come si politicizza la magistratura

laddove si parla di attualità politica.

Moderatore: daniloalbini

Regole del forum
Le finalità di questo forum sono quelle di LeG.
La regola prima è quella sottoscritta con l'iscrizione allo stesso, le successive sono date dal civismo dei partecipanti stessi.
Le caratteristiche dell' intervento sono fissate dal moderatore di turno che, nel mio caso, sono:
fatevi leggere anche dal primo che capita qui per sbaglio, non citate troppo gli altri citate il vostro pensiero, rispettate i temi, non aprite cartelle doppie, poche arlecchinate grafiche ed ogni tanto ridete. Chiamasi fruibilità per tutti, scriventi e lettori.

come si politicizza la magistratura

Messaggioda paolodegregorio » 31/07/2010, 6:26

- come si politicizza la magistratura –
di Paolo De Gregorio, 30 luglio 2010

Per la elezione degli 8 membri laici da insediare nel CSM (consiglio superiore della magistratura, organo di autogoverno dei giudici) sembrava di essere alla RAI, dove le spartizioni e le lottizzazioni sono la regola, con tutti i partiti (IDV esclusa) a piazzare i loro uomini, con preponderanza di quelli berlusconiani, messi lì con il principale scopo di impedire alla magistratura di esercitare l’autogoverno e di politicizzare il vertice della magistratura.
Fa un po’ sorridere che i più feroci lottizzatori politici, che hanno inserito soggetti come l’avvocato Palumbo, difensore di Berlusconi, l’avvocato di Bossi, il consigliere del ministro Alfano, sono poi quelli che, un giorno sì e l’altro pure, attaccano quella magistratura politicizzata e giustizialista che da 20 anni trama contro quel giglio di campo, Silvio o’ curto.

Molto dura e giusta la presa di posizione di Ignazio Marino, della minoranza del PD, che critica il metodo di elezione, che altro non è che un meccanismo che tiene insieme la CASTA, e i nomi vengono decisi dalla nomenklatura dei partiti dove comandano pochissimi.
Bisogna chiarire che tutti i partiti avevano la facoltà di astenersi dal piazzare i loro accoliti nel CSM, e cercare quelle personalità giuridiche indipendenti (che ci sono), se solo considerassero un valore prezioso l’indipendenza della magistratura dalle intrusioni della politica.

Non è un problema secondario, qualunque rinnovamento è bloccato da questo vizio di funzionamento, dalle lottizzazioni e dagli scambi sottobanco.
Ignazio Marino farebbe benissimo ad andarsene dal PD che approva questo metodo, e ottiene un membro, Calvi, che è l’avvocato di D’Alema, e approdare all’IDV di Di Pietro, che contrasta questo metodo e lo accoglierebbe a braccia aperte.
Se Marino resta nel PD segno che è un lottizzatore anche lui.
paolodegregorio
 
Messaggi: 72
Iscritto il: 22/05/2010, 19:21

Re: come si politicizza la magistratura

Messaggioda Donato Manni » 02/08/2010, 20:03

Seppure in modo tardivo riprendo il tema di De Gregorio che purtroppo non denuncia un processo nuovo, bensì un antico e forse ineliminabile vezzo.
Il tema dunque sarebbe "come si è politicizzata la magistratura". Ho il sospetto che la politicizzazione sia avvenuta nel momento in cui si è regolamentata la nomina del Consiglio superiore.
Di questo organismo solo tre membri vi accedono di diritto e quindi senza una pratica elettiva a rischio spartitorio: Il presidente che è anche il Presidente della Repubblica e altri due membri: il primo presidente della Corte di Cassazione e il procuratore generale della stessa Corte.
Tutti gli altri, e sono tanti, sono a nomina elettiva fra i magistrati stessi, esperti a vario titolo del mondo giuridico e Avvocati con almeno quindici anni di professione.
Ma chiedo: come è possibile, visto il regolamento in essere fin dalla nascita, ovviare a questa pratica spartitoria?
Non ho la risposta.
Donato Manni
 
Messaggi: 81
Iscritto il: 06/06/2010, 10:37

Re: come si politicizza la magistratura

Messaggioda lectiones » 02/08/2010, 22:21

Principio di azione e reazione: a ogni azione corrisponde una azione uguale e contraria. A una magistratura spartitoria corrisponde un pessimo governo (Berlusconi). E' una legge della fisica. Niente di mio.

Cordialità
lectiones
 
Messaggi: 343
Iscritto il: 26/07/2010, 16:28


Torna a Taccuino di primavera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron