Riforme, mettere in sicurezza la Carta

Sono d’accordo con chi propone di limitarsi a pochi interventi, iniziando proprio dall’art. 138 per ridare una garanzia adeguata ai principi costituzionali restituendo senso alla ‘rigidità’. Io stessa l’avevo sottolineato fin dal 1994, prima ancora che si svolgessero le elezioni e se ne conoscesse il vincitore. Già l’abbandono del sistema elettorale proporzionale imponeva infatti una correzione del quorum richiesto per la seconda votazione, non più idoneo, nei nuovi equilibri, a soddisfare l’obiettivo della norma: sottrarre alla ‘maggioranza di governo’ il potere di modificare da sola la Costituzione. La maggioranza assoluta , facilmente raggiungibile in un sistema sia pure imperfettamente bipolare , è divenuta ormai una garanzia inadeguata. CARLASSARE_La forma di governo_Firenze 25 09 2006

Leggi qui il testo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.