Ricucire l’Italia

 Ricucire l’Italia, il manifesto di Gustavo Zagrebelsky


I VIDEO

Sandra Bonsanti

[HTML1]

Giuliano Pisapia

[HTML2]

Valerio Onida

[HTML3]

Roberto Saviano

[HTML4]

Fava, Revelli, Rosati

[HTML5]

Dario Fo

[HTML6]

Elisabetta Rubini 

[HTML7]

Paul Ginsborg

[HTML8]

Michele Serra

[HTML9]

Carlo Smuraglia

[HTML10]

Giuliano Turone

[HTML11]

Roberta de Monticelli, Lorenza Carlassare

[HTML12]

Siddi, Tinti

[HTML13]

 

LE FOTO

LE ADESIONI E GLI INTERVENTI

L’adesione di Susanna Camusso
Il messaggio di Don Ciotti
L’intervento di Franco Siddi
L’intervento di Roberta de Monticelli
L’intervento di Bice Biagi

LA RASSEGNA STAMPA

Ansa.it, Studenti e indignati protesta anche sul web
Süddeutsche ZeitungVogliamo riavere la nostra dignità
Corriere della SeraLa piazza anti-governo “Siamo in 20 mila”
Rainews24Pisapia: Uniti contro chi ha distrutto la democrazia
Rainews24Ricucire l’Italia: almeno 20 mila in piazza
Repubblica.itRicucire l’Italia, in 25mila a Milano
La Stampa.itPisapia: “Berlusconi al capolinea. La sua fine politica è imminente”
Le agenzie di stampa
Tg24.it,  Ricucire l’Italia C’è anche Saviano
Il Giornale, I radical chic di Libertà e Giustizia già divisi
La Repubblica, Bavaglio e morti bianche all’iniziativa di LeG
La RepubblicaA Milano per Ricucire l’Italia già prenotate decine di pullman
La Repubblica, Crescono le adesioni per Ricucire l’Italia
La Repubblica, In piazza l’Italia che dice no agli scandali
La Repubblica, Sud, giovani, immigrati. Tanti strappi da ricucire
Repubblica.itRicucire l’Italia, il Paese si mobilita
Il Fatto quotidiano Il Parlamento degli schiavi
Il Foglio.it, Libertà e Giustizia scavalca Rep. e chiama alla seconda adunata
Il Fatto quotidiano Il Fatto pubblica il manifesto di Zagrebelsky

 

 

 

145 commenti

  • Sbrighiamoci , altrimenti andiamo sempre più a fondo. non ce la faccio a venire a Milano, ma vi sono ugualmente vicina.

  • E DUNQUE IL TEMPO E’ GIUNTO;TEMPO DI DECIDERE DA QUALE PARTE STARE…
    LIBERTA’,GIUSTIZIA,VERITA’ E ONORE OPPURE MENZOGNA,FALSITA’ E CRIMINALITA’ ORGANIZZATA…
    E DUNQUE E’ TEMPO DI LOTTARE E COMBATTERE PER L’ITALIA E PER ROMA VITTORIOSA !
    BUTTIAMO FUORI DAI CONFINI NAZIONALI QUELLI CHE GIURANO SULLA COSTITUZIONE ITALIANA E POI VORREBBERO LA SECESSIONE DA ROMA DOVE SI STA BELLI CALDI CALDI .
    B & B DEVONO SCOMPARIRE SOTTO TERRA.

  • Mi sono iscritto perché…NON ACCETTO NESSUN BAVAGLIO,se offendo qualcuno ingiustamente,esiste la GIUSTIZIA quella vera per punirmi,ma quella vera,quella che punisca i reati sempre e in qualsiasi momento della vita,quindi via le scadenze,via le prescrizioni,dare a chi deve svolgere e applicare le leggi i mezzi affinché i processi arrivino a SENTENZA (SEMPRE)in pochi mesi,aumentare anche le intercettazioni,indagando tutti coloro che vivono sopra le loro possibilità,verificando di chi sono TUTTI gli immobili.questo serve non i bavagli.

  • Ho contribuito con entusiaso alla vostra iniziativa. Sto utilizzando temporaneamente l’indirizzo mail di mia figlia (al quale potete tranquillamente contattarmi), perché sono ancora in vacanza.
    Rientro a Mialno i primi di ottobre e con entusiasmo parteciperò alle vostre interessanti iniziative.
    Mi potreste gentilmente anticipare via mail il calendario delle attività di quest’anno
    Con stima e simpatia
    Lucrezia Bruni

  • Sarebbe stato molto carino partire dall’enorma ago di Gae Aulenti, in Piazza Cadorna, no???? O comunque fare qualcosa…..un cartello o boh??? Un Flash Mob….boh? Da pensarci…ma peccato non sfruttarlo.

