“La Lega vuole la secessione”

“Ma si sapeva, era chiaro da mesi che il problema delle riforme costituzionali fosse al centro di questa crisi e di tutta la tensione che corre all’interno della Casa delle libertà. Quest’ultima giornata così convulsa ne è l’ennesima prova: il nodo delle riforme aggroviglia la Cdl. E quel che è peggio, non vedo soluzioni”.
Andrea Manzella, senatore ds, costituzionalista, non si meraviglia e non si scompone. Il fil di fumo che era sembrato il segnale di un accordo raggiunto al vertice di tutti i leader della Cdl, nel giro di poche ore si è trasformato da presunta fumata bianca per un Berlusconi bis a fumo di rabbia della Lega. Bossi e i suoi non intendono ragioni: sulle riforme vogliono andare fino in fondo. E proprio quando Berlusconi sale al Colle, pronto a lasciare l’incarico per ricominciare da premier, i leghisti frenano e mettono zizzania sull’intesa per quel secondo mandato che il Cavaliere sente già in tasca.
Senatore, ci spiega cosa sta accadendo?
Niente di nuovo: c’è che An e Udc vorrebbero accantonare le riforme, la Lega invece insiste. Ma lo scontro è in atto da tempo. Chi ha seguito l’iter di quest disegno di legge che mette mano alla Costituzione si è accorto da mesi che non c’è più intesa, che si è rotto qualcosa e si è scatenato un gioco al massacro. Ora il punto vero è che se anche si dimette Berlusconi e cade il governo, poi in Parlamento che si fa? Si accantona la riforma o si procede? E’ questo che non è chiaro.

La crisi parte e si blocca su questo punto: la riscrittura della nostra Carta costituzionale è il punto discriminante della tenuta di questo governo ma anche di un governo-bis.
Prima o poi il nodo andrà risolto: secondo lei come?
Lo scenario che vedo io è molto nuvoloso. Perché alla fine, credo che il più coerente sia proprio Calderoli. E’ inutile continuare a nasconderlo, la Lega è un partito separatista come il partito Basco in Spagna. Bossi vuole un Nord separato strutturalmente e anche economicamente dal resto del paese. Poi che quelle regioni stiano sotto il nome di Italia è una questione di secondo piano. L’importante per la lega è la devolution, a cominciare da quella economica.
Un partito separatista che tiene in scacco l’Italia…
Beh, la democrazia è anche questo… La crisi cade tra l’altro a pochi giorni dagli straordinari risultati delle regionali e continua anche nelle ore in cui questi risultati sono confermati dalle nuove vittorie del centrosinistra. E’ Berlusconi che ha in mano il pallino per decidere cosa fare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>