Il giurista e le interviste partigiane

C’ erano un tempo politici di destra e di sinistra, ciascuno intruppato nel proprio schieramento.

Ora ti capita d’incrociare Gianfranco Fini, che milita a destra ma è caro alla sinistra.

Oppure Pierferdinando Casini, che in Parlamento vota insieme alla sinistra mentre il suo cuore batte a destra. Chi può restituirci le nostre geometrie perdute? Stampa e tv una soluzione l’hanno rimediata: i costituzionalisti.

Ne parlo qui per esperienza personale, ma è l’esperienza di tutti i miei colleghi. C’è in cantiere una legge sulle intercettazioni? Doppia intervista con un giurista contrario alla nuova normativa e uno favorevole (quest’ultimo più raro sul mercato, ma fa niente, vuol dire che gli toccheranno sei interviste al giorno). C’è un progetto di riforma del bicameralismo? Della giustizia? Dell’immunità per le alte cariche? Idem, anzi doppio idem. Una volta un tg nazionale mi ha chiesto una dichiarazione per difendere la promulgazione d’una legge contrastata, avendo già incassato l’opinione avversa: un’intervista a risposta obbligata. E se tu spiazzi il giornalista dicendo il contrario di ciò che lui s’aspetta? Non ti pubblica, e non ti chiamerà mai più in futuro: inaffidabile.

continua a leggere

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>