    Ci vediamo mercoledì alle 18…

  • L’Associazione Carta ’48 esprime la propria convinta adesione alla giornata di mobilitazione “Ricucire l’Italia” del prossimo 8 ottobre.
    Per testimoniare la propria solidarietà alla difesa dei diritti costituzionali l’Associazione Carta ’48 rilancia con il proprio contributo alla comune battaglia in difesa della carta Costituzionale.
    Il Presidente Carlo De Michele

    PS: il manifesto della manifestazione è riportato nella Home-Page del nostro sito http://www.carta48.org

  • Tutti parlano di Costituzione ma, nessuno evidenzia mai l’art.4 . Solo quando l’art. 4 della Carta Costituzionale tornerà ad essere spontaneamente rispettato e applicato, come aveva fatto la generazione che aveva “partorito” la Carta Costituzionale, potremmo ritrovare fiducia e dare un futuro ai nostri figli.
    Io ex imprenditore “ucciso” da Istituzioni, gestite da uomini corrotti, che mi hanno impedito di rispettare l’art. 4 : “…..ogni cittadino ha il dovere di svolgere…… una attività che concorra al progresso materiale o spirituale della società.”

  • La democrazia in Italia, se ancora esiste, è in grave pericolo. Partecipare, fare sentire il proprio dissenso è un dovere di ogni cittadino pensante. Essere in piazza, anche a costo di qualche sacrificio, è un’opportunità che la vostra iniziativa ci offre. Grazie, noi ci saremo!

  • Nell’esservi grata per questa (e per tutte quelle che l’hanno preceduta) iniziativa dell’8 ottobre prossimo, mando a voi, e a tutti noi che verremo a Milano, l’augurio più profondo perchè possiamo ricominciare a ricucire il nostro Paese, devastato in ogni settore della vita nazionale da un’accolita dedita all’occupazione delle Istituzioni e a pratiche di illegalità e/o complicità nelle illegalità che non hanno precedenti nella nostra storia repubblicana.
    Abbiamo lottato per avere la democrazia, abbiamo difeso la democrazia nei maggiori momenti di pericolo: oggi abbiamo il dovere di ricostruire il tessuto sociale, culturale, etico e politico del nostro popolo e di tutti coloro che hanno scelto di vivere nel nostro Paese.
    E’ così che l’Italia deve tornare ad essere.
    Una grande democrazia il cui unico faro è la Costituzione repubblicana.
    Ci vedremo a Milano. Con la bandiera tricolore.
    Un abbraccio a tutti voi e ancora grazie.
    Silvia Manderino – Mestre

  • Pingback: L’8 ottobre in piazza a Milano “per ricucire l’Italia” « Sezione ANPI Zona 1 di Milano

  • Pingback: informazioni da anpi nazionale « ANPI CATANIA

  • Aderisco per cominciare a impossessarmi nuovamente dei miei diritti mentre mi impegno ad adempiere ai miei doveri a partire dal controlllo sui miei rappresentanti
    MM

  • Vorrei proporvi un’azione per sabato. Mi piacerebbe che ognuno portasse un pezzo di stoffa con scritto sopra ciò che più sente come valore o attività da “ricucire” in Italia. Questo pezzo di stoffa verrà poi consegnato a Leg che potrebbe farne una “coperta” a testimonianza concreta della giornata…..e chissà, potrebbe poi circolare in mostra!!!

  • Vorremmo portare come contributo il Manifesto ” Per un nuovo spirito pubblico” che abbiamo presentato come comitato promotore lo scorso 1° ottobre a Firenze.

    Manifesto
    Per un nuovo spirito pubblico

    1.
    Necessità

    C’è bisogno in Italia di un nuovo spirito pubblico.

    Se vogliamo affrontare con qualche possibilità di successo l’asprezza della crisi economica e finanziaria, se non vogliamo restare a guardare passivamente il progressivo degrado della vita civile, dobbiamo venir fuori al più presto dal caos in cui si trova il sistema democratico, e ricostruire l’autorevolezza delle istituzioni politiche.

    Ci vorrà del tempo per fare i conti pienamente con i cambiamenti prodotti in questi anni, nei comportamenti pubblici e privati, dal populismo dilagante, dall’invasione dei conflitti d’interesse, dalla demagogia anti italiana, da un esercizio del potere troppe volte oscuro, insincero, volgare, e infine corrotto.

    Ma non ci riusciremo se non cominciamo da ora a costruire un nuovo spirito pubblico. Che metta al centro anzitutto l’onestà, la sincerità, la trasparenza. Che restituisca senso, dignità e riconoscimento alla cura degli interessi generali, dei beni comuni, delle ragioni dello stare insieme.

