Diventa Socio

La riforma del Senato

3 giugno 2014
Aula Senato

Alla vigilia della discussione sugli emendamenti presentati in Commissione Affari Costituzionali del Senato, che comincia il 4 giugno, l’intesa non appare scontata. All’interno i testi in discussione: il testo del governo
, quello di Vannino Chiti
e quello sul modello francese
presentato da Miguel Gotor. Infine la proposta di Gustavo Zagrebelsky

Comunicato stampa

Renzi e l’impegno di LeG

27 maggio 2014
La Presidenza di LeG
renzicampanello

Le elezioni europee dicono che in Italia è nato un grande partito democratico e che alla sua formazione hanno contribuito molte forze di diversa origine, compresa una quota significativa di elettori che in passato hanno sempre votato a destra.

Il Manifesto

Una sfida per tutti

27 maggio 2014
Norma Rangeri
Scheda_elett2014

Il primo e unico rife­ri­mento sto­rico del nuovo par­tito piglia­tutto è la balena bianca demo­cri­stiana, capace di salire così in alto da con­te­nere tutto l’arco costi­tu­zio­nale, dalle sini­stre dei Bodrato e dei Gra­nelli alle destre dei For­lani e degli Andreotti.

Il Manifesto

Un vincitore, tanti astenuti

26 maggio 2014
Andrea Fabozzi
renzi

Eppure la vit­to­ria del Pd è chia­ris­sima. A Grillo non è riu­scito quell’assalto al cielo che aveva tanto fra­go­rosa­mente ten­tato. Come sono risul­tati impor­tanti in nega­tivo quello di Ber­lu­sconi, che pare que­sta volta vera­mente arri­vato al capo­li­nea poli­tico, e in posi­tivo quello della Lega che ha recu­pe­rato un po’ di con­sensi ai gril­lini. Ed è buono il risul­tato della lista Tsi­pras, otte­nuto in con­di­zioni dif­fi­cili. Leggi anche “Il bivio del vincitore” di Antonio Padellaro sul Fatto Quotidiano .

Il Fatto Quotidiano

Il bivio del vincitore

26 maggio 2014
Antonio Padellaro
RenziSiracusa

Renzi ha travolto Grillo realizzando un successo clamoroso come non si vedeva dai tempi della vecchia Dc. Così stando le cose, Renzi si trova davanti a un bivio. O arroccarsi a palazzo Chigi rischiando di farsi logorare dai problemi di una coalizione più fragile e con un Parlamento non del tutto amico. Oppure rilanciare lo straordinario successo personale raccolto alle Europee sul tavolo delle elezioni politiche (anche nel prossimo autunno).

LeG Messina

LeG: così da soli denunciammo Genovese

16 maggio 2014
Santi Di Bella
Genovese

LeG Messina ha contrastato politicamente Genovese quando era all’apice del potere, spesso da sola. Lo ha fatto semplicemente dicendo alla città che il “metodo Genovese” era una forma di clientelismo estremo che rendeva impossibile la democrazia interna al PD. Lo ammise in una celebre intervista di Report anche il cognato.

Il commento

Riforme, discorso sul metodo

2 maggio 2014
Franco Monaco
Costituzione_330px

Merita chiarire subito: le riforme costituzionali e, segnatamente, il bicameralismo differenziato e la revisione del titolo V s’hanno da fare presto e bene. Di più: mai come oggi esse sono alla nostra portata dopo decenni di chiacchiere inconcludenti. Ancora: saggiamente ora ci si accinge a farlo nel pieno rispetto delle procedure stabilite dall’art. 138

Comunicato stampa

Almeno la RAI dica no a Berlusconi

28 aprile 2014
La presidenza di Libertà e Giustizia
BerluVespa

Libertà e Giustizia chiede alla Rai e ai suoi consiglieri che in attesa della riforma della disciplina dell’emittenza televisiva in Italia, si risparmi ai cittadini l’indegno e avvilente spettacolo del “politico” condannato per un grave reato, espulso dal Senato e tuttora oggetto di procedimenti penali in corso, che spadroneggia sulle reti del servizio pubblico. Senza peraltro che giornalisti degni di questo nome lo mettano di fronte alle sue colpe e senza che si levi un moto d’indignazione da parte del Pd che con Berlusconi sta facendo le riforme. Gad Lerner aderisce al nostro appello . L’articolo sul blog di Repubblica e sull’Huffington Post .

la Repubblica

Berlusconi, il mondo capovolto

17 marzo 2014
Nadia Urbinati
Berlusconi-renzi

La politica italiana sembra non riuscire a fare a meno di Berlusconi, a liberarsi dai suoi ricatti, se è vero che perfino per attuare la politica della rottamazione c’è stato bisogno di lui. Il Pd di Matteo Renzi ha una responsabilità non piccola, e ora dovrà mostrare se quell’accordo sulla legge elettorale è venuto senza costi aggiuntivi.

Camera.it

Il discorso di Gennaro Migliore a Montecitorio

12 marzo 2014
Migliore

Il capogruppo di Sel alla Camera annuncia il voto negativo del suo gruppo alla Camera. “Una legge senza il conflitto di interessi. C’è stato autorevolmente spiegato, con linguaggio quasi leguleio, che non si potevano fare degli emendamenti troppo rabberciati: e perché non li avete fatti voi di migliori, care colleghe e cari colleghi del PD, esperti del diritto e del conflitto di interesse ? Perché non li avete fatti voi ?”. Leggi anche il discorso di Lorenzo Dellai .