Vicini al baratro

Che sta succedendo? Il ricatto berlusconiano, spinto fino al limite estremo, ha mandato in frantumi la fragile tregua. Si ritorna all’emergenza. Vicini al baratro dal quale eravamo faticosamente risaliti. Di nuovo esposti agli attacchi della speculazione finanziaria, che può avvalersi di un finale di legislatura convulso. Il terremoto, provocato dalla decisione del Pdl di togliere di fatto la fiducia al governo, ci consegna un futuro politico al momento indecifrabile. E’ saltata l’agenda che il capo dello Stato aveva faticosamente messo a punto quando si prevedevano le elezioni a marzo e, quindi, una conclusione “morbida” dell’esperienza del governo Monti. Si andrà alle elezioni a febbraio. In modo brutale. Perché la spinta alla destabilizzazione, che viene da Berlusconi, non sembra avere sosta. Ci sono solo alcuni punti che si possono in questo momento fissare. Consapevoli che gli equilibri della prossima legislatura sono tutti in ballo.

Primo. La decisione di Monti di dimettersi, una volta approvata la legge di stabilità, impegno al quale il Paese non  può sottrarsi, è stata una scelta saggia. In questo modo, il Professore impedisce al Pdl di giocare su due tavoli, partito di lotta e insieme di governo, in condizione di logorare quotidianamente l’esecutivo e le altre forze politiche che, per senso di responsabilità, sarebbero state costrette a sostenerlo. Ma, al tempo stesso, queste dimissioni, per il modo in cui avvengono, cambiano il ruolo di Monti. La responsabilità della crisi, di fronte al Paese e all’Europa, è sola del Cavaliere. Il che cancella la “terzietà” del governo tecnico. Fa che Monti non abbia più la necessità di restare “super partes”. Che possa essere il punto di riferimento per quell’area centrista ritrovatasi fin qui sulle sue posizioni. Assumendone, nei modi che giudicherà possibili, la leadership politica.

Secondo. Berlusconi, a questo punto, è solo con le sue responsabilità. L’azzardo potrebbe non pagare. Ma questo renderà la sua campagna elettorale ancora più violenta. All’insegna dell’antieuropeismo. Contro la moneta unica. Contro “il governo delle tasse”. Facendo leva sulla crisi economica e sul disagio sociale. In concorrenza con la campagna di Beppe Grillo, ma cercando di occultare le sue passate responsabilità. L’uomo appartiene a un’epoca ormai superata. E’ imbalsamato nell’ossessiva ripetizione  della sua messa in scena. Questa incapacità lo spinge all’avventura, con iniziative dirompenti ed eversive. Una miscela esplosiva. Che tiene insieme interessi politici e interessi personali. Si è riappropriato del partito, dopo il promesso “passo indietro”. Ha chiamato agli ordini Angelino Alfano, spogliandolo del ruolo di aspirante candidato premier. Ha obbligato all’obbedienza quanti avevano cercato di trovarsi una personale via d’uscita dal disastro del Pdl. Proclama che solo lui può “vincere”. In concreto, si accontenterebbe  di potersi sedere al tavolo della “spartizione”, una volta chiuse le urne. Non sono da sottovalutare, tuttavia, i mezzi di cui dispone il “grande illusionista”. Se c’è una cosa che Berlusconi sa fare è proprio la campagna elettorale. Speriamo che gli elettori questa volta lo capiscano.

Terzo. C’è da chiedersi quale possa essere, in queste condizioni, il futuro della cosiddetta area moderata. Non è molto significativo, in questa fase, il peso della piccola pattuglia di ex berlusconiani che si sono dissociati rivendicando la loro linea europeista. Il discorso va fatto intorno all’Udc di Casini, ai Montezemolo, al ministro Riccardi. Ma anche qui finora è stata nebbia fitta, non essendo chiaro neppure se sarebbero riusciti a trovare un  punto di sintesi intorno a un comune cartello elettorale. I rapporti si faranno, ora che la situazione precipita, più fluidi e stringenti? Circolano le ipotesi più diverse. Compresa quello di un ripensamento di Montezemolo che  preparerebbe la sua “discesa in campo”. Ma il punto centrale è legato alle decisioni che prenderà Mario Monti. In assenza di un impegno politico diretto del Professore, è difficile riservare un grande futuro al cosiddetto Terzo Polo. Parlando con “Repubblica”, Monti ha detto di “non sapere ancora” che cosa farà. Ha aggiunto, però, di essere molto preoccupato. Non solo per quella “parte politica” che ha provocato le sue dimissioni. Perché, in realtà,la sua preoccupazione è “più generale”. In queste parole, molti leggono il preannuncio di un impegno politico. Che coincide con lo spazio che potrebbe avere nel nostro Paese uno schieramento legato al Partito popolare europeo.

Quarto. C’è, nel mondo politico che si oppone alla deriva berlusconiana, una profonda asimmetria tra il centro moderato e il centrosinistra guidato da Bersani. Il Pd appare come il solo partito in buona salute. Un partito ritrovato dopo le primarie. Cresciuto grazie alla restituzione di sovranità dei cittadini. Il Pd può sfruttare il grande vantaggio mediatico e tattico di cui dispone. Ma farebbe un grave errore se lo utilizzasse nella routine dei vecchi negoziati, dei consueti tatticismi. La “ruota del rinnovamento”, per dirla con il segretario, deve girare ora, nei giorni più convulsi di questa triste legislatura.

