Diventa Socio
Il manifesto della fondazione di LeG, nata il 18 novembre 2002

Manifesto costitutivo di LeG

10 maggio 2010

Libertà e Giustizia vuole essere l’anello mancante fra i migliori fermenti della società e lo spazio ufficiale della politica

Rompiamo il silenzio

10 maggio 2010

La demagogia è il rovesciamento del rapporto democratico tra governanti e governati. La sua massima è: il potere scende dall’alto e il consenso si fa salire dal basso. ll primo suo segnale è la caduta di rappresentatività del Parlamento.

L’Italia in trappola

10 maggio 2010

Governo di salute pubblica: l’ultima idea di Pierferdinando Casini ha un sapore antico. Evoca le alchimie con cui nella prima repubblica si affrontavano le tempeste politiche, quando queste si scatenavano nel bel mezzo di tempeste economiche o sociali. Bene, non c’è dubbio che il leader dell’Udc lanci una formula che gli regalerebbe, se presa sul [...]

Le Cinque C – Corruzione, Competitività, Civiltà, Costituzione, Carità

7 maggio 2010

[ 26 maggio 2010; 17:00 - 20:00. ]

Città: milano
Luogo: Ambrosianeum
Indirizzo: via Delle Ore 3

I rimedi e le responsabilità

Gustavo Zagrebelsky, presidente emerito della Corte Costituzionale, presidente onorario di Libertà e Giustizia
I rimedi politico istituzionali

Sergio Gatti, direttore generale Federazione Italiana Banche di Credito Cooperativo
La responsabilità delle banche e il loro contributo

Mons. Adriano Vincenzi, vice assistente nazionale UCID
La responsabilità della Chiesa e il suo contributo

Umberto Ambrosoli, avvocato
Il punto di vista dei [...]

Capitalismo, mercato e democrazia: crisi nuove e riforme possibili

7 maggio 2010

[ 21 maggio 2010; 17:30 - 19:30. ]

Città: Torino
Luogo: Sala dell’antico Macello di Po
Indirizzo: via Matteo Pescatore 7

Ne discutono con:
Michele Salvati, autore del saggio Capitalismo, mercato e democrazia (Il Mulino, 2009)
Arnaldo Bagnasco
Pietro Marcenaro

Ciclo di seminari: “Idee per una nuova politica” organizzato da Fondazione Istituto piemontese Antonio Gramsci e AperTO (Associazioni per TOrino – DialogoXXI, LibertàEguale, Libertà e Giustizia, La Città che cresce, Associazione radicale Adelaide Aglietta, Laboratorio Democratico e Associazione Culturale La [...]

Due anni di governo B: “il pettine” che non c’è

7 maggio 2010

Sono passati due anni da quell’otto maggio del 2008 che segnò l’insediamento del quarto governo Berlusconi. Un tempo breve nella storia dei governi repubblicani, ma mai prima di oggi era accaduto a molti di noi di sentirci come fisicamente segnati, trasformati dal marchio di una funesta avventura.Non c’è niente da festeggiare in questa ricorrenza: ci [...]

Zagrebelsky: “la Carta da sola non funziona se i politici sono corrotti”

6 maggio 2010
red leg

Gustavo Zagrebelsky intervistato da Serena Dandini a Parla con me, “C’è qualcuno che pensa che cambiando la Costituzione, si migliora la situazione. Si comincia a cambiare la Costituzione quando il Paese è in crisi. La Storia dimostra il contrario: la Costituzione si cambia quando il paese è forte, sa dove vuole andare. L’illusione di cambiare [...]

Scandali, gaffe, dimissioni: il berlusconismo sotto accusa

6 maggio 2010

Non sono giornate allegre. Prima, la vergognosa vicenda del ministro Scaiola, che pone una domanda grande quanto la sua casa con vista sul Colosseo: perché mai il costruttore Anemone ha sborsato 900 mila euro per “facilitarne” l’acquisto, quali i favori inconfessabili e il tornaconto? Subito dopo, il “caso” del coordinatore del Pdl, Denis Verdini, già [...]

Le parole della politica

5 maggio 2010

[ 18 maggio 2010; 21:00 - 23:30. ]

Città: Ravenna
Luogo: presso la Galleria Ninapì
Indirizzo: via G. Pascoli 31

Gianfranco Pasquino, professore di Scienza Politica all’Università di Bologna,
presenta il suo libro: Le parole della politica  (ed. Il  Mulino 2010)

Interviene:
Thomas Casadei, docente di Teoria e storia dell’Opinione pubblica – Università di Bologna e direttore dell’Istituto Gramsci di Forlì

Scajola, vietato fare domande sulle dimissioni

4 maggio 2010

Il ministro Claudio Scajola si è dimesso. L’annuncio in una conferenza stampa convocata di fretta e furia: “Per difendermi non posso continuare a fare il ministro”. Non è la prima volta che il ministro se ne va: era già accaduto il 4 luglio 2002, dopo aver dato del “rompicoglioni” a Marco Biagi. Andandosene, questa volta, [...]