    Questo nuovo spirito pubblico si costruisce anzitutto con il linguaggio della solidarietà, dell’unità e del civismo. E con una pratica della politica sobria e responsabile. Si costruisce con il coraggio della critica ai comportamenti che in questi anni hanno relegato in un angolo il patrimonio di civiltà del nostro Paese, ridimensionato i diritti e dileggiato i doveri, messo in discussione i valori dell’equità e della giustizia sociale e il rispetto delle diversità. In una parola: i fondamenti dell’etica civile, laica, repubblicana scritti nella nostra Costituzione, dai quali, invece, occorre ripartire. E nei quali sono descritti i due termini essenziali dell’essere morale individuale e collettivo: l’aspirazione alla “vita buona” e i doveri che ne derivano.

    Ciò che caratterizza un nuovo spirito pubblico non è l’assenza del conflitto politico, non è la scomparsa delle differenze. E’ invece l’idea laica che nello spazio politico nel quale ognuno porta le proprie idee, vanno rispettate le regole senza prevaricazioni e abusi di potere e vanno valorizzati i percorsi individuali, le aspirazioni alla vita buona che ognuno ha dentro di sé e consentono agli altri di perseguire le proprie. E’ l’idea che il potere deve incontrare un limite, che tutti sono soggetti alla legge comune, e che questa si esercita nel riconoscimento delle libertà fondamentali degli individui.

    Soprattutto, un nuovo spirito pubblico parte dalla consapevolezza che possiamo farcela a costruire un’Italia diversa e che vale la pena di spendere ciascuno qualcosa di sé in questa impresa.

    Tocca alla politica fare il primo passo, e dunque farsi attraversare da un moto di rigenerazione morale, di senso etico del dovere, di dedizione all’interesse pubblico.

    L’indignazione non basta più. L’indignazione verso ciò che sentiamo come una prevaricazione insopportabile ci dà la carica per reagire, per prendere voce pubblica, per riconoscerci in un movimento collettivo. Poi bisogna agire, fare ciascuno la propria parte. Anche perché tutti abbiamo da farci perdonare qualcosa, fosse soltanto il non aver capito in tempo, l’aver lasciato che le cose corressero così, l’aver pensato di potercela cavare da soli, l’aver ceduto alle banalizzazioni del “sono tutti uguali, gli altri”. Prendiamo esempio dal movimento delle donne, dalla sua carica unitaria e innovativa, dalla sua capacità di saper guardare al futuro di tutti.

    La politica deve dare ora il segnale di voler riconquistare pienamente una dimensione collettiva e razionale.

    2.
    Onestà, sincerità, trasparenza

    Si diceva dell’onestà, della sincerità e della trasparenza. Queste sono, tra tutte, le prime competenze che deve dimostrare di possedere chi fa politica. Quelle che non bastano, ma senza le quali tutte le altre non servono a niente.

    L’onestà e la trasparenza devono essere garantite da leggi stringenti e da codici etici adottati e sanciti dalle regole interne dei partiti. Leggi che oggi non ci sono, perché si ammette che un condannato per gravi reati possa accedere anche alle cariche più elevate. Codici che oggi non ci sono, e che quando ci sono non vengono applicati con la dovuta fermezza. L’onestà non la puoi imporre, ma con le leggi la puoi controllare, devi combattere il suo contrario. La trasparenza invece la puoi imporre, con le leggi e con i codici etici.

    La sincerità può essere garantita solo dal diritto di cronaca, dalla libera espressione del pensiero, dal controllo da parte di una pubblica opinione avvertita, informata, esigente. Nel tempo presente, invece, il diritto di cronaca e la libera espressione del pensiero sono continuamente sotto schiaffo, mentre si fa largo la pratica nefasta della macchina del fango, del killeraggio a colpi di dossier. La giustizia è debole nel garantire i diritti, ed è lenta a colpire la macchina del fango.

    3.
    Coraggio e riforme

    Se vogliamo che si affermi un nuovo spirito pubblico, dobbiamo perciò avere il coraggio dell’elogio della mitezza e l’orgoglio dell’esercizio misurato del potere.

    Ma un nuovo spirito pubblico, perché si diffonda nel corpo sociale e sia misura e criterio di apprezzamento dell’agire di ciascuno di noi, non può affermarsi veramente se non si ritrova nelle grandi istituzioni politiche e sociali, se non vive in buone e corrette leggi elettorali e in istituzioni per composizione e funzione autorevoli e degne di questo nome, se non si riconosce nel modo in cui viene gestito il servizio pubblico radio televisivo, e se la scuola pubblica viene abbandonata a sé stessa o la giustizia non funziona. I sostenitori del nuovo spirito pubblico sanno che devono dare battaglia per queste riforme.

