Tutte le gaffes e gli incidenti diplomatici del nostro premier

Il machismo brianzolo irrita la Finlandia. E diventa un caso diplomatico la confessione che Silvio Berlusconi ha reso in pubblico davanti al presidente Ue Barroso. Per vincere la contesa che ha opposto l’Italia al governo di Helsinki nella scelta della sede della nuova agenzia europea per la sicurezza alimentare, il Cavaliere sostiene di aver fatto ricorso alle sue personali, anche se arrugginite, arti amatorie. Poche righe, un breve giro di parole: ed è subito gaffes. “Quando si insegue un risultato bisogna usare tutte le armi che si hanno a disposizione e quindi io ho rispolverato tutte le mie arti da playboy, ormai lontane nel tempo, e utilizzai una serie di sollecitazioni amorevoli nei confronti della signora presidente”. Ma la fatica di fare “la corte alla presidente della Finlandia”, per vincere Parma come sede dell’European Food Safety Authority (Efsa in italiano Aesa) non è piaciuta a Tarja Halonen che è subito passata alle vie diplomatiche. Il ministero degli Esteri Finlandese ha convocato l”ambasciatore italiano ad Helsinki Ugo de Mohr, per “esprimere lo stupore del governo finlandese per le affermazioni del premier italiano Silvio Berlusconi a Parma sulla presidente della Finlandia, Tarja Halonen”.
Troppo disinvoltura o uso calcolato della gaffes? La questione ormai è vecchia. Berlusconi, dalla sua, può persino sfoggiare un premio, il “Miscommunicator of the Year”, conferito dalla Foreign Press Association nel 2003, per meriti acquisiti durante il semestre di presidenza italiana in Europa.

Un semestre da fuochi d’artificio, che inizia a luglio del 2003, al Parlamento europeo con la risposta di Berlusconi a Martin Schulz, deputato socialdemocratico tedesco che gli aveva fatto due domande provocatorie: “In Italia c’è un produttore che sta preparando un film sui campi di concentramento nazisti, la proporrò per il ruolo di kapò”. Scandalo internazionale, complessa marcia indietro, e, sullo sfondo, il volto teso e sofferente dell’ex missino Gianfranco Fini. Berlusconi offende l’intero europarlamento: “Siete dei turisti della democrazia”. Proteste corali di tutte le cancellerie e dell’intera stampa continentale. Altre proteste per un’uscita del sottosegretario al Turismo Stefano Stefani sui tedeschi “famosi per la birra e le gare di rutti”. Scuse a Schoedrer. Intanto, rientrato in Italia, il premier annuncia che “la mafia è sconfitta, perché tutti i mafiosi sono in carcere”. Smentita di tutti i giudici antimafia.
Il precedente che forse si avvicina di più a quest’ultimo, per stile, ovviamente, sembra quello che coinvolge in una sola volta il premier danese Anders Fogh Rasmussen, il filosofo Massimo
Cacciari e la moglie del premier stesso Veronica Lario. Si vocifera di una love story tra il filosofo di Venezia e la signora Berlusconi. “Beh – consiglia il Cavaliere – meglio Rasmussen, è più carino”. Per l’occasione il settimanale tedesco der Spiegel conierà il titolo di Al Cafone.
“Chiamarle gaffes sarebbe sbagliato – scrive Marco Travaglio – Lui pensa davvero come parla.

Spesso si tratta di parole in libertà, pronunciate soprattutto all’estero, quando l’uomo sfugge al controllo dei suoi consiglieri e parla a braccio, lontano dai ghost writer”. “Berlusconi è l’unico bugiardo sincero che io conosca”, diceva di lui Indro Montanelli, che lo conosceva bene: “Crede davvero alle scempiaggini che dice e che fa”.
Noncurante dell’etichetta e delle buone maniere, il Cavaliere ha cantato davanti a Jacques Chirac; ha fatto le corna ai vicini in posa per le foto ufficiali; si è vantato di aver messo fuori gioco i comunisti con Lionel Jospin che aveva cinque ministri comunisti nel governo. A meno di quindici giorni dall’attentato alle Twin Towers di New York, durante una visita ufficiale a Berlino, gli scappa che l’Islam è “una civiltà inferiore”, “quelli sono rimasti indietro di 1400 anni”. E’ agosto, quando al matrimonio della figlia del premier turco Erdogan bacia la mano alla sposa, e non si fa secondo le regole islamiche. A settembre, rilascia un’intervista a due giornalisti dello Spectator in cui spiega che i giudici italiani sono “matti, mentalmente disturbati, antropologicamente estranei alla razza umana”, e che “Mussolini non ha mai ucciso nessuno: gli oppositori li mandava in vacanza al confino”.
In visita a Wall Street, dove molte donne hanno ormai posti importanti, invita a investire in Italia, “dove non ci sono più comunisti”, e soprattutto “ci sono le segretarie più belle”; aggiungendo, “il mio governo ha abolito l’imposta di successione”, per cui “l’invito potrebbe essere: venite a morire in Italia”.Più seria la gaffe sulla politica di Vladimir Putin.

Nel novembre 2003, durante una conferenza stampa congiunta, dice che la Russia era un modello di diritti umani, che in Cecenia non era successo granché, “ci sono attentati della guerriglia ma Mosca non ha mai risposto”. Seguiva condanna della Commissione e del Parlamento europei. Berlusconi annuncia al New York Times che bisogna abbattere tutti i regimi non democratici nel mondo, anche con le armi, modificando il concetto di sovranità nazionale. Poi dice che l’hanno frainteso. Infine, e sembrava l’ultima, dopo aver inseguito una operaia della fabbrica Merloni a Mosca, tentando inutilmente di baciarla, si è vantato di aver riportato la pace tra Bush e Putin: era stato lui a farli mettere d’accordo. A riprova elencava baci e abbracci dovuti a lui.

1 commento

  • Leggiamo questo articolo dopo dieci anni. A questa serie di uscite o frasi rinfacciate a Berlusconi, oggi ai difensori del Cavaliere basterebbe, e avanzerebbe, replicare citandone due, recentissime, per le quali si sono distinte due esponenti politiche antiberlusconiane. 1)On. Alessandra MORETTI
    del Partito Democratico. Ella propone ai pensionati, che lamentano l’esiguità dell’assegno, di prendersi in casa un migrante, onde integrare la pensione con la sovvenzione che lo Stato fornisce in tali casi (Tra l’altro: chi si abbasserebbe ad accettare tale proposta, certamente avrebbe un alloggio molto piccolo, cosicché dovrebbe mettersi col migrante in coppia di fatto!). 2) On. Laura BOLDRINI di SEL. Ella ha definito i migranti clandestini come nuovi partigiani: quindi l’on. Boldrini
    pensa che i partigiani fossero, per la maggior parte, profittatori, disertori e scampaforche!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>