Consulta: LeG ”Basta indagati”. Becchi vota Rodotà

IN ATTESA della 14esima votazione sui membri della Consulta e del Csm, Libertà e Giustizia in una nota “raccomanda alcune indicazioni di buon senso, che restituiscano dignità al Parlamento e a tutti i soggetti coinvolti”. Nel dettaglio sono quattro punti: “1) Escludere dalla Consulta e dal Csm coloro che si sono spesi per cambiare la Costituzione violando l’articolo 138. 2) Escludere i paladini di un Senato non eletto direttamente dai cittadini. 3) Privilegiare una donna. 4) Pretendere un’alta esperienza professionale: nomina parlamentare non vuol dire nomina di politici di professione . Anzi”. Il politologo Paolo Becchi, nel suo blog sul Fatto Quotidiano, suggerisce a Renzi, per uscire dall’impasse, di scegliere “un candidato di grande prestigio che possa incontrare le simpatie pentastellate”. Il nome, è sua “personale opinione”, ribadisce è quello di Stefano Rodotà.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>