Io voto Rosy perché è una donna

MILANO — «Scelgo Rosy Bindi. E lo faccio principalmente perché è donna». Adriana Cavarero ( foto), figura di spicco del «pensiero della differenza sessuale» e docente di Filosofia politica all’Università di Verona, interpellata, rivela quale sarà la sua scelta alle primarie del Partito democratico. E proprio ieri un’altra femminista, Letizia Paolozzi, sul Liberazione, ha scritto un editoriale il cui messaggio coincide con il pensiero di Cavarero: le donne di sinistra devono appoggiare Bindi. «Rosy Bindi ha fatto grandi sforzi con i Dico — commenta la filosofa —, e questa è una cosa che noi donne di sinistra non possiamo certo dimenticare. Bisogna un po’ premiarla, che cavolo. E da quel che ho sentito in giro l’elettorato femminile è particolarmente lucido, in questo momento. È pronto a superare steccati. Insomma, è vero che Bindi non è proprio una esponente del femminismo di sinistra. Ma non è nemmeno la Santanché». Attenzione, Cavarero non ha nulla contro Veltroni, anche lui candidato alla segreteria del Pd: «Walter è un mio amico da tanti anni, figuriamoci. Ma Bindi sta dimostrando di avere coraggio, perché sa bene di non essere così popolare come lui e di non avere, soprattutto, una platea così vasta come Roma. E però credo che noi donne non possiamo continuare a dire: viva le donne. Ma poi, quando ce ne è una in ballo, tirarci indietro». Per Cavarero, dunque, «è il momento di rischiare e di fermare il condizionamento femminile che è tuttora in atto da parte dei maschi.

Votando Rosy, che ha avuto il coraggio di sfidarli, questi uomini. Anche quando come massimo insulto le hanno dato, raffinati, della racchia».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>