Diventa Socio
LeG Roma

Revochiamogli il titolo di Cavaliere

19 marzo 2014
Massimo Marnetto
Berlusconi Tribunale

Confermata la frode, confermata l’interdizione, sembra che finalmente questa vicenda di B. abbia avuto una conclusione. E invece manca ancora qualcosa: la revoca del titolo di Cavaliere del Lavoro. Pertanto, come cittadini, chiediamo che si attivi al più presto la procedura di revoca a Berlusconi del titolo di “Cavaliere” per indegnità.

la Repubblica

Berlusconi, il mondo capovolto

17 marzo 2014
Nadia Urbinati
Berlusconi-renzi

La politica italiana sembra non riuscire a fare a meno di Berlusconi, a liberarsi dai suoi ricatti, se è vero che perfino per attuare la politica della rottamazione c’è stato bisogno di lui. Il Pd di Matteo Renzi ha una responsabilità non piccola, e ora dovrà mostrare se quell’accordo sulla legge elettorale è venuto senza costi aggiuntivi.

L'Huffington Post

Abolizione del Senato: Libertà e Giustizia contro: “Lo rimpiangeremo”

14 marzo 2014
senato

Il Senato? Lo rimpiangeremo. Chi lo sostiene è Sandra Bonsanti, presidente di Libertà e Giustizia. La giornalista toscana sul sito dell’associazione ne spiega le ragioni: “Domani una qualunque maggioranza di governo potrà farsi la legge elettorale che le piace, che le assicura eterno potere senza mediazioni. Governabilità assoluta”.

Le riforme istituzionali

Meno male che il Senato c’è

13 marzo 2014
Staino

Allora, davvero, meno male che il Senato c’è ancora. Domani lo rimpiangeremo: una qualunque maggioranza di governo potrà farsi la legge elettorale che le piace, che le assicura eterno potere senza mediazioni. Governabilità assoluta. E poi: se non c’è più il Senato non c’è più nemmeno il Condannato, nel senso che non c’è più una esclusione dalla Camera alta per aver truffato il fisco e il cittadino italiano. La riforma di Renzi su Titolo V e Senato . Leggi l’articolo sull’Huffington Post .

Il blog di MicroMega

Berlusconi a piede libero da 221 giorni

10 marzo 2014
Rossella Guadagnini
SILVIO BERLUSCONI

Silvio Berlusconi ovvero delle condanne e delle pene. Il leader di Forza Italia è a piede libero da 221 giorni alla data del 10 marzo 2014. Ora per lui è scattata l’ora x del conto alla rovescia: tra un mese esatto, il 10 aprile prossimo, il Tribunale di Sorveglianza di Milano deciderà se assegnarlo o meno ai servizi sociali, come da lui richiesto.

L'azione di governo

Renzi, tra l’incudine e il martello

3 marzo 2014
Renzi2

Dunque, Matteo Renzi si trova fin da subito tra l’incudine e il matello, tra l’impegno fino al 2018 con il Nuovo Centro Destra di Alfano e la necessità di non scontentare il Cavaliere che chiede il voto già l’anno prossimo.
Riuscirà il nostro eroe a conciliare queste due spinte contrarie ed opposte, senza perdere fin da subito quella credibilità – quell’apertura di credito, meglio – che sembra aver ottenuto sul piano economico ed internazionale?

L'intesa

Perché Matteo piace a Silvio

26 febbraio 2014
renzi-berlusconi

Bisognava forse aggiungere un altro tassello al mosaico di inquietanti sospetti che abbiamo elencato sulle intese tra questo governo e Berlusconi? Il neo viceministro alla Giustizia Enrico Costa, ex Forza Italia, ex Pdl, ora nel NCD di Alfano, è stato, nel governo Berlusconi (2008) relatore di norme molto discusse come il Lodo Alfano che bloccava i processi giudiziari nei confronti delle quattro più alte cariche dello Stato poi abrogato dalla Corte Costituzionale e il Legittimo impedimento che prevedeva la sospensione dei processi giudiziari a carico di Presidente del Consiglio e Ministri fino al mantenimento della carica elettiva. Leggi anche il commento sul Fatto Quotidiano di Sandra Bonsanti.

Consultazioni

Il programma di Berlusconi

19 febbraio 2014
Berlusconi-renzi

Pubblichiamo il testo della dichiarazione alla stampa di Silvio Berlusconi al termine della consultazione con Matteo Renzi, presidente incaricato.

Comunicato stampa

La P2 in parlamento

19 febbraio 2014
La presidenza di Libertà e Giustizia
p2

Renzi dica subito che il programma di “riforma” della Costituzione della P2 non è anche il suo. Leggi il testo della dichiarazione alla stampa di Silvio Berlusconi al termine della consultazione con Matteo Renzi, presidente incaricato.

P.S. Nel momento in cui LeG ha scritto il comunicato sulla P2, non era ancora noto che i due avessero chiesto alle rispettive delegazioni di lasciarli soli per consentire loro di scambiarsi chissà che in un esclusivo faccia a faccia. Confessiamo di essere torturati dalla curiosità di saperne di più. A occhio e croce pare si sia parlato di giustizia, informazione e Costituzione.

La crisi

Fondata sull’Infedeltà

13 febbraio 2014
2018

Non è purtroppo solo una questione di numero romano, è una Repubblica che offende il Parlamento decidendo tutto fuori dall’aula. Una Repubblica che taglia i ponti fra cittadini e le istituzioni, in nome del Potere. Che rimane oscuro come lo è sempre stato in questo Paese. Come diceva Bobbio se una Repubblica finisce male e senza mea culpa, quella che segue sarà un disastro. Comunque, una Repubblica fondata sull’Infedeltà.