Diventa Socio
Invia questa pagina Stampa

La scuola di Poppi 2012: Segreto, ipocrisia, menzogna e corruzione. La democrazia vilipesa

Scuola estiva di “Libertà e Giustizia”

Castello dei Conti Guidi di Poppi (Arezzo) 28-30 settembre 2012

con l’adesione dei “Quaderni laici”
del “Centro Piero Calamandrei” di Torino

e con il patrocinio del Comune di Poppi

In tutte le librerie è disponibile il VII volume dei Quaderni Laici dedicato alla Scuola di Poppi 2011 “Quale eguaglianza per quale libertà? Da Thomas Hobbes ad Amartya Sen.”
Visita il sito per tutte le informazioni.

Guarda le foto

Scarica la lezione di Lorella Cedroni

Per Elias Canetti il segreto è il cuore del potere: “Il potente, che si serve del proprio segreto, lo conosce con esattezza e sa bene apprezzarne l’importanza nelle varie circostanze. Egli sa a che cosa mira se vuole ottenere qualcosa, e sa anche quale dei suoi collaboratori impiegare nell’agguato. Egli ha molti segreti poiché vuole molto, e li combina in un sistema entro il quale si preservano a vicenda”. Anche la storia dell’Italia repubblicana è attraversata da molti segreti. E da molti poteri invisibili. Alcuni, come le mafie e le camorre, hanno radici profonde nella nostra società. Altri, come i servizi segreti deviati, sono cresciuti all’ombra dello Stato: all’interno di un “doppio Stato” in una stagione segnata prima dallo stragismo e da forme opposte di terrorismo, sempre dalla corruzione politica e dalle menzogne dei poteri forti, pubblici e privati. Tuttavia, poiché il sistema democratico esige la trasparenza del potere, come controllare i controllori? “Se non si riuscirà a trovare una risposta adeguata a questa domanda – ha osservato ripetutamente Norberto Bobbiola democrazia, come avvento del governo visibile, è perduta”.

Al termine delle lezioni, ai partecipanti che lo desiderano, verrà rilasciato un attestato di frequenza.

Sabato 29 settembre alle ore 21,30 presso il Castello di Poppi, l’attore e scrittore Sandro Lombardi dedicherà ai partecipanti della scuola la lettura del Canto XXX° dell’Inferno e il Canto V° del Purgatorio di Dante.
Attore e scrittore, la vicenda teatrale di Lombardi si identifica con la compagnia da lui fondata, «Il Carrozzone», insieme a Federico Tiezzi e Marion D’Amburgo, negli anni settanta a Firenze, oggi denominata «Compagnia Lombardi-Tiezzi». Diretto da Tiezzi, Lombardi  ha interpretato testi di Samuel Beckett, Heiner Müller, Mario Luzi, Alessandro Manzoni, Pier Paolo Pasolini, Bertolt Brecht, Anton Cechov, Thomas Bernhard, Aristofane, Gabriele D’Annunzio, Luigi Pirandello. Di grande rilievo i suoi spettacoli diretti da Testori. Tra teatro, musica e cinema, ha lavorato, tra gli altri, con Carlo Quartucci, Giancarlo Cobelli, Giuseppe Bertolucci, Riccardo Muti, Hans Werner Henze, Giacomo Manzoni, Salvatore Sciarrino, Ed Spanjard, Jeffrey Tate, Virgilio Sieni, Roberto Latini, Arturo Cirillo, Luca Ronconi. Le sue più recenti interpretazioni, unanimemente apprezzate, sono I promessi sposi alla prova, di Giovanni Testori e Un amore di Swann, da Marcel Proust, entrambe con la regia di Federico Tiezzi.
Ha pubblicato presso Garzanti Gli anni felici, vincitore del Premio Bagutta Opera prima 2004. Nel 2009 Feltrinelli ha pubblicato il suo primo romanzo, Le mani sull’amore. Per quattro volte, tra il 1988 e il 2002, Lombardi ha ricevuto il Premio Ubu per la migliore interpretazione maschile dell’anno.

Il programma

I docenti

Modalità di iscrizione

Intervieni

Connect with Facebook

Registrati per inserire i tuoi commenti più velocemente

Nel ringraziarla per il suo contributo ed avere espresso la sua opinione, le precisiamo quanto segue. Libertà e Giustizia non effettua controllo preventivo in relazione al contenuto, alla veridicità dei contributi o delle opinioni espresse, delle quali lei resterà unico responsabile.
Libertà e Giustizia adotterà ogni misura ragionevolmente esigibile per evitare che siano pubblicate opinioni diffamatorie, offensive e/o in contrasto con diritti di terzi.
Lei prende atto che Libertà e Giustizia: (i) non potrà essere ritenuta responsabile di eventuali illeciti connessi alla pubblicazione del contributo e/o delle opinioni espresse, (ii) è autorizzata a rendere disponibili le informazioni che consentono la sua identificazione qualora ciò fosse ritenuto necessario per finalità di giustizia, (iii) si riserva di rimuovere contributi e/o opinioni che possano violare diritti di terzi.

*

2 interventi a “La scuola di Poppi 2012: Segreto, ipocrisia, menzogna e corruzione. La democrazia vilipesa”

  1. giovanna bosman scrive:

    Le lezioni sono aperte a tutti ?
    la partecipazione è gratuita ?
    Se non si fa in tempo a registrarsi venerdì pomeriggio è comunque possibile assistere alle lezioni?

    Giovanna Bosman

  2. rita fortunato scrive:

    Fatemi saper se c’è un mezzo con cui andare e condividere le spese.Grazie.Altrimenti recedo.Rita fortunato