Per salvare la Terra, di Laura Foresta

Per salvare la Terra, di Laura Foresta

Partecipata e coloratissima la manifestazione sulla salvaguardia dei diritti del Pianeta Terra che si è svolta ieri a Roma,  in vista del summit sui cambiamenti  climatici che inizia i lavori oggi a Parigi. Numerosissime le sigle delle Associazioni ambientaliste che affidano  a palloncini colorati i loro auspici per questo ennesimo consesso mondiale, dal WWF a Greenpeace, da Slow Food  alla Confederazione Italiana Agricoltori (CIA), dalla Coldiretti a Lega Ambiente. Sfilano insieme ad alcuni nostri politici anche orsi bianchi, tigri e panda, mentre sul palco allestito all’inizio di via dei Fori Imperiali la Bandabardo’ intona motivi travolgenti.  Si distribuiscono anche mele, rigorosamente biologiche, di un’azienda agricola molisana. Insomma, proprio una bella festa, che si replica in tante piazze di altrettante città nel mondo. L’aspettativa questa volta è  grande: ci si chiede se i responsabili  delle politiche ambientali  planetarie sapranno esserne all’altezza, dopo i tanti, troppi appuntamenti falliti.   Una cosa, però, adesso è certa: le popolazioni hanno compreso con chiarezza  che la loro mobilitazione sempre più convinta  e partecipata a difesa della sopravvivenza della vita sul Pianeta farà la vera differenza, come ha ben dimostrato un interessantissimo documentario realizzato sulla base del bestseller  di  Naomy Klein, dal titolo non casuale “This changes everything”, che è stato proiettato in anteprima a Roma pochi giorni fa nella sede istituzionale dei  Gruppi parlamentari e verrà distribuito nelle sale cinematografiche tra qualche mese.

Laura Foresta è socia del Circolo LeG di Roma

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>