Eni: un utile di 7 miliardi, ma all’erario versa solo 335 milioni

05 Ott 2009

Due interpellanze in due mesi, ma il mistero rimane: a fronte di un utile ante-tasse di circa sette miliardi di euro, l’Eni SpA versa all’erario italiano appena trecentotrentacinque milioni di imposte nette, con una incidenza fiscale inferiore al 5 per cento, mentre evidentemente crescono le imposte versate all’estero dallo stesso colosso energetico. E allora ecco la domanda reiterata qualche giorno fa al viceministro dell’Economia e Finanze Giuseppe Vegas dal deputato Pd Ludovico Vico, nell’aula della Camera: crescono le imposte versate all’estero per necessità oggettive o, forse, si sfruttano regimi fiscali più favorevoli ai danni dell’erario italiano?
Se due mesi fa, ad analoga interpellanza, il sottosegretario Nicola Casentino aveva completamente ignorato la domanda, Vegas l’altro giorno qualche cosa l’ha detta, naturalmente dopo aver “sentita la società in questione”. Ha sottolineato che l’Eni è “un’impresa integrata nel settore dell’energia, che opera in circa 70 paesi, con forti posizioni di mercato, quotata anche e addirittura a New York”, e che insomma il ministero dell’Economia e Finanze (azionista di maggioranza dell’Eni) “si limita ad esercitare i diritti dell’azionista”. Come dire: in effetti l’Eni paga tasse un po’ dovunque, e quindi anche (o soprattutto?) dove i regimi fiscali sono più benevoli. Ma proprio su questo il governo ha taciuto ancora una volta.
VICO, in replica: “Lei, signor viceministro, dall’evasione è passato all’elusione, nel senso di aver lasciato intendere che c’è un problema ma chissà quando sarà affrontato.

Tuttavia, se me lo consente, entrambi sono reati fiscali…”
VEGAS, interrompendo: “Beh, l’elusione non è proprio un reato…”
VICO: “E tuttavia è cosa grave e, in quanto tale, perseguita! Il suo ministero non ha solo diritti ma anche doveri, ed in primo luogo ha la competenza istituzionale del controllo sull’Eni. Presenteremo una terza interpellanza: vogliamo sapere quanto e soprattutto dove l’Eni paga le tasse, e perché proprio l’erario italiano è il meno favorito”.

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Le scuole di Libertà e Giustizia

L’Unione europea come garante di democrazia, pace, giustizia

In vista della legislatura 2024-2029, l’associazione Libertà e Giustizia propone sette incontri - dal 29 febbraio al 23 aprile - sul ruolo del Parlamento europeo e le possibilità di intervento dei singoli cittadini e delle associazioni.

Approfondisci

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.