La scuola pubblica messa in ginocchio

scuolaParliamoci chiaro. Il problema della scuola che Renzi, buon ultimo, mette in ginocchio dopo anni di attacchi devastanti, non può ridursi ora a un orario di lavoro che aumenta a parità di retribuzione, alle strutture fatiscenti fino all’inagibilità, al trattamento economico e giuridico dei lavoratori, ai tagli, alla precarietà, al potere sconosciuto e pericoloso di dirigenti scolastici che decideranno a chi dare i bonus stipendiali e alla rapina degli scarsissimi investimenti pubblici, utilizzati per foraggiare il privato. Ognuno di questi problemi è di per sé gravissimo, ma sarebbe facile per i “riformisti” battere la grancassa sul “corporativismo dei docenti conservatori” e scatenare i pennivendoli nella caccia all’untore.
Di fronte all’analfabetismo di valori di Renzi, la questione centrale e inquietante è anzitutto una: la legittimità democratica di un governo che esercita il potere in modo così autoritario e, di conseguenza, il diritto-dovere alla disobbedienza e all’obiezione di coscienza di chi è chiamato a eseguirne gli ordini. Diritto-dovere legato sia al valore costituzionale e al ruolo sociale della funzione docente, sia al tema storico di una Repubblica che nasce e si costituisce giuridicamente come risposta a una tragica esperienza autoritaria e non può, quindi, chiedere a nessun cittadino un’obbedienza che comporti la negazione delle sue stesse ragioni fondanti.
Mentre si annuncia l’ennesima riforma liberticida, non si tratta più di orari di lavoro e retribuzioni; prima c’è da affrontare la questione cruciale della compatibilità tra coscienza democratica e legalità, avendo ben presente che, se giuridicamente “legali” furono vent’anni di regime totalitario, moralmente e politicamente legittima fu l’illegalità antifascista. In quanto al dato storico, il governo fascista “legalmente costituito” e i giudici che condannarono gli oppositori del regime oggi, a giusta ragione, sono reputati volgari criminali; Gramsci, Pertini e i loro compagni di lotta, invece, sono maestri dei nostri giovani e vanto del Paese.
Renzi giura che tutto andrà bene e non ci sarà battaglia, ma sbaglia di grosso. Ci sarà e sarà molto più dura di quanto creda. Più che l’effetto disastroso dei suoi provvedimenti – gli ennesimi volti a colpire la dignità della scuola repubblicana – agli insegnanti interessano ora i motivi che spingono il governo a un inaccettabile autoritarismo e la legittimità democratica delle firme in calce alle proposte di riforma. Una legittimità che o esiste e ci impedisce di rifiutare l’obbedienza, o non esiste e ci autorizza a contestare, legittima l’obiezione e di questo passo ci obbliga alla resistenza. Se la riforma della scuola si pone fuori dalla legalità costituzionale, alla scuola di Renzi e Giannini non può bastare il consenso di un Parlamento che, a sua volta, nasce da una legge dichiarata fuorilegge e trasformato ufficialmente, complice Napolitano, in un’accozzaglia di nominati, pericolosa per la salute della Repubblica.
E’ questo lo scontro che si prepara, perché dubbi non ce ne sono: allo stato delle cose, non esiste nessuna condizione minima di legalità che imponga l’ubbidienza. I docenti antifascisti, infatti, quelli che sacrificarono la libertà e la vita affinché nascesse la scuola della Repubblica, ci hanno lasciato in eredità un testamento spirituale, passato così come fu scritto nella nostra Costituzione. In un foglio clandestino, stampato alla macchia sui monti dei partigiani, i docenti in armi contro il regime descrissero col sangue – e non è retorica – quale scuola voleva l’antifascismo per l’Italia nuova. Ogni regime autoritario, osservarono, sa bene che “l’istruzione è la vera liberatrice dello spirito umano, che eleva l’uomo e lo rende conscio dei doveri, dei diritti, delle sue fondamentali rivendicazioni”; ogni regime antidemocratico, che teme il popolo, quindi, “vuole il gregge, la massa, la folla” e perciò “tarpa le ali all’insegnamento libero, lo soggioga, lo vuole domare e dirigere per costituire una società fondata unicamente sulla potenza del denaro”. Di qui, aggiungevano, “l’insegnante asservito e domato con la miseria e col bisogno diuturno, l’insegnante ridotto a una vita grama e stentata che mortifica e immiserisce anche i più arditi”; di qui una “professione angusta, che si fa conformismo e infine rinunzia”. Di qui, una gioventù “formata a principi falsi, di qui la catastrofe e l’ineluttabile”.
Il gioco si ripete: carriere in mano a burocrati legati al carrozzone governativo, docenti affamati, umiliati e costretti a scegliere tra sopravvivenza e libertà d’insegnamento. Tutto questo, per mano di un governo sostenuto da parlamentari mai eletti ma nominati grazie a una legge ufficialmente illegale; parlamentari che, non bastasse, manomettono la Costituzione antifascista. Tornano alla mente Turati, per il quale certe riforme sono “il manganello applicato alla scuola”; torna in mente Matteotti, che accusò Gentile di voler “assoggettare la scuola a un pesante controllo politico”. e Rodolfo Mondolfo, che apertamente invitò alla disobbedienza perché, diceva, è chiaro a tutti che, quando si colpiscono i docenti a tradimento e si accresce l’autorità delle gerarchie scolastiche, si cancella la scuola come fucina di coscienza critica e si abolisce, di fatto, la libertà d’insegnamento. I docenti, quindi, non possono tacere, né obbedire, ma devono opporsi – scriveva Mondolfo – perché nessun insegnante democratico può subire in silenzio una riforma che non vuole cambiare la scuola, ma modificare i rapporti tra Stato e cittadini.

*L’autore è studioso dell’antifascismo, è stato docente a contratto di Storia Contemporanea presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università “Federico II” di Napoli. Dal 2013 insegna Storia contemporanea presso la “Fondazione Humaniter”.  Collabora col Manifesto e Repubblica Napoli.

 

5 commenti

  • Pingback: La riforma Giannini. Un manganello applicato alla scuola, direbbe Turati | Il Blog Di Giuseppe Aragno

  • Pingback: Le solite, insopportabili vacuità sulla scuola | Augusto Di Benedetto

  • Ho seguito liberta’ e giustizia e finalmente mi sono iscritta all’associazione per l’unico motivo di far ripristinare l’art.33 della nostra Costituzione.
    Ma non ho trovato molto interesse qui a Milano dove vivo,e alla fine sono rimasta molto delusa.I ministri che si succedono sono tutti per equiparare la scuola privata (interessi personali) alla scuola pubblica(con preparazione di base solida)ed e’ difficile lottare da soli.
    Ripristiniamo l’art.33!
    Lavoriamo tutti insieme prima che gli interessi personali ci travolgano completamente!G.

  • Le avrete ( forse ) camerati Renzi(e) , Berlusconi & soci vari le riforme a cui (voi) tanto aspirate . Sappiate però che troverete sulla vostra strada la ferma opposizione di quanti , nè assopiti nè cloroformizzati dai vostri mass media , tengono viva la memoria che altri , in momenti ancora più bui , pagando sempre di persona per il coraggio delle loro libere scelte , hanno saputo l tramandare . Oggi siamo pronti a riprendere civilmente e fermamente le stesse battaglie per rivendicare ,attraverso le nostre libere convinzioni, la difesa della nostra Costituzione : ORA E SEMPRE ! ( Grazie prof. Aragno)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>