Diventa Socio
Il Fatto Quotidiano

“E’ la Costituzione di Boschi e Verdini”

30 marzo 2014
Emiliano Liuzzi
Sandra_Bonsanti_stampa_estera

Libertà e Giustizia parla di una svolta autoritaria, inaccettabile se in ballo c’è la democrazia parlamentare, la Costituzione. Sandra Bonsanti, da qualche lustro guida l’associazione, ma fu anche tra i pochi giornalisti a prendere le distanze da quella che era la grande ubriacatura del craxismo. Lo faceva a testa alta. Ieri, come oggi. Perché il disegno di Renzi non è dissimile da quello di Giuliano Amato e Bettino Craxi.

Il fatto quotidiano.it

Renzi, Berlusconi e la deriva autoritaria

28 marzo 2014
Andrea Scanzi
Berlusconi-renzi

“Stiamo assistendo impotenti al progetto di stravolgere la nostra Costituzione da parte di un Parlamento esplicitamente delegittimato dalla sentenza della Corte costituzionale n.1 del 2014, per creare un sistema autoritario che dà al presidente del Consiglio poteri padronali.

L'adesione

Prosperi: scuotiamo l’opinione pubblica

28 marzo 2014
Adriano Prosperi
prosperi

Condivido il contenuto dell’appello: penso che il percorso precipitoso verso l’affermazione di un potere arbitrario privo di ogni legittimità democratica e determinato a sovvertire l’ordinamento costituzionale debba essere denunziato all’opinione pubblica. L’occasione delle elezioni europee deve esere colta per allargare al di là dei confini italiani la protesta.

L'appello

Verso la svolta autoritaria

27 marzo 2014
Nadia Urbinati, Gustavo Zagrebelsky, Sandra Bonsanti, Stefano Rodotà, Lorenza Carlassare, Alessandro Pace, Roberta De Monticelli, Salvatore Settis, Rosetta Loy, Corrado Stajano, Giovanna Borgese, Alberto Vannucci, Elisabetta Rubini, Gaetano Azzariti, Costanza Firrao, Alessandro Bruni, Simona Peverelli, Nando dalla Chiesa, Adriano Prosperi, Fabio Evangelisti, Barbara Spinelli, Paul Ginsborg, Maurizio Landini, Marco Revelli, Beppe Grillo, Gianroberto Casaleggio, Gino Strada, Paola Patuelli, Tomaso Montanari, Cristina Scaletti, Antonio Caputo, Pancho Pardi, Ubaldo Nannucci, Maso Notarianni, Raniero La Valle, Ferdinando Imposimato, Luciano Gallino, Domenico Gallo, Ermanno Vitale, Dario Fo, Fiorella Mannoia
Berlusconi-renzi

Stiamo assistendo impotenti al progetto di stravolgere la nostra Costituzione da parte di un Parlamento esplicitamente delegittimato dalla sentenza della Corte costituzionale n.1 del 2014, per creare un sistema autoritario che dà al Presidente del Consiglio poteri padronali.
RASSEGNA STAMPA E VIDEO .

LeG Roma

Revochiamogli il titolo di Cavaliere

19 marzo 2014
Massimo Marnetto
Berlusconi Tribunale

Confermata la frode, confermata l’interdizione, sembra che finalmente questa vicenda di B. abbia avuto una conclusione. E invece manca ancora qualcosa: la revoca del titolo di Cavaliere del Lavoro. Pertanto, come cittadini, chiediamo che si attivi al più presto la procedura di revoca a Berlusconi del titolo di “Cavaliere” per indegnità.

la Repubblica

Berlusconi, il mondo capovolto

17 marzo 2014
Nadia Urbinati
Berlusconi-renzi

La politica italiana sembra non riuscire a fare a meno di Berlusconi, a liberarsi dai suoi ricatti, se è vero che perfino per attuare la politica della rottamazione c’è stato bisogno di lui. Il Pd di Matteo Renzi ha una responsabilità non piccola, e ora dovrà mostrare se quell’accordo sulla legge elettorale è venuto senza costi aggiuntivi.

L'Huffington Post

Abolizione del Senato: Libertà e Giustizia contro: “Lo rimpiangeremo”

14 marzo 2014
senato

Il Senato? Lo rimpiangeremo. Chi lo sostiene è Sandra Bonsanti, presidente di Libertà e Giustizia. La giornalista toscana sul sito dell’associazione ne spiega le ragioni: “Domani una qualunque maggioranza di governo potrà farsi la legge elettorale che le piace, che le assicura eterno potere senza mediazioni. Governabilità assoluta”.

Le riforme istituzionali

Meno male che il Senato c’è

13 marzo 2014
Staino

Allora, davvero, meno male che il Senato c’è ancora. Domani lo rimpiangeremo: una qualunque maggioranza di governo potrà farsi la legge elettorale che le piace, che le assicura eterno potere senza mediazioni. Governabilità assoluta. E poi: se non c’è più il Senato non c’è più nemmeno il Condannato, nel senso che non c’è più una esclusione dalla Camera alta per aver truffato il fisco e il cittadino italiano. La riforma di Renzi su Titolo V e Senato . Leggi l’articolo sull’Huffington Post .

Il blog di MicroMega

Berlusconi a piede libero da 221 giorni

10 marzo 2014
Rossella Guadagnini
SILVIO BERLUSCONI

Silvio Berlusconi ovvero delle condanne e delle pene. Il leader di Forza Italia è a piede libero da 221 giorni alla data del 10 marzo 2014. Ora per lui è scattata l’ora x del conto alla rovescia: tra un mese esatto, il 10 aprile prossimo, il Tribunale di Sorveglianza di Milano deciderà se assegnarlo o meno ai servizi sociali, come da lui richiesto.

L'azione di governo

Renzi, tra l’incudine e il martello

3 marzo 2014
Renzi2

Dunque, Matteo Renzi si trova fin da subito tra l’incudine e il matello, tra l’impegno fino al 2018 con il Nuovo Centro Destra di Alfano e la necessità di non scontentare il Cavaliere che chiede il voto già l’anno prossimo.
Riuscirà il nostro eroe a conciliare queste due spinte contrarie ed opposte, senza perdere fin da subito quella credibilità – quell’apertura di credito, meglio – che sembra aver ottenuto sul piano economico ed internazionale?