Altro giro, signori, altro libro.

Laddove si gioca gratis, si vince forse, l’arbitro è scorretto, i punteggi ingiusti, il divertimento assicurato (?).

Moderatore: daniloalbini

Regole del forum
Le finalità di questo forum sono quelle di LeG.
La regola prima è quella sottoscritta con l'iscrizione allo stesso, le successive sono date dal civismo dei partecipanti stessi.
Le caratteristiche dell' intervento sono fissate dal moderatore di turno che, nel mio caso, sono:
fatevi leggere anche dal primo che capita qui per sbaglio, non citate troppo gli altri citate il vostro pensiero, rispettate i temi, non aprite cartelle doppie, poche arlecchinate grafiche ed ogni tanto ridete. Chiamasi fruibilità per tutti, scriventi e lettori.

Altro giro, signori, altro libro.

Messaggioda Umberto Umberto » 30/03/2011, 7:31

" Ma non c’era una buona scuola anche nella nostra città? che all’uscita mi trovavo con gli amici, andavo a giocare, magari la sera si andava in un posto a bere qualcosa, a una festa, insomma tutte le cose che fanno i ragazzi della mia età.

Niente: per mio padre io dovevo per forza andare proprio nel collegio più severo del paese, e perché, visto che non avevo fatto niente di male, e non ero mai stato bocciato?

Ma sapete cosa vi dico, che a me non me ne frega niente: io scappo. C’è quella ragazzina simpatica che vive nel paese vicino e vuole venire con me, e allora gambe in spalla e via! Con tanti saluti a tutti i fratoni del collegio, che mi sa che qualcuno è anche un po’, come dire ……



Eh, la pensavo così quando ero giovane; adesso che sono anziano mi sono calmato un po’ … beh, certo che mi sono divertito, figuratevi che ho fatto l’artista! Ed ero bravo, anzi di più; e poi le ragazze, tante: alte e basse, magre e un po’ in carne, esperte e verginelle, nobili e zingare, ricche e poveracce, ho fatto cornuti tanti di quei mariti, che se solo la metà lo venisse a sapere …

Però è strano. Questo paese mi sembra di conoscerlo: quando mi sono fermato credevo di non averlo mai visto, e invece mi ricorda qualcosa; mi sembra come se lo sapessi già che lì c’era una piazza, e nella piazza c’era un’osteria, sì proprio quella dove avevo incontrato quella ragazza con cui ero scappato tanti anni fa. Chissà che fine avrà fatto.

Ma allora qui vicino ci deve essere anche il collegio, chissà se c’è ancora. No, no, sicuro che c’è ancora: guarda quanti frati si vedono in giro. Ma quello mi sembra di conoscerlo, quello che è vestito diverso dagli altri, che adesso si è fermato e gli stanno tutti intorno a sentire cosa dice, sarà mica … ma no! Non è possibile che sia quel prefetto giovane, l’unico con cui andavo d’accordo! Ma sì che è lui, mamma mia come è invecchiato!

Adesso voglio proprio vedere se mi riconosce anche lui: “Ehi, Reverendo!”
Avatar utente
Umberto Umberto
 
Messaggi: 74
Iscritto il: 08/03/2011, 11:28

Re: Altro giro, signori, altro libro.

Messaggioda Guido Maselli » 30/03/2011, 10:44

E' raccontato in prima persona?
Giacqui con due signore: Vittoria e Sconfitta. Entrambe fingevano.
Avatar utente
Guido Maselli
 
Messaggi: 607
Iscritto il: 07/06/2010, 23:01

Re: Altro giro, signori, altro libro.

Messaggioda Umberto Umberto » 30/03/2011, 10:47

Ottima domanda.
No: sono io che lo racconto dal punto di vista di uno dei protagonisti. (Mazza, che aiuto che ho dato, devo starci più attento)
Oh, qui ci sono in palio 11 punti Undici, mica noccioline!
Avatar utente
Umberto Umberto
 
Messaggi: 74
Iscritto il: 08/03/2011, 11:28

Re: Altro giro, signori, altro libro.

