Diventa Socio
LeG Roma

La Repubblica siamo noi: “La Costituzione nella vita e la vita nella Costituzione”

18 gennaio 2013

[ 8 febbraio 2013; 10:00 - 13:00. ]

Città: Roma
Luogo:
Indirizzo: Piazza Adriana 3 (a lato del Palazzo di Giustizia)

EDIZIONE 2012-2013

Giustizia come esigenza ideale della Politica- Per passare dalle consorterie allo Stato

“C’era un paese che si reggeva sull’illecito. Non che mancassero le leggi, né che il sistema politico non fosse basato su principi che tutti più o meno dicevano di condividere. Ma questo sistema, articolato su un gran numero di centri di potere, aveva [...]

LeG Brescia

I partiti nella Costituzione italiana

15 gennaio 2013

[ 22 gennaio 2013; 20:45 - 22:45. ]

Città: Mompiano (BS)
Luogo: sala Berardi sopra la pizzeria da Ciro

INCONTRO PUBBLICO

I PARTITI NELLA COSTITUZIONE ITALIANA

“A quando l’attuazione dell’art.49 della Costituzione?”

Ne parliamo con il prof. MARIO GORLANI, docente di Diritto pubblico – Università agli studi di Brescia

Vi aspettiamo numerosi!

LeG Brescia

Corriere della Sera

Tante le facce poche le idee

11 gennaio 2013
Michele Ainis

E perché è esattamente questo il destino confezionato dai partiti per la Carta del 1947: non essendo capaci d’aggiornarla, hanno finito per disapplicarla in via di fatto, contrapponendole il fantasma della Costituzione «materiale». Sicché abbiamo in circolo due Costituzioni, ma in realtà nessuna.

la Repubblica

Si può amare la nostra Costituzione?

22 dicembre 2012

Il discorso di Roberto Benigni sulla Costituzione è stato per molti una rivelazione: rivelazione, innanzitutto, di principi fino a lunedì scorso, probabilmente, ignoti ai più. È stato come svelare un patrimonio di risorse morali ignoto, ma esistente. Leggi l’articolo di Sandra Bonsanti “La destra, Benigni e la Costituzione”

Comunicato stampa

La destra, Benigni e la Costituzione

20 dicembre 2012
s.b.

Berlusconi dice di non aver “potuto” governare a causa dell’”architettura della Costituzione”. Come al solito mente: è vero invece che non ha “saputo” governare. Ed è vero che la nostra Costituzione, la più bella del mondo, ci ha protetto validamente dai rischi di involuzione democratica che lui da vent’anni rappresenta per il nostro Paese.

Corriere della Sera

La sua magia? Convincerci che siamo un unico popolo

18 dicembre 2012
Francesco Piccolo

Ascolti record per lo spettacolo su Rai 1 di Roberto Benigni “La più bella del mondo”, dedicato alla Costituzione repubblicana. Oltre 12,6 milioni di telespettatori con il 43,94% di share. L’appello di LeG Alleanza per la Costituzione

la Repubblica

Stasera Benigni porta la Costituzione in tv. LeG: alleanza nel nome della Carta

17 dicembre 2012

Pare che Roberto Benigni abbia, costretto dalla crisi politica, dovuto aggiornare il suo monologo per stasera, la diretta su RaiUno alle 21.10, con “La più bella del mondo”, show dedicato ai primi 12 articoli della Costituzione. E la nuova stagione costituzionale, per “Libertà e Giustizia”, è la strada cui fare riferimento, che potrebbe essere scelta sia dalla destra democratica che da centrosinistra e sinistra. L’appello di LeG

LeG Torino

E’ la società civile che può salvare la democrazia

14 maggio 2012
Edgardo Favaloro

A conclusione del ciclo di incontri “La Costituzione in mano, un articolo al giorno” il presidente emerito della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelsky ha tenuto l’ultima lezione “Difesa della Costituzione e della Democrazia” presso il Conservatorio di Torino

la Repubblica

La Costituzione tradita

26 aprile 2012
Andrea Manzella

Merito a parte, la proposta di revisione costituzionale che i maggiori partiti presentano assieme è l´emblema di una “nuova” centralità del Parlamento (a volte ritorna). Nella nostra Costituzione la democrazia non è una cosa semplice e astratta. E´ cosa complessa e concreta. Una cosa che ha più forme. Se una manca, una sola, la Costituzione non è una costituzione democratica. La proposta di riforma costituzionale

Il messaggio

Bindi: Costituzione, no a questa riforma. Sono con voi

13 marzo 2012
Rosy Bindi

Abbiamo condiviso, al fianco di Oscar Luigi Scalfaro, una dura battaglia contro i reiterati tentativi della destra di snaturane l’impianto e insieme a milioni di cittadini italiani vinto una consultazione referendaria che ne ha messo in sicurezza i principi fondamentali. La nostra Carta fondamentale non è a disposizione di questo o quel partito né di ‘strane’ e occasionali maggioranze e non può diventare oggetto di un baratto politico