Il programma dell’Unione, riflessioni e commenti

Un programma appena presentato e lanciato da Prodi al pubblico di centrosinistra come “un impegno vincolante. L’impegno di governare assieme, per cinque anni, un Paese che ha grandi risorse non utilizzate, grandi energie non attivate, grandi intelligenze non mobilitate, e che ha bisogno, disperatamente bisogno, di una guida salda e fortemente riformatrice per tornare a crescere, e a svolgere il suo grande ruolo in Europa e nel mondo”.Un documento corposo, 281 pagine, cui hanno aderito tutti i segretari dei partiti dell’Unione e che nasce dal lavoro diretto di quasi 500 persone riunite in 12 commissioni, come ha spiegato Romano Prodi nella presentazione ufficiale. I contributi della Fabbrica del Programma, più di 3mila interventi raccolti nel corso delle 21 iniziative pubbliche e oltre 6mila proposte scritte. Eppure c’è chi punta il dito: non è citata la Tav in Val di Susa; non si parla nemmeno del Mose, il modulo sperimentale per difendere Venezia dall’acqua alta. I più critici lamentano tra l’altro l’esclusione di qualsiasi apertura sui Pacs. Ma c’è anche soddisfazione per la chiarezza su alcuni punti fondamentali come le leggi ad personam da smantellare e le riforme-chiave di questi ultimi cinque anni, prime fra tutte la Moratti e la Bossi-Fini. La discussione è avviata.

Per questo chiediamo ai soci e ai simpatizzanti di Libertà e Giustizia di esprimere la loro opinione nel blog dal titolo: Programma, discutiamone.
LeG ha chiesto a esperti di settore di commentare, ciascuno per la propria competenza, i paragrafi del programma. I loro interventi saranno via via pubblicati sul sito.
Stefano Pareglio, per l’ambiente; Salvatore Palidda, per la sicurezza;Luciano Gallino, per il lavoro;Fulvio Scaparro, per l’infanzia;Elisabetta Rubini, per la giustizia;
Elisabetta Rubini, per l’informazione; Filippo di Robilant, per la politica estera;
Eugenio Nunziata, per la pubblica amministrazione;
Nella sezione Partiti e Società, richiamata nella Home page del sito, saranno inseriti articoli e documenti sul tema.

Come al solito, buona lettura e buona discussione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>