Il Presidente che vorrei/ Un buon Custode della Costituzione

Il Presidente che vorrei/ Un buon Custode della Costituzione

Questo significa che dovrebbe conoscere bene la Costituzione e considerarla nella prospettivastorica con cui è stata ideata e scritta dai nostri Padri e dalle nostre Madri costituenti.

In linea con il peculiare ruolo che il Capo dello Stato è venuto acquisendo negli ultimi trent’anni – dalla clamorosa implosione delle famiglie partitiche e delle culture politiche fondatrici della Repubblica – dovrebbe essere sempre consapevole della grande responsabilità che peserà sulle sue spalle e della pazienza cui dovrà ricorrere nello svolgere le sue funzioni.

E dovrebbe sempre svolgere queste funzioni con appropriatezza, sapendo che il Capo dello Stato è un punto di riferimento per i cittadini nello svolgimento quotidiano della vita in un sistema democratico.

È stato detto che “la democrazia si fonda soprattutto sulle credenze radicate nel cuore degli uomini”: contribuire a nutrire queste credenze radicate nei nostri cuori non è certo il compito meno importante che spetta al Presidente.

*Marco Almagisti è professore di Scienza politica all’Università di Padova e fondatore di “Dane – Osservatorio Democrazia a Nordest”

1 commento

  • Ho letto con attenzione e interesse alcuni interventi riguardo l’elezione del Presidente (Il Presidente che vorrei). Tante considerazioni e osservazioni condivisibili ma , se non sbaglio, nessun nome. Stamani affiora un nome da incubo : Pierferdinando Casini.
    Per quale motivo nessuno degli autorevole personaggi non indica un nime degno ? Io indicherei il Nobel Parisi o il maestro Riccardo Muti. Speriamo in bene

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>