Strage di Capaci, l’attacco di Grasso: “C’è chi chiama i magistrati cancro”

Alle 17 e 58, il 23 maggio del 1992, mille chili di tritolo uccidono il giudice Giovanni Falcone con la moglie Francesca Morvillo e la sua scorta, lungo l’autostrada Palermo- Mazara del Vallo, all’altezza di Capaci.

L’auto sulla quale viaggiava il magistrato simbolo della lotta alla mafia, è sventrata dall’esplosione . In quell’attentato perdono la vita anche tre agenti Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani.

Diciannove anni dopo, la verità è ancora lontana.
“Dobbiamo tendere all’accertamento della verità a ogni costo, anche se la verità processuale non è quella assoluta, ma quella che si può trovare”. Con queste parole il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso sbarca al porto di Palermo, dopo la traversata da Civitavecchia compiuta a bordo della Nave della legalità, in occasione del 19esimo anniversario della strage di Capaci. Un anniversario che “cade in un momento in cui i magistrati sono spesso messi sotto accusa, ma questo non ci deve turbare più di tanto anche se ci sono tentativi di delegittimazione noi dobbiamo rispondere con i fatti, i comportamenti, il lavoro, i nostri provvedimenti. Non dobbiamo accettare la rissa e dobbiamo continuare a fare il nostro dovere come abbiamo sempre fatto e come i cittadini vogliono”.

2 commenti

  • Guardi e ricordi, poi pensi e nei tuoi pensieri si fa largo un’idea…una brutta considerazione: <> . Vi pare così fuori dallarealtà questa pazza considerazione?…guardiamo questa orda di politici che ci circonda e poi ragioniamoci sopra!!…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>