Documento conclusivo della riunione dei Consigli direttivi dei due Comitati

Documento conclusivo della riunione dei Consigli direttivi dei due Comitati

 I consigli direttivi hanno approvato la proposta di lanciare un “prestito popolare” sul modello dell’esperienza del referendum per l’acqua pubblica. Si tratta in sostanza di una sottoscrizione volontaria, la cui restituzione sara’ possibile solo se il Comitato per il No nel referendum costituzionale avra’ diritto al rimborso elettorale.

I consigli direttivi inoltre hanno deciso di costituire una cabina di regia degli esecutivi dei due Comitati per meglio coordinare tutta l’attivita’ referendaria, che ora ha al centro la raccolta delle firme e in seguito avrà la campagna elettorale vera e propria, coinvolgendo in essa l’avv. Besostri in rappresentanza degli avvocati che stanno conducendo le iniziative giudiziarie sull’incostituzionalità dell’Italicum.

I consigli direttivi inoltre hanno deciso di intraprendere una forte iniziativa verso le Autorita’ di garanzia, le reti televisive pubbliche e private, i direttori di rete e dei quotidiani per richiedere una adeguata informazione, sul merito delle questioni al centro dei referendum e sulla esistenza di una campagna di raccolta delle firme, e per rivendicare piena parita’ di trattamento per le posizioni che si confronteranno sui referendum istituzionali, anche facendo seguito a precedenti esperienze.

I Comitati chiedono a tutti gli organi di stampa di svolgere la loro funzione democratica, di essere aperti alle ragioni del Comitati referendari al fine consentire in ogni modo la corretta diffusione delle notizie e delle attivita’ dei comitati referendari.

Il deposito del quesito referendario sulle deformazioni della Costituzione contenute nella legge Renzi-Boschi è stato necessario per promuovere il referendum oppositivo e avere così la possibilità finalmente di bocciarle.

Cosi’ i tre quesiti referendari (due sulla legge elettorale – Italicum – e uno sulla Costituzione) si affiancheranno nei banchetti della raccolta delle firme che sono condizione necessaria per arrivare ai referendum.

Da ora la raccolta delle firme necessarie e’ il primo e piu’ importante obiettivo dell’iniziativa dei due Comitati che nelle prossime settimane chiamano tutti i comitati locali, le associazioni a mobilitarsi al massimo per questa iniziativa. In poco piu’ di due mesi occorre raccogliere almeno 500.000 firme valide per ciascun quesito referendario. Per questo i Comitati fanno appello non solo a quanti finora si sono impegnati per questo obiettivo ma a tutte le organizzazioni politiche e sociali, alle associazioni culturali e di qualunque tipo affinché si impegnino fortemente nella raccolta delle firme, condizione indispensabile per far valere, nella campagna elettorale vera e propria che ci sarà in seguito, le ragioni di merito che portano ad un secco no alle modifiche della Costituzione e a proporre l’abrogazione di due aspetti fondamentali della legge elettorale che la qualificano come ipermaggioritaria, facendola assomigliare al Porcellum già sanzionato dalla Corte costituzionale.

I Comitati chiedono agli organi di stampa e di informazione aperti alle ragioni referendarie di aiutare in ogni modo la corretta diffusione delle notizie e in particolare dare risalto alle attività dei comitati territoriali a partire dai banchetti per la raccolta delle firme.

Roma 21/4/2016

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>