    4.
    Personalizzazione, populismo

    Quanto alla politica, c’è da riflettere su come stiamo vivendo il processo di personalizzazione, che ha il merito di dare spazio ai talenti e alle qualità e il difetto di perdonare tutto ai vincitori. Il nuovo spirito pubblico di cui c’è bisogno non può che esaltare talento e qualità, ma non può perdonare a nessuno il tradimento dei valori declamati, la violazione delle regole comuni, la cattiva gestione del potere, men che mai al vincitore.

    La cattiva personalizzazione si fa forza del clientelismo e dell’uso arrogante del potere e si esalta nel populismo. La miscela è esplosiva: tutto si può e si deve perdonare al potente di turno, a lui non deve essere richiesta né onestà, né trasparenza, né sincerità, anzi è lui stesso che detta i canoni della vita buona e la sua morale privata diviene criterio per ridisegnare la morale pubblica. Il gioco populista trasforma lo Stato di diritto in Stato etico, l’etica dettata dal Capo. La Costituzione è solo un orpello, i diritti inalienabili dell’uomo una inutile declamazione, non c’è più etica civile, laica, repubblicana. Per questa strada si dà il via alle leggi inumane verso gli immigrati, si apre la strada a divieti imposti non dalle leggi ma determinati da poteri amministrativi, si dà spazio all’omofobia, si punisce chi ha convinzioni diverse dalla maggioranza, si relegano nell’irregolarità le coppie che aspirano ad avere un figlio con la procreazione assistita, si cancella il diritto delle persone a ricercare la propria umana dignità al momento della fine della propria vita. E se un giudice osa rimettere le cose a posto, ce n’è anche per lui.

    Nei regimi democratici, tuttavia, il gioco populista trova sul campo molti fieri avversari, anche quando, come è avvenuto in Italia, il populismo ha fatto breccia in tante culture politiche. Non tutto può essere abbattuto in un sol colpo. La democrazia ha sempre una sua forza, una sua legittimità popolare; lo Stato di diritto risorge infine ad ogni angolo. Fin quando ci sono le istituzioni della democrazia la lotta è sempre aperta. È in questo importante e largo spazio democratico che deve emergere un nuovo spirito pubblico, ed è da qui che deve partire la riscossa dell’etica civile, laica, repubblicana.

    5.
    Il minimo

    Se dunque volessimo redigere un piccolo memorandum di principi e regole minime per intraprendere l’impegno per fondare un nuovo spirito pubblico, potremmo dire alcune cose tra tutte:

    1. Nessun potere sia incontrollato. Nessun potere sia concentrato in poche mani, e soprattutto nessun potere politico si sommi nelle mani di chi detiene posizioni dominanti, nell’economia o nella finanza o nell’informazione.
    2. Nessuno, che sia chiamato a ricoprire cariche pubbliche, sia assolto dai suoi conflitti d’interesse.
    3. Nessuno possa sottrarsi al principio di uguaglianza di tutti di fronte alla legge, in particolare per le violazioni della legge penale in cui incorra.
    4. La politica sia vissuta in partiti veri, democratici, pluralisti; i partiti ricevano il finanziamento pubblico solo se dimostrano di praticare il principio democratico e in misura corrispondente alla loro capacità di auto finanziamento. Ogni finanziamento privato, diretto o indiretto, della politica sia reso pubblico.
    5. Nessuno, che sia chiamato a ricoprire cariche pubbliche, possa sottrarsi ai doveri di trasparenza, di onestà, di sincerità. Si dia vita diffusamente alle anagrafi degli eletti.
    6. Tutti quelli che ricoprono cariche pubbliche siano tenuti ad esercitarle con onore e dignità; nessuno possa esercitare insieme due cariche pubbliche, tranne che l’una sia condizione dell’altra.
    7. Nessuno, che ricopre cariche pubbliche, abbia privilegi, ma solo le prerogative che ne garantiscono, in relazione alla funzione esercitata e all’impegno richiesto, lo svolgimento con dignità, autonomia e indipendenza. Nessuno, che non abbia i mezzi per svolgere una carica pubblica, sia nei fatti impedito a farlo per questa ragione.
    8. Nessuno, che ricopre cariche espressione del potere sovrano dei cittadini, e che riceva un giusto compenso per il suo servizio, possa continuare a svolgere, nel corso del suo mandato, anche attività private redditizie.
    9. Nessuno, che ricopre cariche pubbliche, abbia il potere di impedire l’esercizio di critica sul suo operato, né di limitare, con leggi ed atti di governo, le libertà individuali e l’esercizio dei diritti riconosciuti come inviolabili.
    10. Tutti quelli che ricoprono cariche pubbliche siano tenuti a dare conto dell’impegno profuso nell’assolvimento dei propri compiti.

