Ma non aveva promesso un governo snello?

18 Giu 2010

Redazione

Dopo aver discusso delle modifiche della Costituzione, Berlusconi sale al Quirinale per proporre un nuovo ministro: il ventiquattresimo. Ma non dovevano essere 12?

Dopo il Consiglio dei ministri che ha discusso delle modifiche dell’articolo 41 e 118 della Costituzione, Berlusconi va al Quirinale per proporre al capo dello stato la nomina di Aldo Brancher a ministro per l’Attuazione del Federalismo. E sì che aveva promesso “un governo di 12 ministri, di cui 4 donne“. Oggi sono 23, con quest’ultima proposta salirebbero a 24. Qualcuno nella Rete se ne è accorto: il Popolo della Libertà si riserva però sempre la libertà di fare quel che gli pare…

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Le scuole di Libertà e Giustizia

L’Unione europea come garante di democrazia, pace, giustizia

In vista della legislatura 2024-2029, l’associazione Libertà e Giustizia propone sette incontri - dal 29 febbraio al 23 aprile - sul ruolo del Parlamento europeo e le possibilità di intervento dei singoli cittadini e delle associazioni.

Approfondisci

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.