Diventa Socio
La sentenza

La legge è uguale per tutti

24 giugno 2013

La legge è uguale per tutti. È questo il significato semplice e universale che sintetizza il giudizio della Corte di Milano. A testa alta passiamo davanti a quel tribunale che onora sulla facciata i due martiri della guerra alla mafia. A testa alta nel mondo. Ascolta l’intervista di Sandra Bonsanti a Radio Fujiko e leggi “Quel Palasharp incubo del Foglio”.

Corriere della Sera

Ciak, si gira «La grande ipocrisia»

24 giugno 2013
Luigi Ferrarella

E allora, sia risparmiato almeno il cinema delle sentenze «decisive» gabbate per finte bussole dell’agire politico: al cinema vero, in luogo de «La grande bellezza», novelli Sorrentino e Servillo in erba stanno già crescendo per girare tra qualche anno, come spaccato di questa stagione, «La grande ipocrisia».

la Repubblica

La legge favorisce le prescrizioni, ora il Ministro faccia il mea culpa

7 marzo 2013
Liana Milella

Si appronta una modifica del codice penale che “grazia” un imputato e lo manda assolto. Questo è successo, per ora con Penati, ma domani con altri imputati (Berlusconi nel caso Ruby?), grazie a un suo intervento sul codice che, appena reso noto, è stato criticato per quello che è, un colpo di spugna.

Le tappe

Ruby e “zio” Mubarak, ma in quanti ci credono?

23 marzo 2011
o.p.

La Giunta per le autorizzazioni di Montecitorio dà l’ok alla richiesta della maggioranza di sollevare un conflitto di attribuzioni sul caso Ruby. Ma la vicenda, ormai snodo processuale del presidente del Consiglio, ha già una lunga serie di puntate (e consensi) istituzionali.

La sua Africa

“Nemmeno nello Zimbabwe”

22 febbraio 2011

Era l’autunno del 2009 quando il direttore generale Rai, Mauro Masi si lasciò sfuggire al telefono questo commento. Ecco, a distanza di pochi mesi, cosa si dice di noi sui giornali africani. Per i lettori (e gli articolisti) di Tanzania, Kenya, Berlusconi è il primo ministro italiano “grande venditore”, e pagatore di prostitute, ospiti nelle sue residenze.

Oltre la menzogna

Il falso garantismo contro la verità dei fatti

10 febbraio 2011
Sergio Materia

Chi difende il Presidente del Consiglio non nega il rilievo politico dei fatti, se veri, ma dice che niente di quello che l’indagine sta scoprendo è vero. Ci si appella alla presunzione di innocenza e al garantismo. E si reagisce con le minacce ai magistrati.

L'intervista

Franceschini: “Berlusconi, un leader che vuole salvare se stesso”

2 febbraio 2011

Il capogruppo Pd alla Camera: “Temo che il male più insidioso sia l’assuefazione. Ecco perché mi pare assolutamente positiva e importante la manifestazione organizzata da Libertà e Giustizia sabato a Milano, con la partecipazione di grandi personalità, che possono davvero contribuire con la loro presenza e le parole, a risvegliare le coscienze di questo paese”.

Caso Ruby

Il caos nella corte del sultano

2 febbraio 2011

Il Grande Bugiardo aggiorna il copione. Nella commedia degli inganni, ha ora il ruolo di protagonista il rilancio dell’economia, la libertà d’impresa. Ritorna sulla scena l’articolo 41 della Costituzione. Prima lo muoveva Tremonti, ora la muove Berlusconi, ma resta l’eterno alibi col quale si cerca di giustificare l’impotenza del governo.

La strategia

All’attacco

25 gennaio 2011

Le accuse? Vanno negate, anche quando è impossibile contraddirle. Le critiche? Sono “spregevoli, turpi e ripugnanti”, come le ha definite il Cavaliere nel suo ultimo show televisivo, quello da Gad Lerner su La7. Sono questi i canoni della comunicazione mediatica selvaggia, imposta dal premier dopo l’esplosione del Rubygate.

Caso Ruby

Il pm dei minori contesta Maroni

10 novembre 2010

Il ministro conferma alla Camera quanto già illustrato al Senato: nessuna irregolarità da parte della Questura, ma non spende nemmeno una parola sul filmato che riprende Lele Mora mentre accompagna le ragazze ad Arcore. E il pm dei minori invoca il Csm: “La versione di Maroni non corrisponde alla mia esperienza”.