    6.
    Partiti

    Queste semplici cose appaiono in gran parte scontate. Ma non è così. Un nuovo spirito pubblico non potrà affermarsi se i partiti più sensibili a questa necessità non trovano il modo di tradurla nei propri comportamenti pratici, indicando la strada per affrontare quella questione morale che, nel suo significato più ampio, riguarda tutta la società.

    Contiamo, in questo, molto sui partiti che oggi in Italia sono all’opposizione, e in particolare sul Partito Democratico che ne è la parte principale ed essenziale, e a cui è affidato dai cittadini il compito di costruire una credibile alternativa.

    I sottoscrittori di questo Manifesto sono in gran parte iscritte e iscritti al PD e contano sul successo del suo progetto. In quanto iscritte e iscritti, hanno molte occasioni per dire la loro. Se oggi scelgono di usare anche questo strumento è perché vogliono rappresentare, insieme ad altre persone, un punto di vista più deciso, alimentare una speranza comune di rinnovamento di tutto il centro sinistra, offrire a tutti e dunque anzitutto al PD spunti di riflessione. Parziali fin che si vuole, ma autentici.

    Ci sono nella società italiana e nei partiti le energie e le volontà per affermare una diversità politica frutto di scelte concrete.

    Ma bisogna fare in fretta. E bisogna fare bene.

    Il linguaggio conta: non c’è nessun cambiamento, non c’è nessun discorso sul nuovo spirito pubblico se si usa l’invettiva. Se si assolve sé stessi puntando il dito sugli altri. Se si pratica il personalismo esasperato. L’invettiva, l’autoassoluzione e il personalismo esasperato sono infatti in perfetta continuità con lo spirito dei tempi che vogliamo superare. Essi nascondono, attraverso continue suggestioni e sviamenti, la sostanza della vecchia politica.

    Nessuno può fare da sé. Chi pretende di fare da sé prepara riedizioni di populismo e tempi di passività per i destinatari del suo messaggio. Populismo e personalismo esasperato sono il contrario del nuovo spirito pubblico che vogliamo affermare.

    In questo, c’è un tratto di vera novità nelle parole del segretario nazionale del PD, che ha escluso di inserire il suo nome nel simbolo del partito o della coalizione di centro sinistra che si prepara al confronto elettorale.

    7.
    Rinnovamento

    In realtà, ci sono molti modi per promuovere il rinnovamento dei partiti. Un modo che appare coerente con il nuovo spirito pubblico che vogliamo affermare è di rispettare il pluralismo interno e di comporre differenze e contrasti con metodo laico, di liberare l’accesso alle cariche pubbliche consentendo che ciascuno possa competere guadagnandosi sul campo la fiducia e la legittimazione, di trovare il giusto equilibrio tra aspirazioni personali e aspirazioni collettive, di assicurare la rappresentanza di genere a tutti i livelli. Sicuramente il rinnovamento si sostanzia anche di principi di rotazione nelle cariche, interne e pubbliche.

    Il rinnovamento che consideriamo coerente con un nuovo spirito pubblico è fondato, poi, sulla qualità delle regole scritte nei codici etici e nello statuto, semplici, essenziali ed efficaci, sulla capacità degli organismi di garanzia di farle valere tempestivamente, e sul rispetto delle decisioni che vengono assunte. Ogni volta che emerge un problema giudiziario, è bene che il partito distingua il suo ruolo da quello delle persone, poiché nessuno deve sentirsi protetto dal partito se è in discussione la sua onorabilità. La politica responsabile ammette dunque una solitudine, che non è condanna ma distanza dai destini individuali. È il prezzo che tutte le persone che fanno politica devono mettere nel conto, come “rischio professionale” insito nella dignità del ruolo che ricoprono.

    Il rinnovamento che consideriamo coerente con un nuovo spirito pubblico si basa sulla qualità del lavoro delle strutture di base e degli organismi rappresentativi e dirigenti del partito ad ogni livello, come luoghi veri nei quali si operano le scelte che devono essere assunte e si realizza una efficace partecipazione. Se questo c’è, anche i luoghi associativi di tendenza, espressione della incomprimibile libertà dei singoli, alimentano e rafforzano la partecipazione in vista delle decisioni democratiche collettive che negli organismi rappresentativi e dirigenti devono essere assunte. In un partito, prima di tutto, ci si rimbocca le maniche per un’idea, un progetto da realizzare con gli altri, una visione della partecipazione ugualitaria e ricca di voglia di cambiamento.

