Fini accelera, a ottobre il partito “leggero”

ROMA – Chi è già al lavoro nel nuovo cantiere, all’indomani del proclama di Mirabello, racconta che la “cosa” che sta per nascere sarà molto “leggera”. Un po’ Tea Party, un po’ An prima maniera, quella dei circoli tematici e territoriali. Gianfranco Fini si è guardato bene dal parlare di partito, ma quello è, con tanto di nome e simbolo che domenica campeggiava alle sue spalle. Un coordinatore nazionale, i due capigruppo ad affiancarlo, i 44 parlamentari a formare una sorta di ufficio politico e i circoli di Generazione Italia a costruire la base. Futuro e Libertà è ormai in pista.

continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.