Verso la svolta autoritaria

Berlusconi-renziStiamo assistendo impotenti al progetto di stravolgere la nostra Costituzione da parte di un Parlamento esplicitamente delegittimato dalla sentenza della Corte costituzionale n.1 del 2014, per creare un sistema autoritario che dà al Presidente del Consiglio poteri padronali.
Con la prospettiva di un monocameralismo e la semplificazione accentratrice dell’ordine amministrativo, l’Italia di Matteo Renzi e di Silvio Berlusconi cambia faccia mentre la stampa, i partiti e i cittadini stanno attoniti (o accondiscendenti)  a guardare. La responsabilità del Pd è enorme poiché sta consentendo l’attuazione del piano che era di Berlusconi, un piano persistentemente osteggiato in passato a parole e ora in sordina accolto.
Il fatto che non sia Berlusconi ma il leader del Pd a prendere in mano il testimone della svolta autoritaria è ancora più grave perché neutralizza l’opinione di opposizione. Bisogna fermare subito questo progetto, e farlo con la stessa determinazione con la quale si riuscì a fermarlo quando Berlusconi lo ispirava. Non è l’appartenenza a un partito che vale a rendere giusto ciò che è sbagliato.
Una democrazia plebiscitaria non è scritta nella nostra Costituzione e non è cosa che nessun cittadino che ha rispetto per la sua libertà politica e civile può desiderare. Quale che sia il leader che la propone.

Primi firmatari:
Nadia Urbinati
Gustavo Zagrebelsky
Sandra Bonsanti
Stefano Rodotà
Lorenza Carlassare
Alessandro Pace
Roberta De Monticelli
Salvatore Settis
Rosetta Loy
Corrado Stajano
Giovanna Borgese
Alberto Vannucci
Elisabetta Rubini
Gaetano Azzariti
Costanza Firrao
Alessandro Bruni
Simona Peverelli
Nando dalla Chiesa
Adriano Prosperi
Fabio Evangelisti
Barbara Spinelli
Paul Ginsborg
Maurizio Landini
Marco Revelli
Beppe Grillo
Gianroberto Casaleggio
Gino Strada
Paola Patuelli
Tomaso Montanari
Antonio Caputo
Ugo Mattei
Francesco Baicchi
Riccardo Lenzi
Pancho Pardi
Ubaldo Nannucci
Maso Notarianni
Ferdinando Imposimato
Cristina Scaletti
Laura Barile
Raniero La Valle
Luciano Gallino
Ida Dominijanni
Domenico Gallo
Ermanno Vitale
Tommaso Fattori
Dario Fo
Fiorella Mannoia
Salvatore d’Albergo

 

Associazioni:
Viva la Costituzione
Articolo 53
Rete per la Costituzione
Giustizia e Libertà
Deportati mai più
Lavoratori Autorganizzati Ministero dell’Economia e delle Finanze
Libera Cittadinanza

Circolo di Lamezia Terme
Associazione Addiopizzo

 

 

 

2.079 commenti

  • Pingback: 25 Aprile, da Monte Sole all’Arena di pace e disarmo | Azione nonviolenta

  • Pingback: Le riforma del Senato e lo yoghurt | un filo rosso

  • E’ ripugnante che la riforma del Senato debba avvenire entro la data delle elezioni europee, e sia quindi trasformata in uno spot elettorale.

  • stanchi di cavalcate sul nulla,di televendite e partite del cuore,di ritorni sulla scena di berlusconi e di un regime mediatico che non un solo cenno ha fatto o intende fare alla lista Tspiras,al delirio verso il nuovo affabulatore di un popolo stremato e per questo sensibile .La vostra voce resta l’unica che urla la verita’ agli Italiani circuiti da 80 euro che gli saranno tolti con gli interessi.Per questi filibustieri dalla faccia pulita,la costituzione e’ un loro giocattolo da rompere a piacimento.Naturalmente mi auguro di sbagliare ma temo che un nuovo ventennio possa prospettarsi se non si agisce subito.Io e molti docenti dell’universita’ Napoli2 siamo con le vostre battaglie.EV