    8.
    Primarie

    Non c’è partito se queste cose non ci sono, tutte insieme. E qui si pone l’esigenza di rinnovare il sistema delle primarie, quelle di partito come quelle di coalizione. Un metodo da cui non si deve prescindere, che può portare – lo si riconosca con serenità – ad una buona personalizzazione come anche alla personalizzazione esasperata e, per questa strada, alla dissoluzione del partito. Le primarie, se diventano l’unica modalità democratica (se ad esse non si aggiungono altre modalità come i congressi tematici, i referendum, gli strumenti della moderna democrazia deliberativa) sono destinate a diventare il loro contrario, cioè lo strumento per negare il partito stesso. Primarie destrutturate, dove ciò che conta è vincere a tutti i costi, producono solo l’effetto di radicalizzare intorno ad una persona il confronto.

    Anche per le primarie esiste dunque un problema di regole condivise, semplici ed efficaci. Non volte ad impedire (impedire l’accesso, ridurre il pluralismo, ecc.) ma volte ad allargare le possibilità di confronto politico per raggiungere una nuova unità. Per questo, il principio fondamentale delle primarie non può che essere, come avviene per l’elezione del segretario nazionale del PD, che vince chi ottiene il voto favorevole della maggioranza dei partecipanti.

    Occorre, perciò, che le primarie siano ben regolate, e in modo tale che possano essere uno strumento con il quale si pratica un nuovo spirito pubblico. Il luogo collettivo, il partito o la coalizione, che le promuove non può sparire d’incanto, come sospeso in attesa che l’esito delle primarie ridefinisca lo spazio di un nuovo assoluto potere, per quanto legittimato dal voto. Ci sono molte cose che si possono stabilire, dal sistema di voto alle regole di comportamento, dalla trasparenza assoluta del finanziamento ottenuto e delle spese sostenute al ruolo del partito o della coalizione nell’organizzazione complessiva (sedi e strumenti messi a disposizione dei partecipanti, gestione della comunicazione con gli iscritti e gli elettori degli albi, ecc.). Ciò che è essenziale è il ritrovarsi, dopo il momento delle differenze, in luoghi riconosciuti e unitari. Se non avviene così, dall’esperienza delle primarie non esce un partito rinnovato ma un altro partito, informale e in grado di esercitare più potere di quello formale.

    Non esiste dunque meccanica identità tra la fondazione di un nuovo spirito pubblico e la pratica delle primarie. Le primarie sono un metodo democratico, ma non il solo metodo democratico per la designazione dei candidati alle cariche istituzionali. Funzionano bene per le cariche monocratiche, molto meno per le altre, e possono rivelarsi un errore se fatte per comporre liste plurinominali. Perciò, il dibattito sulle primarie che si sta svolgendo oggi tra i partiti del centro sinistra e nello stesso PD è un dibattito pieno di forzature. L’esigenza preminente, invece, è quella di costruire al più presto una coalizione che sia in grado di dare un svolta al Paese, e la necessità politica – se non addirittura storica – è quella di presentare al più presto una alternativa credibile. Dunque, se devono essere fatte, si facciano per questo scopo, non per regolare i conti dentro la coalizione o per forzare le regole che il PD si è dato.

    9.
    Istituzioni

    Infine, e se ne tratta da ultimo perché è il problema più importante, per il PD e per il centro sinistra si pone l’esigenza imprescindibile di dare senso ad un nuovo spirito pubblico prospettando un programma efficace per contrastare la crisi economica e finanziaria e per riformare le istituzioni democratiche restituendo loro credibilità e autorevolezza.

    Quest’ultimo punto (l’autorevolezza delle istituzioni democratiche) è oggi quasi disperso e annacquato, prevalendo invece il discorso sui costi della politica. Se si vuole avere cura per la democrazia, occorre restituirle efficacia e capacità di dare risposte ai bisogni sociali. E dunque in questo discorso c’è anche il problema dei costi. Che però non può essere affrontato seriamente “dimezzando” la democrazia ad ogni piè sospinto, ad ogni emergenza finanziaria. Lo slogan del dimezzare porterà solo ad avere da qui a poco istituzioni esse stesse dimezzate, e ridotte a luogo di rappresentanza di pochi (e personali) interessi.

    Occorre un’altra scelta, di valore costituente.

