Diventa Socio
L'appello anti-ponte del 2010

Coi soldi del ponte fermiamo le frane *

28 ottobre 2011

Libertà e Giustizia nel febbraio 2010 lanciò l’appello che sottoscrissero migliaia di cittadini. Allora franarono la Calabria e la Sicilia. Ora il governo decide di accantonare il faraonico progetto. LeG si augura che i soldi stanziati vadano a sostenere i comuni della Liguria distrutti dall’ultima ondata di maltempo e dar vita a quel Piano urgente di prevenzione e difesa del suolo di cui il Paese ha bisogno.

Il manifesto della fondazione di LeG, nata il 18 novembre 2002

Manifesto costitutivo di LeG

10 maggio 2010

Libertà e Giustizia vuole essere l’anello mancante fra i migliori fermenti della società e lo spazio ufficiale della politica

La cricca, un sodalizio ben collaudato

10 maggio 2010

Per la “cricca”, ogni giorno alla sua pena. L’ultima – una sconcezza – riguarda ancora una volta due inquisiti eccellenti: quell’Angelo Balducci, ex presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici ora in carcere per la catena di scandali legati al G8; e quel Pasquale De Lise, presidente aggiunto del Consiglio di Stato e già presidente [...]

Due anni di governo B: “il pettine” che non c’è

7 maggio 2010

Sono passati due anni da quell’otto maggio del 2008 che segnò l’insediamento del quarto governo Berlusconi. Un tempo breve nella storia dei governi repubblicani, ma mai prima di oggi era accaduto a molti di noi di sentirci come fisicamente segnati, trasformati dal marchio di una funesta avventura.Non c’è niente da festeggiare in questa ricorrenza: ci [...]

Zagrebelsky: “la Carta da sola non funziona se i politici sono corrotti”

6 maggio 2010
red leg

Gustavo Zagrebelsky intervistato da Serena Dandini a Parla con me, “C’è qualcuno che pensa che cambiando la Costituzione, si migliora la situazione. Si comincia a cambiare la Costituzione quando il Paese è in crisi. La Storia dimostra il contrario: la Costituzione si cambia quando il paese è forte, sa dove vuole andare. L’illusione di cambiare [...]

Ainis-Davigo: l’Italia corrotta e la questione morale

4 maggio 2010

RIFORMA DELLA GIUSTIZIA, I PALETTI DI LEG // Giustizia, legalità e corruzione: questi i temi trattati lunedì sera in un incontro dei soci del Circolo romano di Libertà e Giustizia con due interlocutori d’eccezione, Piercamillo Davigo, protagonista della stagione di Mani Pulite e oggi magistrato in Cassazione, e Michele Ainis, ordinario di diritto pubblico all’Università [...]

La Corte europea: Italia bocciata in diritti dell’uomo

26 aprile 2010

L’Italia ha accumulato, solo l’anno scorso, ben 68 condanne per violazioni della Convenzione dei diritti dell’uomo. Sentenze pronunciate a Strasburgo dalla Corte europea chiamata appunto a tutelare i diritti delle persone nei 47 paesi sottoscrittori della Convenzione. Le più numerose condanne a carico dell’Italia sono per violazione della vita privata e per interferenza con la [...]

Zaia, governatore veneto o ministro dell’Agricoltura?

15 aprile 2010

Luca Zaia deve scegliere, anzi doveva avere già scelto: o governatore della regione Veneto o ministro dell’Agricoltura. E invece no, non solo prende tempo ma a Venezia si è insediato martedì a Palazzo Balbi “con grande emozione” nello studio di presidente della giunta regionale, quindi l’indomani ha lasciato il Canal Grande, ha fatto un salto [...]

Partito democratico: riforme, giustizia, progetti

15 aprile 2010

Ma come siamo provinciali! Adesso vanno di moda Cameron, Brown e la regina e dunque importiamo il modello Westminster, proclama il Pd, ispirato da Area democratica. E accolto da Bersani alla vigilia della direzione. Dicono che questa soluzione mette d’accordo tutto il Pd che ora potrà rivendicare il primato assoluto di una proposta di riforma [...]

Nucleare, il contratto capestro

9 aprile 2010
LeG Roma

Un complesso lavoro di controllo; un’inchiesta d’équipe per cercare di capire, innanzitutto. E così, spulciando tra i documenti, è spuntata una clausola. Berlusconi va a firmare il contratto con Sarkozy per l’acquisito delle prime due centrali nucleare tipo EPR. Una decisione “doverosa”, l’ha definita Berlusconi, spiegando che il no all’atomo ha comportato per l’Italia “un [...]