7 commenti

  • - Non sono da sottovalutare, tuttavia, i mezzi di cui dispone il “grande illusionista” – estrapolo e sottolineo questa frase dell’intervento di Meli. Non sottovalutare Berlusconi, come purtroppo si è fatto in passato, è il primo passo per neutralizzarlo. Altrettanto opportuno il richiamo al Pd perché prosegua sulla strada del rinnovamento. A proposito del Pd, oggi Bersani ha detto che è meglio che Monti rimanga fuori. Capisco il suo timore di vedersi sottrarre qualche spicchio di elettorato, ma penso che la discesa in campo di Monti comporterebbe molti più problemi per Berlusconi, stretto “a tenaglia” tra Bersani, Monti e Grillo, che gli toglierebbero “tutti i ruoli in commedia” in campagna elettorale. Per questo penso che il Pd, pur dovendo predisporre un’agenda molto più “equa” sui temi sociali ed economici, forse farebbe meglio a salutare l’eventuale impegno diretto del professore con una benevola neutralità.

  • Ce n’e’ stato un altro che aveva fatto mettere il “vinceremo” anche sulle cartoline postali e sa[[iamo come e’ finita…
    Possibile che l’ignoranza e la piaggeria possano arrivare fino a votare un essere di questo tipo?

  • Non sottovalutare Berlusconi è il primo passo. Non scadere nell’attacco alla persona è altrettanto importante. La lotta politica va combattuta sul piano delle idee, dei programmi (credibili e realizzabili). Il populismo del Cavaliere può trovare facile appeal in quanti pensano di pagare meno tasse (vedi ICI ora IMU).
    La candidatura di Monti va salutata con favore.
    Berlusconi potrebbe trovarsi accerchiato.
    Bersani dovrà cooptare Matteo Renzi (meglio evitare le tentazioni della Sirena).
    Una coalizione più ampia che coinvolga i cosiddetti moderati riformisti può isolare la destra populista, antieuropeista.

  • Lui è un egotista in malafede, un folle, ma tutti quelli che in Parlamento lo appoggiano come li definiamo?

  • Sono un cittadino come tanti che ogni giorno fa il lavoro che gli viene assegnato credendo di fare il proprio interesse e quello del proprio paese e della comunità in cui vive. Sono un cittadino che vive con angoscia e amarezza la crisi economica che annienta l’esistenza di tante persone. Oggi nasce dentro di me un sentimento di ribellione quando ascolto Berlusconi definirsi come colui che è costretto controvoglia a candidarsi per il bene dell’Italia. Proprio lui che è stato l’artefice principale del nostro declino pensando solo ai suoi interessi personali. Conto poco ma mi impegnerò con tutte le mie mie forze per impedire la vittoria di questo insopportabile personaggio.

  • Non ero per nulla rassicurato da quanti sino ad una settimana fa continuavano a ripetere che Berlusconi era ormai ‘bollito’ e finito, ed infatti rieccolo sulla scena mediatica con tutto il suo veleno populista, da cui l’Italia non mi pare del tutto immunizzata. Pare che la stessa gerarchia cattolica stia prendendo le distanze dal caimano, dopo i quasi vent’anni dei suoi abusi sconcezze della cosa pubblica, a tutto danno dei cittadini onesti, ma con la complicità di tanti, tanti, anche nmelle cosiddette opposizioni. Ma si tratta di un ravvedimento, vero se pur tardivo, dei vescovi italiani, e non piuttosto di una mossa firmata card. Bagnasco, per ‘aumentare il prezzo’?. Quali e quante concessioni il Cav ed i suoi fedelissimi sono disposti a conedere alla chiesa cattolica? Pensiamo a Comunione e Liberazione, all’on. Maurizio Lupi e a tanti tanti altri

  • Però Berlusconi non lo hanno mica votato i marziani, lo abbiamo votato noi italiani.
    E ve lo ricordate il 2005? Io ho fatto un’ora di coda per votare Romano Prodi alle primarie. E poi nel 2006 ho votato per l’Unione alle politiche. Sissignore!
    E dopo, cosa mi sono trovato?
    Il Pecoraro di lotta e lo Scanio di governo che brigavano (entrambi) per mettere gli amichetti ai posti di comando. I Rifondaroli del put che al 27 del mese prendevano lo stipendio da ministro o da sottosegretario, e negli altri giorni andavano in piazza a dimostrare contro il governo perché non volevano la caserma Dal Molin e l’inceneritore di Acerra. Conflitto di interessi? Rai? Legge elettorale? Falso in bilancio? Pinzillacchere! Vuoi mettere la Dal Molin?
    E i Rossi e i Turigliatti che si facevano venire gli stranguglioni per non mi ricordo più cosa, certamente non per la legge elettorale.
    E te credo: senza il porcellum, chi li avrebbe votati i due mentecatti?
    E la liberalizzazione dei taxi, con Veltrone l’africano che prendeva subito le parti dei tassisti in nome del traffico bloccato a Riomma.
    E il nuovo partito dalle magnifiche sorti e progressive, mentre il governo affondava, ma chi se ne frega: noi vogliamo il trentapercento.
    Poi gli altri hanno preso il quaranta.
    Avessi mai sentito una parola, una sola, di autocritica. ah, già. Quella è una parola stalinista.
    E adesso il nano grasso e pelato ritorna: e chi ve lo ha detto che non è in grado di vincere?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>