Messaggioda daniloalbini » 30/03/2011, 11:40

HERMAN HESSE: “NARCISO E BOCCADORO”
Avatar utente
daniloalbini
 
Messaggi: 333
Iscritto il: 04/06/2010, 10:20

Re: Altro giro, signori, altro libro.

Messaggioda Umberto Umberto » 30/03/2011, 12:42

incredibile. Proprio lui.
11 punti al pio moderatore.
Avatar utente
Umberto Umberto
 
Messaggi: 74
Iscritto il: 08/03/2011, 11:28

Re: Altro giro, signori, altro libro.

Messaggioda Guido Maselli » 30/03/2011, 12:56

Chapeau. Però 1/2 punto anche a me per la domanda mi parrebbe doveroso. Ero nei paraggi ed Il sesto vizio capitale mi appartiene...
Giacqui con due signore: Vittoria e Sconfitta. Entrambe fingevano.
Avatar utente
Guido Maselli
 
Messaggi: 607
Iscritto il: 07/06/2010, 23:01

Re: Altro giro, signori, altro libro.

Messaggioda Guido Maselli » 30/03/2011, 13:29

E visto che ci siamo lancio una caccia:

Strana la vita. Sono sempre stato una carogna sin da piccolo, mia madre mi era indifferente e detestavo i miei compagni di scuola. L’invidia era il mio pane e l’odio il companatico, o viceversa.
Lo sono stato da grande e lo sosno tutt’ora
Malgrado questo ho avuto kulo: successo professionale e quattrini.
Ho figli sciacalli (poteva essere altrimenti?) che, ora che son vecchio e sul punto di tirar le cuoia, mi volano attorno, uno schifo.
Li voglio fottere: niente eredità, lascio tutto ad un illegittimo che non ho mai visto (figuriamoci la madre manco ricordo il viso).
Come dicevo la vita è proprio strana: gratta gratta scopro che questo figlio ignoto è un cesso peggiore degli altri. Che fare? Boh: "è uno di quei giorni che.... proviamo anche con dio non si sa mai..".
Giacqui con due signore: Vittoria e Sconfitta. Entrambe fingevano.
Avatar utente
Guido Maselli
 
Messaggi: 607
Iscritto il: 07/06/2010, 23:01

Re: Altro giro, signori, altro libro.

Messaggioda Guido Maselli » 30/03/2011, 14:13

Tenderei a rimettermi il cappello, mi sovviene un romanzo di Steinbeck: Pian della tortilla dice nulla?
Giacqui con due signore: Vittoria e Sconfitta. Entrambe fingevano.
Avatar utente
Guido Maselli
 
Messaggi: 607
Iscritto il: 07/06/2010, 23:01

Dinastie imprenditoriali?

Messaggioda daniloalbini » 30/03/2011, 21:27

Caro Maselli,

Pian della tortilla ha come eroe positivo alla fine, in una congrega picaresca, un tizio che si chiama Danny, notoria contrazione anglo sassone di Danilo. Sempre piaciuto quel libro.

Sono in caccia del tuo libro, di solito il figlio illegittimo è il migliore del mazzo. Vado sulle dinastie imprenditoriali?
Avatar utente
daniloalbini
 
Messaggi: 333
Iscritto il: 04/06/2010, 10:20

Re: Altro giro, signori, altro libro.

Messaggioda Guido Maselli » 30/03/2011, 23:12

No, non ci andare. Siamo in ambiente medio-borghese, professionisti benestanti come te nulla di più. Venuto dal nulla, lui.
Eppure eppure uno come te dovrebbe amare l'autore.... (no non era un prete).
Pensa che ho letto il libro al liceo e l'ho riletto dopo 30 anni.
Giacqui con due signore: Vittoria e Sconfitta. Entrambe fingevano.
Avatar utente
Guido Maselli
 
Messaggi: 607
Iscritto il: 07/06/2010, 23:01

Prossimo

Torna a Venghino, signori, venghino

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron