Diventa Socio
Invia questa pagina Stampa

La scuola di Reggio Calabria: il Mezzogiorno oltre il vincolo della criminalità organizzata

Il documento conclusivo
Al Sud il cattivo funzionamento della Pubblica amministrazione, causato in larga misura dalla pervasività della criminalità organizzata, e gli intrecci mafie-politica sono ostacoli concreti allo sviluppo economico fino ad oggi mai rimossi né aggrediti in modo strutturale. Tuttavia i successi ottenuti con l’impegno straordinario di singoli uomini della Pubblica amministrazione, veri volontari del dovere pubblico, e i casi sempre più numerosi, anche se limitati e insufficienti a realizzare una inversione di tendenza, di successo imprenditoriale, dimostrano che nel Mezzogiorno è possibile accendere lo sviluppo. Nonostante, anzi, oltre il vincolo mafioso.

Libertà e Giustizia con la Summer school si propone in questo quadro di sostenere il Mezzogiorno capace di costruire futuro, contribuendo a formare una classe di amministratori locali, da un lato, finalmente consapevoli che creare sviluppo è un vero e proprio dovere costituzionale, dall’altro, capaci di utilizzare gli strumenti legislativi utili alla bisogna. L’obiettivo è ambizioso. In pratica: senza attendere che lo Stato sconfigga le mafie, e gli elettori il malcostume politico, Libertà e Giustizia collabora con i meridionali disponibili a impegnarsi per allargare tutti gli spazi di positività esistenti, fino all’inversione di tendenza. Partendo da quello che manca: una classe dirigente che lavori davvero per il Sud.

In questa prospettiva la Summer School si muove contemporaneamente su due piani. In Italia, in generale, proponendo una riflessione a tutto campo per riaprire il dibattito sull’efficacia e le prospettive delle politiche di coesione economica e sociale alla luce dei vincoli del Mezzogiorno d’Italia. Al Sud, in particolare, creando un luogo qualificato di conoscenza e di ricerca, per diffondere tra le nuove classi dirigenti l’impiego consapevole e utile delle politiche di coesione nella prospettiva dello sviluppo possibile, oltre quei vincoli.

Il Programma del 12-13-14 settembre 2008

I docenti

La lezione di Antonio Viscomi

La lezione di Riccardo Achilli


Intervieni

Connect with Facebook

Registrati per inserire i tuoi commenti più velocemente

Nel ringraziarla per il suo contributo ed avere espresso la sua opinione, le precisiamo quanto segue. Libertà e Giustizia non effettua controllo preventivo in relazione al contenuto, alla veridicità dei contributi o delle opinioni espresse, delle quali lei resterà unico responsabile.
Libertà e Giustizia adotterà ogni misura ragionevolmente esigibile per evitare che siano pubblicate opinioni diffamatorie, offensive e/o in contrasto con diritti di terzi.
Lei prende atto che Libertà e Giustizia: (i) non potrà essere ritenuta responsabile di eventuali illeciti connessi alla pubblicazione del contributo e/o delle opinioni espresse, (ii) è autorizzata a rendere disponibili le informazioni che consentono la sua identificazione qualora ciò fosse ritenuto necessario per finalità di giustizia, (iii) si riserva di rimuovere contributi e/o opinioni che possano violare diritti di terzi.

*

6 interventi a “La scuola di Reggio Calabria: il Mezzogiorno oltre il vincolo della criminalità organizzata”

  1. lucia scrive:

    Gradirei essere informata dell’inizio dei corsi della scuola estiva di Reggio Calabria.
    Grazie
    Distinti saluti

  2. Giuseppe Fiamingo scrive:

    Potete tenermi informato via mail delle prossime sessioni a Reggio Calabria?
    Grazie
    GF

  3. tina palmisano scrive:

    Quando iniziano i corsi? Come si fa ad iscriversi?
    Grazie

  4. marcello borgese scrive:

    la calabria soffre di un radicato familismo amorale responsabile di una mancanza di civismo che è la base essenziale della democrazia e della ricerca del bene comune.

  5. marco letizia scrive:

    Come si fa per iscriversi????????

  6. Ebbene: se Reggio Calabria e la sua gente potesse essere coinvolta in una azione di acculturamento politico culturale, forse si raggiungerebbero più facilmente due risultati:
    una maggiore aggregazione sociale, con il conseguente rapprappimento del solito, vecchio individualismo; una più avveduta consapevolezza che la mobilitazione deve essere eserictata ogni giorno, ogni giorno, se si vuole sperare di iuscire dal tunnel.