    Una scelta che ricostruisca, nel tempo presente, le istituzioni che servono alla democrazia locale, i comuni soprattutto, la qualità delle scelte che si fanno per i servizi ai cittadini, la gestione di beni comuni, la tutela del territorio. Bandiere sui municipi non servono se i comuni non sono istituzioni forti, e forti non possono essere se sono dispersi. Dunque, comuni forti, con organi di governo rappresentativi, veri e funzionanti, con uffici responsabilizzati e capaci di gestire servizi di qualità con una spesa sostenibile. Intorno al comune e ai comuni tra di loro aggregati si può riunificare una amministrazione pubblica oggi dispersa in mille organismi serventi, enti e società che non hanno più ragione di essere.

    Il valore costituente delle scelte che sono di fronte imporrà una riconsiderazione del ruolo delle Regioni, che non possono che essere il soggetto che riorganizza il sistema istituzionale locale sul territorio. Ad esse sia affidato il compito di organizzare efficacemente le istituzioni che sostituiscono le province e perfino l’istituzione delle città metropolitane. Lo Stato non lo può fare, non ne ha più nemmeno la cultura, da quando, giustamente, si è avviato un importante processo di decentramento di funzioni e servizi verso le comunità locali. Le Regioni siano, perciò, uno dei pilastri del nuovo potere pubblico, e siano esse ad esprimere la Seconda Camera, al posto di un Senato che oggi è una replica della Camera dei deputati. La Camera delle Regioni, costruita sul modello tedesco, dunque eletta in secondo grado e con poteri non legislativi ma di negoziazione con lo Stato, di proposta e di controllo, può realizzare al meglio principi di essenzialità, di efficacia di autorevolezza delle istituzioni pubbliche.

    Allo stesso modo, occorre dare nuovo valore alla prima Camera, la Camera dei deputati, unico corpo legislativo e politico, la cui composizione non può essere semplicemente dimezzata. La prima Camera non può che essere il primo luogo della rappresentanza, e dunque tale da consentire la presenza di vere minoranze. Non può che essere, in un sistema parlamentare, l’organo che elegge il governo. Meglio, molto meglio, se eletta con un sistema uninominale, come chiede il referendum elettorale e come ha da tempo proposto il PD. Ed è essenziale che in essa si esprimano al massimo livello i principi della democrazia paritaria tra i generi.

    Il tempo che verrà è certo pieno di incognite, ma è anche l’occasione di una riscossa democratica e civile, che dia all’Italia la possibilità di rimettersi in piedi.

    Primi promotori del Manifesto:

    Giacomo Trallori Giovanna Malgeri
    Andrea Abbassi Maddalena Pilarski
    Giulio Caselli Andrea Pugliese
    Nicolina Cavallaro Maria Grazia Pugliese
    Sergio Chiuderi Anna Scattigno
    Filippo Fossati Simone Siliani
    Iacopo Ghelli Francesca Zippel
    Valentina Giovannini
    Lorenzo Isa
    Luigi Izzi
    Eleonora Kagiyet
    Daniela Lastri
    Claudia Livi
    Alessandro Lo Presti

  • Vorrei proporvi un’azione per sabato. Mi piacerebbe che ognuno portasse un pezzo di stoffa con scritto sopra ciò che più sente come valore o attività da “ricucire” in Italia. Questo pezzo di stoffa verrà poi consegnato a Leg che potrebbe farne un “lenzuolone” a testimonianza concreta della giornata…..e chissà, potrebbe poi circolare in mostra!!!

  • PER QUEST’OPERA DI RICUCITURA OCCORRE UN FILO ALTRETTANTO FORTE QUALE QUELLO USATO DALLA RESISTENZA PER CACCIARE DEFINITIVAMENTE QUESTI CIALTRONI ARROGANTI E INCOMPETENTI.

  • Vorrei tanto esserci ma lavoro fino alle20. Vorrei comunque manifestare la mia partecipazione almeno nelle intenzioni. Per esempio potrei avere la maglietta prima così da poterla indossare quel giorno? Vi ringrazio in anticipo in attesa di risposta.

  • Pingback: Ricucire l’Italia | ESTERNALIZZATI

  • non so se potrò essere presente a milano, ma la mia presenza ideologica ci sarà. leggo fra gli interventi che molti non possono partecipare fisicamente perciò per dimostrare comunque il sostegno alla manifestazione potremo pensare a un segnale (tipo appendere alla finestra uno straccio arancione o altro) che ponga in evidenza la ns volontà di partecipare a questa manifestazione

  • liberatevi dall’anestetico che vi lega su un divano davanti alla “scatola magica”, venite a respirare un pò di aria putrida di milano e portate tutta la vostra incazzatura. ci sarò!!!!!!!!!!

  • Ciao,
    ci devo e voglio essere anch’io. Secondo voi posso portare anche il mio bambino di 5 anni? E’ da mesi che io e mio marito stiamo attendendo un momento di manifestazione di piazza e ci piacerebbe poter partecipare insieme!!

