Sblocca Italia? Più cemento. Renzi fa scempio del paesaggio

renzi-de-monticelli-ape13La rassegna stampa di Prima Pagina, condotta da Angelo Maria Perrino, apre il dibattito sullo Sblocca-Italia. La filosofa Roberta De Monticelli, fenomenologa di fama mondiale e docente all’Università Vita-Salute San Raffaele, scrive al direttore di Affaritaliani.it per esporre il proprio punto di vista e alcune riflessioni sul tema.

Rivolgo queste righe a lei, ringraziandola per l’ottima conduzione, e pregandola di ospitarle se possibile nel suo giornale, o almeno di ospitarvene il contenuto e le segnalazioni. Alle molte segnalazioni sullo Sblocca-Italia vorrei aggiungere una informazione e due esempi.
1. Ogni cittadino può vedere in rete, ad esempio qui: http://www.phenomenologylab.eu/index.php/2014/10/sblocca-italia-o-rottama-italia-considerazioni-su-cinismo-e-politica/
E’ un volume a cura di Tomaso Montinari, storico dell’arte, docente universitario ed editorialista, da sempre attento ai temi della tutela del patrimonio culturale, che contiene 6 articoli rispettivamente di studiosi, ex ministri, urbanisti, storici dell’arte, costituzionalisti, fra i quali Salvatore Settis, Vezio Di Lucia, Massimo Bray, lo stesso Montanari, scritti per illustrare ogni aspetto dello scempio irreversibile che questo decreto provocherà, se non lo blocchiamo. Ecco un passaggio dalla sua presentazione:
Un terribile ritorno a un passato che speravamo di aver lasciato per sempre. Un passato in cui “sviluppo” era uguale a “cemento”. In cui per “fare” era necessario violare la legge, o aggirarla. In cui i diritti fondamentali delle persone (come la salute) erano considerati ostacoli superabili, e non obiettivi da raggiungere”.

2. Due esempi soltanto di disastri in atto. Premessa: è terribilmente erroneo, chiedo perdono, il ragionamento per cui occorre bilanciare economia e tutela del territorio e del paesaggio che sarebbero due esigenze contraddittorie: quello che stiamo distruggendo è il solo patrimonio economico che ci resta e che potremmo valorizzare con esiti economici veri e di lungo periodo, mentre un paese che divora se stesso non può che continuare nel declino.

Ecco gli esempi:
a) L’autostrada Spaccamaremma. Nell’assoluta opposizione delle popolazioni locali, dell’Europa e di tutte le associazioni per la difesa del Paesaggio, si sta consumando lo scempio di alcuni paesaggi declamati in tutto il mondo. NON ESISTERANNO PIU’. NESSUN VANTAGGIO economico potrà venire da quest’opera, se non per i raccoglitori di tangenti e per la Società Autostrade, che è stata privatizzata soltanto per avere alla sua direzione politici che come tali hanno deciso quali enormi vantaggi avrebbero ricevuto una volta passati a dirigerla. Vedi una delle puntate passate di Report.

b) Lo scempio di proporzioni apocalittiche fatto col Porto di Cecina, dove si è spostata la foce di un fiume, regalato un demanio, usati fondi pubblici che erano destinati alla TUTELA E DIFESA DELLA COSTA GIA’ DEVASTATA DALL’EROSIONE MARINA, per lo scopo contrario, ottenendo come già PALPABILE risultato il PEGGIORAMENTO RADICALE di tutta la costa sabbiosa DELLA RISERVA NATURALE DI STATO DEI TOMBOLI DI CECINA, di cui allego alcune foto. Ma qui si può fermare almeno l’IMMANE speculazione edilizia in funzione della quale questo scempio è stato fatto, e che sorgerà altrimenti ESATTAMENTE ALL’INCROCIO DI DUE “PARCHI”: ANPOL Fiume Cecina e Riserva Nazionale dei Tomboli.

Con stima,
Roberta De Monticelli

4 commenti

  • Illustre prof. De Monticelli,

    continuare e limitarsi a denunciare gli aspetti più preoccupanti dei vari pessimi lavori in corso, è chiaramente del tutto insufficiente!

    Capisco che a Voi e ai Suoi colleghi non meno illustri, sia più naturale lo studio, l’approfondimento e poi la divulgazione. Ma se davvero tenete alla salvezza del Paese e non alla sola denuncia, allora “la mente” deve fare ancora un passo avanti per attivare “le braccia” che paiono anchilosate e poco reattive a questi stimoli assennati!

    E ci sono delle formidabili braccia sane, capacissime di seguire i Vostri insegnamenti, come Libera di don Ciotti, ma non sola, capaci di tradurre in azioni conseguenti, il rigore morale e culturale di cui siete portatori, come lo furono i Costituenti!

    E ci sono gli strumenti Costituzionali, prima che ce li sfilino di mano, che possono essere branditi per cambiare il destino del Paese, come il prof. Settis nel suo “Azione Popolare. Cittadini per il Bene Comune”!

    Forza! Coordiniamoci e attiviamoci!

    Don Ciotti afferma: “Non possiamo restare prigionieri di parole e riti retorici, senza mai trovare il momento dell’azione efficace!”

  • Se solo la metà dei soldi spesi in passato per cementificare fossero stati spesi per la difesa del territorio quante vite e quanti miliardi avremmo risparmiato. Si dice che l’hanno fatto per stimolare l’economia. Allora come mai da vent’anni il PIL italiano stagna e dal 2008 siamo in recessione?!

  • Si dovrebbe scrivere e parlare della Regione ( in questo caso della Toscana ) condotta da sempre in colore rosso , quindi per favore prendersela con Renzi – Governo – mi sembra fuori posto ed è fuorviante .
    Con il massimo rispetto ma per rispetto della verità .
    Sulla autostrada della Maremma ho letto , e posso sbagliare , anche altri commenti molto diversi , e con polemiche .
    Grazie per l’attenzione RF

  • La Toscana è sempre stata governata dal centrosinistra, e i risultati si vedono. Con l’attuale PdC, viste le premesse e la mentalità che lo accompagna, le cose potranno solo peggiorare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>