Diventa Socio
L'appello

Verso la svolta autoritaria

27 marzo 2014
Nadia Urbinati, Gustavo Zagrebelsky, Sandra Bonsanti, Stefano Rodotà, Lorenza Carlassare, Alessandro Pace, Roberta De Monticelli, Salvatore Settis, Rosetta Loy, Corrado Stajano, Giovanna Borgese, Alberto Vannucci, Elisabetta Rubini, Gaetano Azzariti, Costanza Firrao, Alessandro Bruni, Simona Peverelli, Nando dalla Chiesa, Adriano Prosperi, Fabio Evangelisti Barbara Spinelli, Paul Ginsborg, Maurizio Landini, Marco Revelli, Beppe Grillo, Gianroberto Casaleggio, Gino Strada, Paola Patuelli, Tomaso Montanari, Cristina Scaletti, Antonio Caputo, Pancho Pardi, Ubaldo Nannucci, Maso Notarianni, Raniero La Valle, Ferdinando Imposimato, Luciano Gallino, Domenico Gallo, Ermanno Vitale, Dario Fo, Fiorella Mannoia
Berlusconi-renzi

Stiamo assistendo impotenti al progetto di stravolgere la nostra Costituzione da parte di un Parlamento esplicitamente delegittimato dalla sentenza della Corte costituzionale n.1 del 2014, per creare un sistema autoritario che dà al Presidente del Consiglio poteri padronali.
RASSEGNA STAMPA E VIDEO .

L'intervento

Al congresso della Cgil a parlare di Costituzione

19 marzo 2014
Staino

Al congresso della Cgil, riunito ieri e oggi a Piombino, hanno preso parte anche nomi della cultura e dello spettacolo che sotto la regia di Sergio Staino hanno letto la Costituzione. Sandra Bonsanti ha letto l’art.55 e ha poi parlato della proposta di legge che abolirà il Senato, privandoci di una garanzia fondamentale dello Stato.

la Repubblica

Una nuova politica costituzionale

18 marzo 2014
Stefano Rodotà
fotoRodotà

È ancora possibile una politica costituzionale? La questione non riguarda soltanto l’Italia, né si esaurisce nel controllo di conformità delle leggi a singole norme della Costituzione. Ma, quando si segnala questo tema, accade spesso di ricevere risposte infastidite, quasi che si volesse mettere la politica sotto una incombente e inammissibile tutela del diritto.

la Repubblica

“Troppa continuità col Porcellum la costituzionalità è a rischio”

12 marzo 2014
Liana Milella
azzariti

Una legge costituzionale? «La definirei ad alto rischio». Interverrà la Consulta? «Non mancherà l’occasione». Donne non garantite? «Chi ha scritto l’Italicum non ha studiato bene la Costituzione ». Il Senato escluso? «L’irrazionalità al potere». Gaetano Azzariti, docente di diritto costituzionale alla Sapienza, è critico sulla riforma e dice: «Sono molto preoccupato». Leggi anche il parere di Valerio Onida

la Repubblica

“Sacrificata la Costituzione all’accordo con Berlusconi non voterò questa riforma”

11 marzo 2014
(g. c.)
Rosy Bindi

«Non parteciperò al voto finale sulla legge elettorale, questa è una ferita molto grave e profonda». Rosy Bindi, l’ex presidente del Pd, è furibonda. Sono stati appena bocciati tutti gli emendamenti sulla parità, anche quello anti discriminatorio su cui uno schieramento di deputate bipartisan puntava.

la Repubblica

“Così questa riforma è incostituzionale bisogna dare le stesse chance a tutti”

11 marzo 2014
Liana Milella
Carlassare_Lorenza

La costituzionalista Lorenza Carlassare, del consiglio di presidenza di LeG, dice la sua sulle “quote rosa”. “Mi sono sempre battuta contro questa stupida denominazione, usata per abbassare la serietà e l’importanza di un discorso che riguarda la democrazia e l’integrazione della rappresentanza, ma la doppia preferenza è necessaria”. Leggi anche l’intervista su Repubblica a Rosy Bindi .

LeG Lamezia Terme

Breve storia della Costituzione e i suoi Principi fondamentali. A cosa servono le regole?

28 febbraio 2014
Mario De Grazia
Lamezia

Primo appuntamento del ciclo di incontri “Con la Costituzione sui banchi di scuola”. Un momento di riflessione sulla crisi politica che sta attraversando l’Ucraina e la guerra civile che ha portato alla morte di tanti cittadini. A prendere la parola è stata una studentessa ucraina che ha auspicato la fine del conflitto nel proprio Paese, nella speranza in una rinascita dalle ceneri con una nuova Costituzione, così come fatto dall’Italia nel secondo Dopoguerra.

LeG Bassa val di Cecina

Libertà di pensiero e pluralismo dell’informazione

17 febbraio 2014
calamandrei

Elisabetta Rubini ha partecipato all’incontro organizzato da LeG Val di Cecina, nell’ambito del progetto di insegnamento della Costituzione negli istituti superiori di Rosignano. Alcuni testi di Calamandrei, Bobbio, Zagrebelsky per spiegare valori quali la libertà di manifestazione del pensiero e pluralismo dell’informazione.

La crisi

Nessuno interferisca

13 febbraio 2014
parlamento

In un momento così drammaticamente delicato per la politica e per le istituzioni del nostro paese è assolutamente essenziale che tutti si attengano ai principi previsti dalla Costituzione: cioè niente interferenze o pressioni sulla autonoma dinamica parlamentare da parte di Tutti. Succeda che quel che succeda ma che succeda in Parlamento.

In attesa che dicano qualcosa

Non c’è due senza tre

12 febbraio 2014
Costituzione_firma

E c’è chi “spinge” di più e chi “spinge” di meno, e chi “spinge” da una parte e chi “spinge” dall’altra. Noi di LeG “spingiamo” per aggiornare e non rottamare la Costituzione repubblicana. Quella firmata da De Nicola, De Gasperi e Terracini. Non quella dei “Saggi” e della finanziaria americana JP Morgan.