Primarie per il sindaco, la sfida di Milano

Dalle 8 alle 20 di domenica i milanesi di centrosinistra potranno scegliere il loro candidato sindaco, tra i quattro sfidanti in corsa : Stefano Boeri, Valerio Onida, Giuliano Pisapia e Michele Sacerdoti. Si vota in 128 seggi allestiti in città per le primarie. A differenza del passato, la macchina organizzativa ha drasticamente tagliato il numero di gazebo (dalla trentina del 2009 si è arrivati ad appena 9) per risparmiare lunghe attese al freddo agli elettori e ha aumentato invece le sedi al coperto, tra cui figurano anche bar, ristoranti, negozi e laboratori di parrucchieri.

Potranno votare tutti i cittadini residenti a Milano con almeno 16 anni di età e gli stranieri muniti di regolare permesso di soggiorno. Gli elettori dovranno presentarsi con un documento di identità e (per chi ce l’ha) la propria tessera elettorale solo nel proprio seggio di riferimento, corrispondente alla sezione elettorale del Comune. Sul sito primariemilano è consultabile la mappa dei 128 seggi con le sezioni collegate. “Abbiamo chiesto a tutti i presidenti di seggio – spiega il responsabile del comitato organizzatore Costanzo Ariazzi – l’assoluta rigidità nel rispetto delle procedure proposte. Vogliamo che le primarie vengano svolte nel pieno rispetto delle regole”. Anche se la partecipazione prevista è di circa centomila elettori, il comitato elettorale ha stampato 160 mila schede, per evitare la sorpresa del 2005 quando gli elettori furono costretti a votare sulle fotocopie. Complessivamente la macchina delle primarie è costata circa 180 mila euro, spesi in gran parte per la campagna di informazione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>