UNA TRISTE GIORNATA FIORENTINA

06 Nov 2016

Redazione

Gli scontri di piazza a Firenze sono il risultato di due irresponsabilità: quella di chi non ha autorizzato la manifestazione, e quella di chi ha ceduto a questa provocazione.

La nostra solidarietà va innanzitutto alla grande maggioranza di manifestanti pacifici e alle forze dell’ordine, schiacciate tra queste due irresponsabilità.

Quella di chi ha la responsabilità del governo del Paese ci pare la più grave e pericolosa: l’evidente perdita di consenso e il crescente timore per un’affermazione del No stanno inducendo questo Governo in una direzione gravida di rischi.

Gli esecrabili scontri in piazza non riescono a cancellare il fatto che ciò che resta di questa triste giornata fiorentina è l’immagine di un presidente del Consiglio che confonde le istituzioni e le posizioni di parte, il Parlamento e la Leopolda, il partito e la cerchia personale.

Non è così che si costruisce il futuro del Paese.

.

Nadia Urbinati, Presidente di Libertà e Giustizia
Tomaso Montanari, Vicepresidente di Libertà e Giustizia

Supportaci

Difendiamo la Costituzione, i diritti e la democrazia, puoi unirti a noi, basta un piccolo contributo

Promuoviamo le ragioni del buon governo, la laicità dello Stato e l’efficacia e la correttezza dell’agire pubblico

Leggi anche

Le scuole di Libertà e Giustizia

L’Unione europea come garante di democrazia, pace, giustizia

In vista della legislatura 2024-2029, l’associazione Libertà e Giustizia propone sette incontri - dal 29 febbraio al 23 aprile - sul ruolo del Parlamento europeo e le possibilità di intervento dei singoli cittadini e delle associazioni.

Approfondisci

Newsletter

Eventi, link e articoli per una cittadinanza attiva e consapevole direttamente nella tua casella di posta.