  • Purtroppo la lontananza è enorme ma comunque come associato vi sono vicino.Quello che è importante è sustituirsi a questa classe politica di profesione ma non di fatto.Bisogna indivuduare i problemi dei giovani, cosa che i nostri rappresentanti di sinistra non sono capaci di fare.Forza ce la dobbiamo fare.DARIO

  • Aderisco con convinzione alla manifestazione di sabato.

    ‘Ricucire l’Italia’ è un messaggio bello e giusto in cui mi ritrovo con convinzione. Sarò sabato a Milano all’Arco della Pace con altre migliaia di persone.

    Unire una politica rinnovata alla società consapevole è un compito che ci riguarda. Così come unire indignazione morale e disagi sociali. D’altronde, è cio’ che ha anticipato Milano con la vittoria di Giuliano Pisapia. Ora dobbiamo saperci mescolare in un sentimento comune per aprire una nuova stagione.

    Barbara Pollastrini

  • Pingback: Ricucire l’Italia | Radio Pereira

  • VISTO CHE VUOLE METTERE A TACERE CHI LO “DISTURBA”, METTIAMOLO A TACERE NOI: INDICIAMO UNO SCIOPERO A OLTRANZA DELLA VISIONE DELLE RETI MEDIASET.
    SE FUNZIONA, GLI INSERZIONISTI PUBBLICITARI FUGGIRANNO E B., TOCCATO NEL PORTAFOGLIO, SARA’ PIU’ DEBOLE E SOTTO SCACCO.

  • Sarò con voi e non da solo, per dare forza all’iniziativa che condivido pienamente. Aria nuova, senza inquinamento!!!

  • Pingback: Ricucire l’Italia « Tri-Ciucc

  • Sarò idealmente con voi tutti che mi aspetto numerosi,purtroppo non mi sarà possibile essere a Milano,sappiate che come me tanti altri vi guarderanno e riconosceranno in voi uomini,donne,cittadini,con cui condividono ideali e speranze e volontà di agire

  • Lavoro per una multinazionale e passo molto tempo all’estero. Tra i motivi per cui sarò all’arco della pace c’è anche il non riuscire più a sopportare i commenti di chi ci osserva dal di fuori, quando va bene ci compatiscono, nella maggior parte dei casi ci considerano un paese sottosviluppato e folkloristico che non si capisce come possa generare un qualsivoglia tipo di eccellenza.
    Il degrado in cui versa la nostra gestione politica è arrivato ad un livello tale per cui solo una netta presa di posizione della società civile può riuscire a cambiare le cose e ridare all’Italia un po’ di credibilità.
    Spero che saremo in tanti a far sentire la voce del paese che non si vede, ma per fortuna c’è.

  • ci vediamo all’arco della Pace sabato 8 novembre.
    Complimenti e grazie per la manifestazione
    Maurizio, da Novara

  • La situazione è critica, nonostante “la ricchezza degli italiani” e nonostante alcune eccellenze del nostro Paese.
    Solo una massiccia mobilitazione sociale, costante e non occasionale, può sperare di scuotere le strutture paralizzate del nostro Stato.

  • Condivido pienamente il doloroso colloquio di Zagrebelsky apparso su Alfabeta 2. Rientra bene nel dibattito, tra il fasullo e l’ipocrita, tra antipolitica, critica alla politica, critica del ceto politico. Esempio di stupidità, se non di ipocrisia: la reazione media dei PD ai documenti tipo Della Valle.
    L’unica cosa, in un momento come questo, che conta è la libertà di informazione e di critica.
    Non sarò presente fisicamente alla manifestazione all’Arco della Pace, ma ne condivido la speranza e., spero, l’entusiasmo.

  • Spero che il popolo ITALIANO dimostri a se stesso ed alla comunita’internazionale che non e’ quello che viene descritto dai nostri politici che tutto fanno meno che tutelare il popolo sotto ogni profilo vituperando la cosa piu’ bella che la democrazia puo’ insegnare,la liberta’ e la giustizia per tutti i cittadini .Viva la liberta’abbasso qualunque forma di autoritarismo e dittatura anche se celata, come accade da noi con una forma subdola di democrazia purtroppo inesistente.

  • Pingback: Ricucire l’Italia, aderisce Articolo 21 » Movimenti - Blog - Repubblica.it

  • Mi piacerebbe tantissimo esserci, purtroppo nn sono a milano. Cmq esprimo tutta la mia solidarietà al movimento e alla manifestazione di sabato 8.

  • Pingback: Una settimana di merda. | Informare per Resistere

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>