  • Pingback: La riforma del Senato e lo Yoghurt | nandocan magazine 1

  • Berlusconi di facce ne ha una per situazione,non è ne credibile ne presentabile,ma un grandissimo impresentabile disonesto e condannato DEFINITIVAMENTE e Giustamente per FRODE allo Stato,(cioè a NOI Cittadini),per questo dovrebbe essere allontanato sia dalla Politica sia da ogni posto Pubblico,DI DANNI CE NE HA FATTO FIN TROPPI,invece è sempre in TV a dire falsità oltre aver avuto una ridicola condanna a servizi sociali di SOLE 4 ore settimanali,il Giudice che l’ha stabilita andrebbe indagato,di sicuro non è una pena da infliggere a un reato GRAVE come la FRODE,dovrebbero anche chiedergli conto dei danni economici fatti.Riguardo al Governo,questo non ha diritto a modificare la Costituzione,lo deve fare chi viene eletto dai Cittadini assieme al 75/80% dei Politici eletti e con CONFERMA dai Cittadini a mezzo Referendum Senza Quorum,come giusto sia sempre per premiare chi va a votare,NON chi se ne frega,POI, deve fare Una Legge Elettorale a doppio turno,per dare Governabilità certa(Tipo quella per eleggere i Sindaci),ma CON NOSTRE PREFERENZE,ai Partiti Politici,possiamo concedere solo 4/6 nomi da mettere in Lista,Che comunque siano eletti i più votati fra tutti i partecipanti,non in ordine di lista.QUESTA è la Legge che Vogliono e vogliamo NOI Cittadini,Noi siamo autorizzati,i NOMINATI al Governo NO!!.

    Se Poi vogliamo avere persone elette,degne di esserlo,che siano Oneste e capaci,si dovrebbe scegliere i candidati partendo dal curriculum sul quale indicare le loro qualità,prima ancora,devono avere la fedina penale pulita e NON avere alcuna denuncia o sospetto di mal comportamenti,i Candidati Politici,dovrebbero essere scelti OBBLIGATORIAMENTE, per Tutti i Partiti, “Con PRIMARIE”,di conseguenza, i più votati e meritevoli, saranno inseriti in Lista elettorale per essere eletti in Politica Governativa.
    Questo darebbe Governabilità con Persone degne e oneste.

  • E’ sempre più difficile per il cittadino comprendere tra il falso e il contorto, ma la consapevolezza di quanto la menzogna informativa venga distorta e trasformata in verità popolare è frustrante nell’ipotenza del cittadino.

  • In questi giorni sovraccarichi di informazioni iconiche e non renziane è venuta fuori in maniera plateale dai numerosi enfantes portavoce di renzi la vera anima di questo nuovo governo gli elenco per sintesi:
    a) La Serracchiani in un dibattito sulla Sette dopo esere stata messa alla strette sul decretto dell’0ccupazione ha sbottato (a memoria): ma cosa volete, lavoro non ce ne per nessuno! (non ho capito a cosa ci sta a fare lei li, forse perche è l’unico posto ancora disponibile che viene retribuito bene?.
    b) I soliti corifei parlano sempre degli ITALIANI indistintamente, e non del milione di voti presi nelle loro sedi di partito? (compresi gli affiliati de Il Giornale.), snza considerare gli altri milioni di liberi cittadini, degli altri partiti, associazioni, ecc, e da quanto stabilito dalla Costituzione.
    c)Oggi ho sentito una discussione che verteva sul programma di Renzi nella quale è riportato un punto che deve essere a quanto pare discusso a breve, sulla necessità di una proposta di governo verticistico. Al che Berlusconi dalla prigione di Famiglia Cristiana ha reclamato la peternità di quella prposta che in ventanni non è riuscito a fare. Il Futurista dobbiamo riconoscere che oltre ad essere antidemocratico e proprio veloce.

  • Uniamoci per tutelare la Costituzione italiana, la libertà di scelta e i diritti fondamentali sanciti dall’attuale Carta.
    La legge di riforma elettorale e quella di riforma del Senato della Repubblica, così come proposte, comprimono, palesemente, i diritti e le libertà del Popolo italiano. Esse rendono il popolo schiavo della partitocrazia.

  • Pingback: Deriva autoritaria ? | Essere Sinistra

  • Pingback: Rodotà rottama le riforme di Renzi. O almeno gli piacerebbe - Giornalettismo

  • Pingback: La tentazione autoritaria: Nihil novi sub sole | Galvanor da Camelot (Lino Lavorgna)

  • Pingback: Le vestali della Costituzione e il futuro del parlamentarismo italiano - Istituto di Politica : Istituto di Politica

  • Pingback: Autonomisti affossano le autonomie (altrui) | Nonluoghi

  • Pingback: Perchè si può essere contrari alla riforma del senato - Massimo Lizzi

  • Pingback: PERCHE’ BLINDARE IL POTERE? | Aladin Pensiero

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>