Sicurezza, gli imprenditori nel Pd facciano chiarezza

Casson: “Così si allunga la prescrizione” // E’ indegno di un paese civile il “no” di Confindustria all’inasprimento delle sanzioni previsto per gli imprenditori che non rispettino le norme di sicurezza. Di fronte a un’ecatombe che conta 183 morti sul lavoro dall’inizio dell’anno, il decreto che il governo Prodi si appresta a votare prevede sanzioni graduali che arrivano fino a due anni di carcere per i datori di lavoro responsabili di non aver osservato la legge. Libertà e Giustizia chiede agli esponenti della Confindustria e agli imprenditori che hanno accettato di candidarsi con il Partito democratico di esprimersi chiaramente su questo punto, per non lasciare ombre e possibili dubbi su una questione così importante.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>