione di Firenze
  • Coordinamento Democrazia Costituzionale Firenze
  • Diaconia valdese Firenze
  • Giuristi Democratici Firenze
  • Libera Firenze
  • Libertà e Giustizia Firenze
  • Rete degli Studenti Medi Firenze
  • Udu Firenze Sinistra Universitaria

 

*Insieme alla Rete Democratica Fiorentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.